tipress
CANTONE
01.09.20 - 12:320
Aggiornamento : 13:30

«Il Ticino si prepara alla seconda ondata?»

L'Mps sollecita il governo. E chiede lumi sul lavoro ridotto agli operatori sanitari

BELLINZONA - Tante lodi, ma poi... Gli infermieri e il personale sanitario in Ticino si preparano a una possibile "seconda ondata", mentre gli strascichi della prima continuano a far discutere. In un'interrogazione presentata oggi al governo, l'Mps punta il dito contro il Dss.

«Le lodi agli infermieri si sono limitate a esternazioni verbali nella maggior parte dei casi» scrivono i deputati Simona Arigoni, Matteo Pronzini e Angelica Lepori. A innescare la polemica, in particolare, la decisione del Cantone di non concedere l'indennità da lavoro ridotto al personale sanitario, per i mesi di marzo e aprile, «mettendo in difficoltà sia il settore pubblico che quello privato». 

I tre deputati Mps chiedono lumi al Consiglio di Stato, sulle ragioni di questo "niet". Ma anche sulle strategie del Cantone in vista di una nuova possibile emergenza sanitaria. In una seconda interrogazione, l'Mps cita come esempio il caso della clinica Moncucco, che prevede di non chiudere tutti i reparti, ma proseguire le cure normali a fianco dei reparti Covid. E si chiede se il Cantone stia valutando di fare lo stesso, nelle strutture dell'Eoc. 

Le domande al Consiglio di Stato:

Prima interrogazione:

1. Quante domande di lavoro ridotto sono state fatte nel settore sanitario? Quali professioni erano coinvolte?

2. Per quale ragione queste domande non sono state accolte?

3. Non ritiene il Consiglio di stato che questo modo di procedere non riconosca il valore del contributo che queste strutture, pubbliche e private, con il loro personale hanno dato alla lotta contro la pandemia? Non teme che questi mancati introiti possano poi riflettersi sulla gestione del personale, intaccando anche la qualità delle cure?

Seconda interrogazione: 

1. L’EOC sta pensando e pianificando una strategia per affrontare una possibile seconda ondata di Covid 19 in autunno?

2. Questa strategia riprende, dal punto di vista delle soluzioni adottate, quelle messe in atto in marzo-aprile 2020 e/o va nella stessa direzione di quella indicata dalla Clinica Moncucco?

3.  Da quanto affermato dal Direttore della Clinica Luganese sembrerebbe di capire che la strategia non punterebbe su strutture dedicate totalmente alla cura COVID 19 come è stato (l’Ospedale regionale di Locarno e Clinica Luganese) in marzo-aprile. È così?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
3 ore
Il personal shopper si sposta on line e ti veste sui social
Reinventarsi in un mestiere tradizionale attraverso la tecnologia. Una sfida vinta durante la pandemia
LUGANO
7 ore
Scarcerato don Chiappini
Il giudice dei provvedimenti coercitivi non ha convalidato il fermo. Il sacerdote torna a piede libero
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
9 ore
Enorme incendio al Mulino Maroggia, ci sono intossicati
Pompieri e Polizia sono sul posto, ma il loro intervento è reso difficile dalla "forza" del rogo.
CANTONE
9 ore
Messaggi di Ermani: «Non luogo a procedere»
Per il Procuratore generale sostituto la segnalazione di Pronzini non ha aggiunto nulla a quanto già di dominio pubblico
CANTONE
10 ore
Da Bedano a Balerna altri contagi in casa anziani
Piccolo focolaio in un reparto della Stella Maris. Cinque residenti isolati al quarto piano. Altri casi a Ca' Rezzonico
TAVERNE
11 ore
Incidente in A2, disagi
Tra Taverne e il monte Ceneri si segnala un sinistro in direzione nord
CANTONE
11 ore
Lockdown 2: cineasti ticinesi fatevi avanti
«Mai prima di questa primavera era stato realizzato un progetto a livello nazionale in così poco tempo»
FOTO
BELLINZONA
14 ore
Le rotonde di Camorino sono (infine) pronte
Dopo mesi di cantiere e qualche polemica, le nuove rotatorie sono entrate in servizio negli scorsi giorni.
CANTONE
16 ore
Altri 140 casi e 5 nuovi decessi in Ticino
Nelle ultime 24 ore 23 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 11 lo hanno lasciato.
CANTONE
19 ore
I ticinesi che portano le bollette alla Caritas
L'associazione benefica ha ricevuto oltre 700 richieste d'aiuto in più da marzo. Ecco chi sono i nuovi poveri del Covid
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile