Keystone
CANTONE / SVIZZERA
15.12.20 - 11:060

Governo "negazionista": «Torniamo alla preferenza indigena»

Lorenzo Quadri chiede al Consiglio federale una moratoria sul rilascio di nuovi permessi G.

BERNA - Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale per chiedere di autorizzare i Cantoni di confine - e in particolare il Ticino - a decretare una moratoria sul rilascio dei nuovi permessi G, in considerazione della crisi economica ed occupazionale provocata dal coronavirus, e a tornare ad applicare la preferenza indigena.

«Le conseguenze della crisi economica da coronavirus e del lockdown primaverile sul mercato del lavoro svizzero in generale, e ticinese in particolare, si manifestano con un’emorragia di posti di lavoro», motiva Quadri. «Ma è evidente che si tratta solo della punta dell’iceberg».

A fine ottobre il numero di posti di lavoro in Ticino, stando ai dati Ustat, risultava già sceso da 232mila a 227mila, segnando quindi una perdita di 5000 impieghi. In contemporanea, tuttavia, in Ticino è aumentato il numero dei frontalieri, che secondo il consigliere nazionale ticinese ha infranto la soglia dei 70mila. «Questo dimostra, per l’ennesima volta, che è in atto un deleterio fenomeno di sostituzione di lavoratori residenti con permessi G. Ciò malgrado l’autorità federale rifiuti di riconoscere la situazione creatasi sul territorio a seguito della libera circolazione delle persone senza limiti, e si trinceri da anni dietro posizioni negazioniste».

Per il deputato leghista è chiaro che la seconda ondata pandemica, e le conseguenze delle misure di contenimento, aggraveranno ulteriormente e in modo pesante la situazione sul mercato del lavoro. «In queste circostanze, è insensato ed inaccettabile non applicare la preferenza indigena. Se il Consiglio federale è in grado di ordinare la chiusura di interi settori economici, in considerazione dello stato di necessità in cui versa il Paese, è suo dovere autorizzare quei Cantoni che ne faranno richiesta a decretare una moratoria sul rilascio di nuovi permessi G».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 min
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
1 ora
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
CANTONE
2 ore
È scontro politico sulle ispettrici contro la disparità di genere
Iniziativa contro il dumping, la Commissione propone lo stralcio del concorso al femminile: «Sarebbe discriminatorio»
CANTONE
4 ore
Insetti nel piatto? Ai ticinesi è passato l'appetito
Da Migros saranno tolti dall'assortimento. Nei negozi Coop le vendite restano stabili
BOLOGNA/LUGANO
5 ore
«Io, madre di un terrorista cerco la pace nel dolore»
È una mamma forte e coraggiosa, il cui figlio ha preso parte a un attentato dove hanno perso la vita 8 persone.
CANTONE
5 ore
Vaccinazione indotta dal Pass: «La fiammata si è già spenta»
L'obbligo di certificato per numerose attività ha spinto molti ad annunciarsi per farsi vaccinare.
CONFINE
12 ore
L'accoltellatore in Svizzera? È subito polemica
Dalla Lega si alzano voci di protesta, dopo la richiesta italiana. Quadri interpella il Consiglio federale
CASTIONE-ARBEDO
15 ore
La palestra dei non vaccinati è fuori legge
Lo confermano, interpellate sul caso del centro fitness Gymnasium, le autorità cantonali.
CANTONE
17 ore
Ecco il contratto dello scandalo
In anteprima il Ccl che Nando Ceruso non ha voluto mostrare alla stampa
CANTONE
18 ore
«Nessun essere umano può essere costretto a vivere sottoterra»
La campagna, che chiede la chiusura del bunker di Camorino come centro per richiedenti asilo, ha raccolto 1'580 firme.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile