tipress
CANTONE
14.02.21 - 13:230
Aggiornamento : 15.02.21 - 09:48

Vaccini: «Quadri ne sa più della commissione nazionale d’etica per la medicina?»

L'attacco dell'Mps dopo una lettera di Lugano Istituti Sociali a firma del presidente e consigliere nazionale.

La missiva rappresenterebbe una «forma di minaccia, neanche velata, verso il personale che non ha ancora deciso di vaccinarsi».

LUGANO - Una missiva, consegnata qualche giorno fa a tutto il personale, dal consiglio d’amministrazione di Lugano Istituti Sociali (a firma del presidente, il consigliere nazionale Lorenzo Quadri). Tale comunicazione, per il Movimento per il Socialismo, rappresenterebbe una «forma di minaccia, neanche velata, verso il personale che non ha ancora deciso di vaccinarsi».

Il contenuto - segnala l'Mps - riferisce di «possibili conseguenze e responsabilità di tipo giuridico nel caso di nuovi focolai all’interno delle nostre strutture che inevitabilmente sono generati in prima linea da professionisti». Poi si aggiunge: «La responsabilità professionale si completa con quella collettiva nei confronti dei colleghi e di coloro che frequentano i nostri Istituti e che hanno aderito alla campagna vaccinale. Laddove non si potrà garantire la sicurezza auspicata non si esclude l’introduzione di misure di rinforzo a titolo preventivo». E a concludere: «Pertanto, la invitiamo caldamente a considerare le raccomandazioni sopra indicate e ad aderire alla campagna di vaccinazione».

Ricordando che la commissione nazionale d’etica per la medicina (CNE) si è espressa contro un obbligo generale della vaccinazione contro il coronavirus, ed anche contro l’obbligo per il personale sanitario, l'Mps pone al Governo i seguenti interrogativi, tramite un'interpellanza:

  • La circolare consegnata al personale di Lugano Istituti Sociali è stata discussa ed approvata dal Medico Cantonale o da altre autorità cantonali?
  • Concorda che il suo contenuto è di fatto una minaccia verso il personale e, soprattutto, non fa leva su aspetti scientifici?
  • Cosa intende fare per rimettere in carreggiata il consiglio d’amministrazione di Lugano Istituti Sociali tenuto conto del ruolo dell’autorità cantonale nella tutela dei diritti del personale?
  • Vi sono altre strutture socio-sanitarie che hanno adottato simili metodi minatori?
  • Cosa sta facendo l’autorità cantonale per applicare l’invito della Commissione nazionale d’etica per la medica a convincere con argomentazioni scientifiche il maggior numero di personale socio-sanitario a sottoporsi alla vaccinazione?
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 9 mesi fa su tio
L'MPS di poche idee e inoltre impraticabili, solo starnazzare per farsi notare....
Marta 9 mesi fa su tio
Il personale medico coscienzioso dovrebbe vaccinarsi, ma se non è obbligatorio... Comunque si continua a parlare di vaccinarsi mentre i vaccini forse ci saranno per tutti solo verso l'estate... è quasi ridicolo
Nmemo 9 mesi fa su tio
Il problema è e resta la vaccinazione del personale di cura e assistenza. Coerentemente il personale renitente a farsi vaccinare dovrebbe cambiare professione. I diritti personali e/o etici dovrebbero sottostare al primario impegno a protezione del paziente.
Evry 9 mesi fa su tio
Gli MPSsini si arrampicano sui specchi con starnazzate roboanti come gli Ipopotami, bocche spalancate ma nella palta fino ai denti...
pillola rossa 9 mesi fa su tio
Sai che paura che hanno tutti di Quadri... Autorevolezza nulla, autorità illegale. Preoccupante Quadro.
Güglielmo 9 mesi fa su tio
Ma pronzin, ma lo sai che se vai a raccontare ste cose al kim jong un o al premier cinese (per pensare in rosso come voi), col fucile da safari ti vaccinano. -)) ma almen tas...
don lurio 9 mesi fa su tio
Questa volta do ragione a Quadri. Visto che lavorano per gli istituti sociali pubblici devono vaccinarsi. Se é facoltativo vacinarsi allora riaprire tutti i esercizi pubblici, commerci ecc... ecc. Fegarsene della commissione Nazionale e dei MPS. non son altro che POLITICANTI = (vedi vocabolario)
Boh! 9 mesi fa su tio
Pronzini è il classico esempio del teorico distruttivo che se ne guarda bene di assumere ruoli decisionali ma che poi non perde occasione per criticare chi invece lavora.
matias13 9 mesi fa su tio
@Boh! Descrizione sintetica, precisa, corretta! Bravo
Nmemo 9 mesi fa su tio
@Boh! @Boh - Il commento è fazioso poiché attacca la persona in luogo di esprimersi sui fatti. E' un tipico atteggiamento da PLRT e affini.
matias13 9 mesi fa su tio
Che peso! Ma crede davvero di passare per politiko apprezzato? Se nella lettera veniva scritto: cari collaboratori, fate quello che meglio pensate e se non volete fare il vaccino chissene! Ecco che avremmo letto l'ennesimo isterismo movimetsocial dove il succo delle domande sarebbe stato il medesimo, solo diversa la composizione. Daltro canto da uno che si fa intervistare con alle spalle l'immagine di un sanguinario guerriero, non ci si può aspettare pensieri strutturati.
conTESSINa 9 mesi fa su tio
@Gif applicare il concetto dell'etica sul personale sanitario è ridicolo; fino a prova contraria ogni vaccinazione per virus protegge unicamente chi l'assume non l'interlocutore. Perciò l'unica protezione rimane l'utilizzo corretto dei presidi medici insegnati a tutti.
Gif 9 mesi fa su tio
Il personale sanitario per etica e senzo di responsabilità dovvrebbe spontaneamente vaccinarsi. Chi non lo fa senza un motivo medico, non ha nessun rispetto per la tutela della salute dei loro pazienti e dovrebbe riflettere seriamente se svolge la professione giusta. Ricordo che per contenere i malati ed i ricoverati negli ospedali proprio per per non sovracariccare le strutture ospedaliere e di conseguenza il personale, sono state prese delle misure che stanno rovinando la vita a migliaia di persone, perciò un piccolo rischio lo possono assumere anche loro. Molti sarebbero felici di potersi vaccinare subito per proteggere gli altri, se stessi e riprendere una vita normale.
hclnelcuore 9 mesi fa su tio
Pronzini vai in letargo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
5 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
7 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
8 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
11 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
12 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
13 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
13 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
15 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
1 gior
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile