Ti Press
CANTONE
25.11.20 - 08:270

«L'insegnamento va garantito anche agli allievi in quarantena»

Perché un insegnante non può tenere acceso il computer con il microfono e la videocamera?

È una delle domande contenute in un'interrogazione presentata dal Partito comunista

BELLINZONA - Dopo l'appello lanciato dal Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (SISA), che ha scritto al Decs chiedendo di implementare una didattica a distanza «per garantire a tutti il diritto allo studio», i due deputati del Partito comunista Massimiliano Ay e Lea Ferrari hanno depositato una interrogazione al Consiglio di Stato relativa all'impossibilità per singoli allievi in quarantena di seguire le lezioni scolastiche in digitale.

Premettendo che la scuola in presenza è insostituibile, ai due granconsiglieri risulta evidente che finché questa pandemia continuerà bisogna offrire delle soluzioni per evitare che singoli allievi perdano troppe lezioni, accumulando ritardi che possono anche rivelarsi pesanti nel proprio percorso formativo.

Per questo motivo rivolgono al Governo le seguenti domande:

  1. Per quale motivo un insegnante non potrebbe tenere acceso il computer con il microfono e la videocamera oppure lo schermo condiviso (per le presentazioni PowerPoint)? Perlomeno - vista l’obiezione relativa alle diverse modalità didattiche - nell’ambito di una lezione cosiddetta “frontale”? Quali sono le difficoltà organizzative riscontrate concretamente?
  2. Chiediamo di conoscere nel dettaglio:
    a) quali sono gli “aspetti tecnici irrisolti” (presumiamo relativi all’ambito informatico);
    b) quali sono le “componenti delicate di natura didattica” che impediscono di allestire questa soluzione.
  3. Siamo consapevoli che ogni allievo in quarantena viene contattato dalla scuola e che i docenti sono invitati a caricare sulla piattaforma di e-learning il materiale didattico utile al recupero, ci pare tuttavia che di fronte all’aumento dei contagi e delle quarantene il disagio aumenti e forme ibride vadano tenute in considerazione. Come si sta preparando il DECS?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 ora
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
5 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
16 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
19 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
23 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
23 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
1 gior
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
1 gior
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile