Tipress (archivio)
I due nuovi membri: Lorenzo Pianezzi (sinistra) e Lorenzo Beretta Piccoli (destra).
LUGANO
27.10.20 - 07:400

Due "new entry" nell'Ufficio presidenziale del PPD di Lugano

Agli attuali otto membri si sono aggiunti Lorenzo Beretta Piccoli e Lorenzo Pianezzi.

La prima assemblea di sezione si è tenuta martedì 20 ottobre: nominata la commissione cerca per le elezioni comunali del 2021.

LUGANO - La prima assemblea della Sezione PPD e GG di Lugano in tempo di pandemia si è tenuta lo scorso 20 ottobre. Sotto la regia della Presidente sezionale Benedetta Bianchetti - nel pieno rispetto delle norme igieniche e di comportamento cantonali e federali - la quarantina di partecipanti ha dapprima approvato il consuntivo 2019 e il preventivo 2021. 

Si è quindi proceduto al completamento dell’Ufficio presidenziale. A Benedetta Bianchetti, Francesco Beltraminelli, Roberto Boldini, Paola Degiorgi Terabuso, Angelo Jelmini, Lorenzo Jelmini, Michele Malfanti e Michel Tricarico, si sono aggiunti due nuovi membri: l’attuale Presidente della Commissione della Gestione del Consiglio comunale di Lugano Lorenzo Beretta Piccoli e l’albergatore nonché Presidente di Hotellerie Suisse Ticino Lorenzo Pianezzi. Quest’ultimo è pure entrato a far parte dei delegati della Sezione al Comitato cantonale PPD.

Infine è stata nominata la "Commissione cerca" incaricata di proporre le candidature per le elezioni comunali del 2021. Il gruppo, coordinato dal Municipale Angelo Jelmini, comprende Paolo Beltraminelli, Roberto Boldini, Guido Brioschi, Lorenzo Jelmini e Simonetta Perucchi Borsa.

Al termine dell'Assemblea si è pure svolto un coinvolgente dibattito dal titolo "Piste ciclabili vs posteggi?", che ha riscosso molto interesse. In generale si può dire che il PPD Lugano è favorevole a un progressivo e ragionato sviluppo della mobilità dolce a Lugano, perché questo permette di avere meno automobili in circolazione e dunque un traffico più scorrevole e meno inquinamento: a beneficio di tutti. D'altronde, come ha mostrato il Municipale Jelmini nella sua presentazione, a Lugano il primo atto parlamentare riguardante le piste ciclabili si deve a una mozione di Maddalena Ermotti Lepori del 1996 e le prime realizzazioni sono state promosse dall'allora Municipale Paolo Beltraminelli. «Sono anni che il PPD Lugano si batte per una chiusura domenicale del lungolago e solamente questa estate il Municipio ci ha finalmente dato ascolto, riscontrando subito un successo straordinario».

Per la sezione luganese l'ampliamento della rete delle piste ciclabili non deve tuttavia farsi a qualsiasi costo. «In primo luogo deve essere tenuta in considerazione la sicurezza. Come rilevato da diversi interventi, Lugano è una città con strade strette, dove risulta difficile inserire degli spazi destinati unicamente ai ciclisti. È pertanto inevitabile una condivisione degli spazi in determinati punti della città. Ciò implica pure la necessità di un maggiore rispetto reciproco tra pedoni, ciclisti e automobilisti. Le corsie ciclabili possono avere un senso in strade in cui la velocità di transito sia inferiore ai 30 km/h. Se invece il limite è 50 km/h allora vanno costruite delle piste ciclabili separate dal traffico veicolare. È stato evidenziato come alcuni dei tratti di piste ciclabili di più recente attuazione, voluti da esperti del settore, appaiono potenzialmente pericolosi e andranno pertanto monitorati con attenzione. È inoltre molto importante curare una corretta informazione nei confronti degli abitanti e dei commercianti toccati da queste trasformazioni viarie. In particolare si suggerisce di coinvolgere preliminarmente le Commissioni di quartiere che hanno una conoscenza approfondita del territorio e dei problemi a esso connessi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 1 mese fa su tio
oh, pori nüm, adess l' è mei vota liberal
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
25 min
Covid, altri 219 casi e 3 decessi in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore si è reso necessario il ricovero di 34 malati. Quindici sono stati dimessi
CANTONE
1 ora
È prevista altra neve (stavolta in montagna)
Mattinata di tregua, poi nel pomeriggio arriveranno nuove precipitazioni
LUGANO
1 ora
Pubblicità dei mercatini di Lugano a Losanna in tempo di covid: arriva l'interpellanza
Demis Fumasoli interroga il Municipio: «La volontà di attirare persone da lontano è un pugno nello stomaco».
FOTO E VIDEO
CANTONE
16 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
17 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
18 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
20 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
21 ore
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
22 ore
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
CANTONE
1 gior
Altre 27 persone ricoverate, i pazienti dimessi sono 18
Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi accertati sono stati 323. Si tratta della cifra più alta delle ultime tre settimane.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile