tipress
CANTONE
01.09.20 - 12:320
Aggiornamento : 13:30

«Il Ticino si prepara alla seconda ondata?»

L'Mps sollecita il governo. E chiede lumi sul lavoro ridotto agli operatori sanitari

BELLINZONA - Tante lodi, ma poi... Gli infermieri e il personale sanitario in Ticino si preparano a una possibile "seconda ondata", mentre gli strascichi della prima continuano a far discutere. In un'interrogazione presentata oggi al governo, l'Mps punta il dito contro il Dss.

«Le lodi agli infermieri si sono limitate a esternazioni verbali nella maggior parte dei casi» scrivono i deputati Simona Arigoni, Matteo Pronzini e Angelica Lepori. A innescare la polemica, in particolare, la decisione del Cantone di non concedere l'indennità da lavoro ridotto al personale sanitario, per i mesi di marzo e aprile, «mettendo in difficoltà sia il settore pubblico che quello privato». 

I tre deputati Mps chiedono lumi al Consiglio di Stato, sulle ragioni di questo "niet". Ma anche sulle strategie del Cantone in vista di una nuova possibile emergenza sanitaria. In una seconda interrogazione, l'Mps cita come esempio il caso della clinica Moncucco, che prevede di non chiudere tutti i reparti, ma proseguire le cure normali a fianco dei reparti Covid. E si chiede se il Cantone stia valutando di fare lo stesso, nelle strutture dell'Eoc. 

Le domande al Consiglio di Stato:

Prima interrogazione:

1. Quante domande di lavoro ridotto sono state fatte nel settore sanitario? Quali professioni erano coinvolte?

2. Per quale ragione queste domande non sono state accolte?

3. Non ritiene il Consiglio di stato che questo modo di procedere non riconosca il valore del contributo che queste strutture, pubbliche e private, con il loro personale hanno dato alla lotta contro la pandemia? Non teme che questi mancati introiti possano poi riflettersi sulla gestione del personale, intaccando anche la qualità delle cure?

Seconda interrogazione: 

1. L’EOC sta pensando e pianificando una strategia per affrontare una possibile seconda ondata di Covid 19 in autunno?

2. Questa strategia riprende, dal punto di vista delle soluzioni adottate, quelle messe in atto in marzo-aprile 2020 e/o va nella stessa direzione di quella indicata dalla Clinica Moncucco?

3.  Da quanto affermato dal Direttore della Clinica Luganese sembrerebbe di capire che la strategia non punterebbe su strutture dedicate totalmente alla cura COVID 19 come è stato (l’Ospedale regionale di Locarno e Clinica Luganese) in marzo-aprile. È così?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
«Si può stare bene anche in prigione»
Vita di coppia in crisi? Single senza prospettive? I consigli di Eva Sykora, sex coach, ospite di piazzaticino.ch
MORBIO INFERIORE
5 ore
Alle Medie di Morbio Inferiore altri 25 casi di coronavirus
Undici sono verosimilmente riconducibili alla variante inglese del virus. Sono state testate 460 persone
CANTONE
6 ore
«Abbiamo 18 detenute alla Farera. Bisogna trovare una soluzione»
La Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione ha chiesto un incontro al Dipartimento delle istituzioni.
CADENAZZO
9 ore
Un'intossicazione alimentare dietro ai malori alla Posta
Venerdì scorso tre collaboratori del Centro logistico erano stati trasportati in ambulanza all'ospedale.
CANTONE
10 ore
Torna a nevicare in pianura
Meteo Svizzera lancia l'allerta. Pericolo "marcato" da questa sera fino a mezzogiorno di domani
CANTONE
11 ore
In Ticino altri 114 contagi e 4 decessi
Calano i ricoveri in ospedale, ma non i pazienti in terapia intensiva. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
12 ore
Mercato dell'auto in crisi: «Vediamo quanti sopravviveranno»
Nel 2020 le vendite sono crollate del 24%. E gli aiuti sono stati pochi.
LUGANO 
15 ore
Più che Lombardi «luganese»
Da qualche giorno Filippo Lombardi è a tutti gli effetti domiciliato nella città dove intende correre per il Municipio
CANTONE
15 ore
I tamponi a scuola sono un lusso
Mentre il Decs è alle prese con la variante inglese, gli istituti privati fanno da sé. Il caso "esclusivo" della Tasis.
CANTONE
1 gior
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile