tipress - foto d'archivio
CANTONE
15.09.20 - 15:320

Magistratura, scatta l’interpellanza

L'ha inoltrata al Consiglio di Stato l'MPS, che "accusa" Andrea Pagani e la logica delle nomine legate ai partiti

BELLINZONA - Il terremoto che ha travolto il Ministero pubblico ticinese non smette di far discutere. Il Consiglio della Magistratura ha “bocciato” la rielezione di cinque procuratori pubblici. Non si sanno ancora le motivazioni, ma le riflessioni non si risparmiano. E ora c’è anche un’interpellanza al Governo.

A inoltrarla è stato l’MPS. Che proprio questa mattina si era inizialmente espresso soprattutto nei confronti di «coloro che dovrebbero verificare, in modo sistematico e con cognizione di causa, che il loro lavoro venga svolto». In primis il procuratore generale Andrea Pagani.

Con l’interpellanza, ora, viene sollevata anche la responsabilità «dei partiti di Governo che dominano le scelte del Gran Consiglio». Così come viene criticato il sistema delle nomine. «Sappiamo che costoro sono stati nominati in base a stretti calcoli di quote di rappresentanza - scrive l’MPS -. Persino il Consiglio della Magistratura è un organismo tutt’altro che indipendente da questa occupazione del potere partitica. Ricordiamo che il seggio del PS (Pau Lessi) è da un paio d’anni sospeso».

Un altro aspetto sollevato è che se il Consiglio della Magistratura avesse motivato la propria proposta con “criteri quantitativi”, legati all’efficacia e alla “redditività” del lavoro svolto, «sarebbe necessaria la massima prudenza poiché l’attività di un magistrato non può e non deve essere misurata con criteri di efficienza economica, con criteri di economia di scale». Oppure, «alla base di un eventuale malfunzionamento potrebbero esserci anche scelte organizzative o di un sovraccarico di lavoro che, verosimilmente, pesa su alcuni magistrati più di altri». 

Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori domandano pertanto al Consiglio di Stato se «non ritenga che in questa vertenza emergano forti e gravi responsabilità da parte del Procuratore Generale Andrea Pagani», se «queste responsabilità siano da collegare alle carenze emerse in occasione dell’audit a cui si era sottoposto al momento della candidatura come Procuratore Generale» e se «non sarebbe ora di dar avvio a una riflessione su un modo diverso di procedere alle nomine in organismi fondamentali, che rompesse con la tradizionale lottizzazione delle poltrone da parte dei quattro partiti di governo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
31 min
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
2 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
3 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
7 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
7 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
9 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
9 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
11 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
19 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
1 gior
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile