tipress
CANTONE
01.09.20 - 12:320
Aggiornamento : 13:30

«Il Ticino si prepara alla seconda ondata?»

L'Mps sollecita il governo. E chiede lumi sul lavoro ridotto agli operatori sanitari

BELLINZONA - Tante lodi, ma poi... Gli infermieri e il personale sanitario in Ticino si preparano a una possibile "seconda ondata", mentre gli strascichi della prima continuano a far discutere. In un'interrogazione presentata oggi al governo, l'Mps punta il dito contro il Dss.

«Le lodi agli infermieri si sono limitate a esternazioni verbali nella maggior parte dei casi» scrivono i deputati Simona Arigoni, Matteo Pronzini e Angelica Lepori. A innescare la polemica, in particolare, la decisione del Cantone di non concedere l'indennità da lavoro ridotto al personale sanitario, per i mesi di marzo e aprile, «mettendo in difficoltà sia il settore pubblico che quello privato». 

I tre deputati Mps chiedono lumi al Consiglio di Stato, sulle ragioni di questo "niet". Ma anche sulle strategie del Cantone in vista di una nuova possibile emergenza sanitaria. In una seconda interrogazione, l'Mps cita come esempio il caso della clinica Moncucco, che prevede di non chiudere tutti i reparti, ma proseguire le cure normali a fianco dei reparti Covid. E si chiede se il Cantone stia valutando di fare lo stesso, nelle strutture dell'Eoc. 

Le domande al Consiglio di Stato:

Prima interrogazione:

1. Quante domande di lavoro ridotto sono state fatte nel settore sanitario? Quali professioni erano coinvolte?

2. Per quale ragione queste domande non sono state accolte?

3. Non ritiene il Consiglio di stato che questo modo di procedere non riconosca il valore del contributo che queste strutture, pubbliche e private, con il loro personale hanno dato alla lotta contro la pandemia? Non teme che questi mancati introiti possano poi riflettersi sulla gestione del personale, intaccando anche la qualità delle cure?

Seconda interrogazione: 

1. L’EOC sta pensando e pianificando una strategia per affrontare una possibile seconda ondata di Covid 19 in autunno?

2. Questa strategia riprende, dal punto di vista delle soluzioni adottate, quelle messe in atto in marzo-aprile 2020 e/o va nella stessa direzione di quella indicata dalla Clinica Moncucco?

3.  Da quanto affermato dal Direttore della Clinica Luganese sembrerebbe di capire che la strategia non punterebbe su strutture dedicate totalmente alla cura COVID 19 come è stato (l’Ospedale regionale di Locarno e Clinica Luganese) in marzo-aprile. È così?

TOP NEWS Ticino
LUGANO
9 ore
Moncucco sulla Santa Chiara: «Non faremo tagli al personale»
La clinica luganese denuncia delle «importanti inesattezze« nel comunicato oggi trasmesso dalla struttura locarnese.
CADENAZZO
11 ore
Le Forze Speciali hanno sbagliato qualcosa
All'ex postribolo Monnalisa era in corso un'esercitazione "top secret" dei corpi scelti
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
13 ore
Auto in fiamme davanti alla Sezione della Circolazione
L'incendio è divampato questo pomeriggio in via ala Monda a Camorino.
VIDEO
CANTONE
13 ore
Sul confine sale la febbre da derby
Stasera va in scena la partita di Euro 2020 certamente più sentita in Ticino, quella contro l'Italia.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
I danni del maltempo? Soprattutto in Ticino e a Lucerna
Il 2020 rientra fra i dieci anni con meno danni. I costi complessivi aumentano a quaranta milioni di franchi
CANTONE
16 ore
Le finanze cantonali vanno (un po') meglio del previsto
Con l'aggiornamento del preventivo 2021, si stima ora un disavanzo di 175,5 milioni di franchi
CANTONE
17 ore
Svelato il quarto nome di Castle On Air
Si tratta del cantante/trapper milanese Ernia a Castelgrande per il tour del suo album “Gemelli”
CANTONE
19 ore
Un altro giorno senza decessi, ma ci sono due ricoveri
Nove i nuovi casi. Gli ospedali accolgono attualmente tre pazienti. Le cure intense sono vuote da oltre due settimane.
FOTOGALLERY
CADENAZZO
19 ore
Rogo all'ex postribolo: è stato un errore militare
L'incendio è stato causato da un'esercitazione dei militi. Lo rende noto la Polizia cantonale
CANTONE
22 ore
Arresti cardiaci sui campi da calcio: «I defibrillatori ci sono, manca la formazione»
Episodi paragonabili a quanto accaduto al calciatore della Danimarca Christian Eriksen capitano anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile