tipress (archivio)
LOCARNO
22.12.20 - 16:180

«Lo stand di tiro di Ponte Brolla deve essere dismesso»

Il Partito Socialista di dice pronto al referendum

LOCARNO - «O si trovano soluzioni adeguate e definitive o saremo pronti al referendum contro nuovi crediti». Torna d’attualità il tema dello stand di tiro di Ponte Brolla dopo che, lunedì, il Consiglio comunale di Locarno ha votato un credito di 400'000 franchi riguardante alcune misure di risanamento e di manutenzione straordinaria dello Stand e, la stessa sera, anche il Consiglio
comunale delle Terre di Pedemonte si è espresso favorevolmente in merito.

«Le discussioni sono state un momento importante per fare il punto su questa annosa questione che da troppo tempo non viene adeguatamente affrontata - sottolinea il PS in una nota -. È infatti noto a tutti come la convivenza fra l’attività dello stand di tiro e le caratteristiche paesaggistiche, residenziali e turistiche dell’area di Ponte Brolla, risulti essere assai problematica: in particolare a causa dei disagi provocati a livello fonico».

Secondo i socialisti «occorre attivare immediatamente la ricerca - a livello regionale o cantonale - di una soluzione definitiva, che consideri come prioritario e inderogabile il rispetto dei limiti fissati dall’Ordinanza federale sull’inquinamento fonico».

Stando alle direttive cantonali una soluzione in proposito va trovata entro il 2024. Per questo motivo, il PS annuncia che «in assenza di un progetto vincolante di dismissione, saremo pronti al referendum contro nuovi crediti di “risanamento”, che non farebbero altro che continuare ad avallare una situazione divenuta ormai insostenibile».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 3 mesi fa su tio
Questa volta è ampiamente condivisibile la richiesta di chiudere questo anacronistico impianto. Se pensiamo che si trova in mezzo ad una delle zone più apprezzate del Ticino, sia dai residenti che dagli ospiti, non è più tollerabile questo utilizzo del sedime per sparare con fucili e pistole. Chiaro la soluzione non è dietro l'angolo. Gobbi e compagni preferiscono apparire sui media che operare in modo sollecito e deciso. Il problema è sul tavolo da oltre 10 anni,ma la soluzione Ceneri è non è ancora all'orizzonte. Che anche i militari riducano l'obbligo del tiro fintanto che non ci sarà l'alternativa ., mezzo sicuramente di pressione su un governo troppo latitante.
Meck1970 3 mesi fa su tio
Per la sinistra l'importante è sempre fare chiudere tutto ..... non trovare soluzioni per tenere aperto delle attività che ci sono già da tanti anni. Se i soldi andavano per le loro cose ..... allora tutto andava bene .......
don lurio 3 mesi fa su tio
Ma é solo dato dagli stand di tiro l'inquinamento fonico: Provate ad abitare in vicinanza di 7 campi da tennis esterni d'estate (dalla mattina alla sera ore 2200 rumore delle palle, grida ecc.. ecc.Provate ad abitare vicino agli stadi di calcio ,Provate ad abitare vicino alla ferrovia, mi domando perchè hanno messo i ripari fonici lungo le autostrade e strade primcipali. L'autorità ha anche il dovere di dare la possibilità di praticare tutti gli sport riconosciuti.Hanno fatto il centro sportivo a Tenero ( a livello Federale ) quanti sport non hanno dato la possibilità di parteciparvi. Per quanto a mia saputa gli orari di apertura degli stand di tiro (tutto il Ticino) sono di poche ore settimanali.
Galium 3 mesi fa su tio
Il PS ha completamente ragione. Le regole sull'inquinamento devono essere rispettate. È assurdo poi chiedere alla gente di andare ad abitare altrove. Si tratta di inaccettabile arroganza
pardo54 3 mesi fa su tio
Mi chiedo perché certa gente prima di mettersi alla tastiera non verifica i collegamenti con il cervello. Eviterebbero di scrivere panzane su argomenti che non conoscono.
LHOST 3 mesi fa su tio
Se il problema è il rumore cè da sottolineare quanti appartamenti sfitti ha il ticino e in quanto poco tempo la gente possa andarsene da li dato che il “problema” sicuramente sapevano esistesse. È come andare a vivere in centro a bellinzona e lamentarsi del rabadan troppo chiassoso, troppo facile lamentarsi al posto di conviverci
Güglielmo 3 mesi fa su tio
stranamente sempre loro.... rossi come il mantello di lucifero
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
3 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
11 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
13 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
16 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
20 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
23 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
23 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
23 ore
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
CANTONE
1 gior
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile