Ti Press
Ronnie David
BELLINZONA
21.09.20 - 08:550

«Facciamo pagare chi ci ha danneggiato»

I Verdi chiedono di far passare alla cassa chi ha inquinato il sito della Petrolchimica SA di Preonzo.

BELLINZONA - Il Consiglio comunale di Bellinzona sarà chiamato la prossima settimana a decidere l'inizio della bonifica del sedime della Petrolchimica SA (Preonzo), altamente contaminato. I costi dell'operazione sono stimati in 20-25 milioni di franchi complessivi.

I Verdi condividono la necessità di risanare quest'area, visto che si tratta di «un dovere morale (e legale) di un ente pubblico nei confronti delle future generazioni». Ma sono tuttavia convinti che il Comune debba fare tutti gli sforzi necessari per chiamare alla cassa chi, per decenni, ha impunemente inquinato il sito.

Tramite un'interpellanza, i Verdi chiedono dunque al Municipio di adoperarsi in maniera più incisiva affinché le esternalità causate da aziende come questa non rimangano a carico delle cittadine e cittadini della Città. L'auspicio è inoltre che situazioni come queste non abbiano a ripetersi in futuro e che aziende potenzialmente inquinatrici siano costrette ad alimentare un apposito fondo per riparare a gravi danni come questi.

Le domande sottoposte al Municipio:

  • Per quale ragione la Città ha deciso di assumere la competenza della committenza nell’ambito di questi lavori?
  • Per quale motivo si e deciso di far capo ai fondi per la delocalizzazione delle imprese (finanziate evidentemente con fondi pubblici) piuttosto che intavolare una seria discussione sulla partecipazione dei costi (previsti complessivamente attorno ai 20-25 milioni) da parte degli ex-proprietari?
  • Che tipo di azione intende promuovere la Città volta a recuperare quanto speso con i perturbatori per comportamento ?
  • Che passi intende fare nei confronti della Tamoil SA, ultima proprietaria della petrolchimica SA e che ha generato situazioni di tensione simili anche in altre realtà (esempio raffineria di Collombey (VS))?
  • E’ immaginabile che a fronte di un diniego di partecipazione ai costi da parte di questa ditta la Città avvii una campagna di sensibilizzazione verso la popolazione del comportamento ambientalmente irresponsabile di questa ditta?
  • In che misura il patriziato di Preonzo, proprietario di terreni adiacenti presumibilmente inquinati nel sottosuolo sarà chiamato alla cassa per il risanamento dei loro fondi? Qualora non lo fosse, per quale ragione?
  • Corrisponde al vero che la stima del fondo 699 RFD Preonzo è di 2,83 milioni di franchi, che ricordiamo è stato pagato dalla ditta Gerre SA 1 franco?
  • Quali restrizioni sono previste sul fondo una volta ultimati i lavori di risanamento ed in relazione alla frana? Che tipo di sfruttamento è immaginabile? E’ immaginabile che su quel sedime sia possibile procedere con un deposito d'inerti come da intenzioni iniziali della proprietà? Se sì come mai data la vicinanza con la zona della frana? Intende il Municipio far partecipare direttamente il proprietario ai costi in che misura?
  • La ditta incaricata dalla Città (EVOLVE SA) con l’ennesimo mandato diretto dello studio che esperienza ha nell’ambito del risanamento ambientale e nell’ambito dell’idro-geologia? Per quali motivi è stata scelta? L’ingegnere titolare della ditta ha esperienza in questo settore? Ci sono opere che vengono subappaltate a terzi con il rischio che lavori e smaltimenti non vengano svolti a regola d’arte? Eventualmente a chi?
  • Vi sono altri terreni sul suolo di Bellinzona che potrebbero vivere una situazione analoga a quella in oggetto? È ipotizzabile istituire un Fondo per risanamenti ecologici alimentato anticipatamente da proprietari o usufruttuari di un terreno su cui si svolge un’attività potenzialmente dannosa, prima che i perturbatori per comportamento, per un motivo o per l’altro, abbiano lasciato il terreno stesso?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO E SONDAGGIO
CANTONE
49 min
Viaggiare è (di nuovo) più complicato
Con la variante Omicron, i paesi stanno correndo ai ripari. E ci sono viaggiatori costretti a rivedere i propri piani
RIAZZINO
9 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
14 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
15 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
17 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
18 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
21 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
22 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
23 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
23 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile