Tipress
CANTONE
28.09.20 - 14:280

Mercato del lavoro: «È ora che il Ticino abbia uno statuto speciale»

Gli ecologisti sollecitano il Gran Consiglio a evadere l'iniziativa cantonale.

BELLINZONA - Il giorno dopo la chiara bocciatura a livello nazionale dell'iniziativa UDC sulla limitazione, i Verdi tornano alla carica per fare in modo che il Ticino venga riconosciuto come «Cantone a statuto speciale» al fine di salvaguardare in maniera efficiente il suo mercato del lavoro. E lo fanno sollecitando il Gran Consiglio a evadere «finalmente» l'iniziativa cantonale in merito.

«Il voto ticinese (che ieri ha accettato il testo democentrista, ndr) denuncia - sottolineano i Verdi in una nota - la necessità d'intervenire urgentemente e in maniera risolutiva per tutelare le condizioni lavorative del nostro cantone». Per gli ecologisti, il problema è reale, ma per risolverlo ci vogliono altre soluzioni rispetto a quelle messe sul piatto dall'UDC. «Disdire gli accordi bilaterali e colpevolizzare migranti e frontalieri è chiaramente dannoso e assolutamente inefficace». 

Per questo motivo i Verdi vogliono riproporre un'iniziativa cantonale - presentata dapprima nel 2009 e poi nel 2019 - che richiedeva alla Confederazione di occuparsi «urgentemente» della questione attraverso l’istituzione di uno statuto speciale per il Canton Ticino e per altre zone di frontiera con problematiche analoghe. «Purtroppo a oggi questo atto risulta ancora inevaso», lamentano gli ecologisti chiedendosi «come mai il Gran Consiglio, la sua commissione Economia e Lavoro e i suoi membri non abbiano interesse ad accelerare la procedura».

Per i Verdi del Ticino infatti i «tempi sono maturi» visto il «profondo disagio» espresso dal popolo ticinese nelle votazioni federali di ieri. «Per attuare contromisure specifiche alle conseguenze negative degli accordi di libera circolazione, sono necessarie maggiori competenze cantonali in materia di diritto del lavoro, ad esempio attraverso la possibilità di fissare salari minimi economici (e non sociali), il rafforzamento dei contratti collettivi, maggiori controlli delle condizioni contrattuali o lotta attiva agli abusi».

I Verdi del Ticino e cofirmatari si stanno quindi battendo per «un disciplinamento che fornisca al Ticino gli strumenti istituzionali necessari per regolamentare il nostro selvaggio mercato del lavoro e che ponga un freno alla precarietà dilagante, causa di povertà e marginalizzazione sociale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 2 mesi fa su tio
In alternativa chi non arriva a fine mese da noi per paghe basse che venga compensato dall’ufficio disoccupazione con un’importo che permette di vivere dignitosamente.
F/A-18 2 mesi fa su tio
Basterebbe tassare maggiormente i frontalieri per esempio con un bel 25/30% di imposta alla fonte, alcuni verrebbero qui lo stesso, altri no. I soldi dedotti poi dovrebbero andare alla nostra cassa disoccupazione così da sgravare l’onore che devono pagare le nostre aziende.
marco17 2 mesi fa su tio
Non c'è bisogno di nessun statuto speciale: basta darsi da fare. Basilea e Ginevra, tanto per fare due esempi, non hanno nessun statuto speciale, i frontalieri sono numerosi ma non sembrano costituire un problema. Forse il problema sono i ticinesi stessi e la scarsissima qualità della loro classe politica cantonale.
tartux 2 mesi fa su tio
@marco17 Son d'accordo basta vedere Ginevra che ieri ha votato per un salario minimo di quasi 4100 franchi al mese, 1200 in piu del nostro di salario minimo! Qual'é la differenza? A ginevra si ha votato si base popolare noi da furbi quali siamo abbiamo fatto scegliere al grando consiglio, che ovviamente a scelto la fame nostra...
Duca72 2 mesi fa su tio
@marco17 Il salario minimo renderebbe più ricchi i frontalieri perché tanto la voglia di lavorare e lo spirito di sacrificio sarà sempre superiore al nostro! Facciamocene una ragione
Don Quijote 2 mesi fa su tio
I salari riflettono sempre lo stato di salute di un'economia e la capacità di creare valore aggiunto. Se non si capisce questo regola fondamentale, sindacati, verdi e rossi continueranno a ululare alla Luna. Anche ridando il lavoro ai residenti occupato da circa 15/20'000 frontalieri in quella linea grigia fatta di speculazione, la sostanza dell'economia ticinese non cambia. I salari ticinesi soffrono perché la capacità di produrre valore aggiunto rispetto alla concorrenza è diminuita. Ovviamente ci sono alcune eccezioni che pur avendo la capacità di corrispondere salari più alti sfruttano la manodopera frontaliera, ma fare di tutte le erbe un fascio è un grande errore e una falsa illusione.
albertolupo 2 mesi fa su tio
Sono perfettamente d'accordo: ripristiniamo il baliaggio a favore degli urani. Magari addirittura con una cessione del Mendrisiotto o di tutto il Sottoceneri ai Duchi di Milano. Vuoi mettere il vantaggio di avere una frontiera sul Ceneri e risolvere di un botto i problemi di traffico?
Heinz 2 mesi fa su tio
@albertolupo Eheheh oramai i lanzichenecchi non sono così tosti come nel 1500..
jena 2 mesi fa su tio
bene, il ticinese medio spera che ora qualcosa si muova prima che tutto vada in rovina nell'attesa che la politica passiva si decida a fare qualcosa... stufo di sentire scuse che ogni proposta fatta non va bene ecc eccc
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
39 min
Covid, altri 219 casi e 3 decessi in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore si è reso necessario il ricovero di 34 malati. Quindici sono stati dimessi
CANTONE
1 ora
È prevista altra neve (stavolta in montagna)
Mattinata di tregua, poi nel pomeriggio arriveranno nuove precipitazioni
LUGANO
2 ore
Pubblicità dei mercatini di Lugano a Losanna in tempo di covid: arriva l'interpellanza
Demis Fumasoli interroga il Municipio: «La volontà di attirare persone da lontano è un pugno nello stomaco».
FOTO E VIDEO
CANTONE
17 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
17 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
18 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
20 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
21 ore
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
23 ore
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
CANTONE
1 gior
Altre 27 persone ricoverate, i pazienti dimessi sono 18
Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi accertati sono stati 323. Si tratta della cifra più alta delle ultime tre settimane.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile