Ti Press
CANTONE
31.01.21 - 13:150

Infermiere avvelenate: «Ancora una volta ce ne si lava le mani»

EOC, Ispettorato del lavoro e Medico cantonale avrebbero fatto ostruzione secondo l'MPS.

Che tramite un'interpellanza chiede al Consiglio di Stato di prendere posizione sulle responsabilità di quanto successo.

BELLINZONA - Il caso di avvelenamento di un gruppo d'infermiere dell’ospedale San Giovanni, che sarebbe avvenuto a seguito dell’utilizzo, senza le necessarie protezioni, di formaldeide, non ha lasciato indifferenti i deputati dell'MPS. I quali hanno prontamente redatto un'interpellanza indirizzata al Consiglio di Stato.

Le sette infermiere in questione, come ha riferito il Caffè nella sua edizione odierna, si sono tutte ammalate di patologie autoimmuni e tumori. Purtroppo una di esse è deceduta nel corso del 2020. A partire dal 2019, le infermiere avrebbero denunciato questa situazione sia al proprio datore di lavoro (l'EOC), sia alle autorità cantonali competenti per la tutela della salute sui posti di lavoro (Ispettorato del lavoro e Medico cantonale). Negli scorsi mesi avrebbero pure contattato il CdA dell’EOC e il ministro De Rosa.

«Purtroppo - rilevano Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori - ancora una volta, sia l’EOC che Ispettorato e Medico cantonale, invece che assumersi le proprie responsabilità hanno fatto ostruzione». "Ancora una volta", perché secondo i tre granconsiglieri si tratterebbe di una prassi «rodata» e adottata già in altre vertenze (come il contagio da epatite C avvenuto al Civico): «L’EOC si nasconde dietro alla prescrizione, il Medico cantonale se ne lava le mani, De Rosa si adegua ai potenti».

Viste le premesse, l'MPS sottopone quindi le seguenti domande al Governo:

  1. Il Consiglio di Stato è stato informato dal ministro De Rosa di questa vertenza? Condivide la posizione ostruzionistica dell’EOC e il lassismo del Medico Cantonale?
  2. Non ritiene opportuno e urgente imporre al CdA dell’OEC un cambiamento di posizione e assumersi le proprie responsabilità (vista anche il suo ruolo sanitario) verso queste dipendenti che hanno subito delle malattie professionali?
  3. Non ritiene opportuno e urgente imporre al CdA dell’EOC d'intraprendere tutti i passi necessari per informare tutto il personale che ha in passato o ancora attualmente è a contatto con sostanze nocive delle misure di prevenzione o accertamento d’eventuale malattie professionali?

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASCONA
1 ora
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
6 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
FOTO
LOCARNO
11 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE
12 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
1 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
2 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
RIAZZINO
2 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile