Immobili
Veicoli
Ti-Press (archivio, l'immagine è stata scattata prima della pandemia)
CANTONE
26.10.20 - 18:260
Aggiornamento : 18:48

«È ora che i sindaci ticinesi escano dal buco»

Giovanni Cossi, presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone, lancia un appello: «Salviamo il Cantone».

Ogni Comune dovrebbe ideare una misura di risparmio pari ad almeno due milioni di franchi. Lo scopo? Ridurre il deficit previsto per il 2021. «Siamo impantanati», tuona il nostro interlocutore.

VERNATE - «Parafraso JFK. Chiediamoci cosa noi possiamo fare per il nostro Cantone. E non cosa il nostro Cantone può fare per noi». Giovanni Cossi, sindaco di Vernate e presidente della Conferenza dei Sindaci del Malcantone, lancia un appello a tutti i suoi omologhi ticinesi. Lo scopo? Ridurre il deficit cantonale previsto per il 2021. «Siamo in una situazione eccezionale che necessita risposte rapide».

In concreto cosa chiede agli altri sindaci ticinesi?
«Ogni sindaco proponga una misura di contenimento dei costi o di aumento delle entrate pari ad almeno 2 milioni di franchi. I sindaci in Ticino sono 111. Significherebbe trovare soluzioni per almeno 222 milioni di franchi». 

Non funziona proprio così di solito…
«Si continua a parlare di cambiamento, ma non si cambia niente. Dobbiamo uscire da questi schemi. Tutti si assumano le proprie responsabilità. Non possiamo solo rompere le scatole».

Ci fa un esempio pratico?
«Personalmente ho pronte diverse proposte tra le quali la riduzione del contributo di geo localizzazione che ammonta oggi a 13 milioni. Potremmo ridurlo a 6,5 milioni. Anche i Comuni discosti e lontani dai centri sono ormai raggiungibili sia dai mezzi pubblici, sia dai privati. Il Comune di Maggia, che riceve 750.000 franchi all’anno, ad esempio un tempo rientrava in questa categoria. Adesso dovrebbe essere classificato come un sobborgo di Locarno. Discorso diverso, invece, per Comuni veramente periferici come Cerentino o Bosco Gurin».

Non teme che qualche suo collega sindaco potrebbe prenderla male?
«Me ne frego. È ora di cambiare le cose. Non possono solo piangere. Dobbiamo renderci conto che siamo impantanati. E non fatemi usare altre parole più volgari. Le aziende sono davvero in difficoltà. E anche le persone. I sindaci devono venire fuori dal buco. Alla riunione della Conferenza dei Sindaci del Malcantone, a cui era presente anche il consigliere di Stato Claudio Zali, la proposta di cui mi faccio portavoce è passata all’unanimità. Perché dunque altrove non dovrebbe esserci lo stesso concetto di solidarietà? Basterebbe provare a buttare sul tavolo qualche idea. Poi tutto arriverebbe di conseguenza, in maniera naturale. Sono sicuro che molti sindaci potrebbero proporre progetti interessanti, ci sono persone intelligenti in Ticino».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
12 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
12 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
13 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
16 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
16 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
18 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
18 ore
Il pane non seguirà la pasta nella folle corsa dei prezzi
Il direttore del Mulino di Maroggia parla dei rialzi in atto sul mercato dei cereali
FOTO
CANTONE
1 gior
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
PURA / CASLANO
1 gior
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile