Tipress
MAGGIA
31.08.20 - 09:400
Aggiornamento : 12:57

Sindacalista aggredito. «La situazione peggiorerà nei prossimi mesi»

L'MPS inoltra un'interpellanza e chiede al Governo in che modo intende favorire l'attività dei sindacati

Sull'episodio si è espresso anche Il PS della Vallemaggia: «Mai con la violenza. Siamo vicini al sindacalista».

MAGGIA - Aggressioni fisiche e verbali nei confronti di un sindacalista sono fatti fortunatamente rari alle nostre latitudini, ma quando accade diventa una notizia e finisce anche in un'interpellanza. Come quella inoltrata oggi dall'MPS che interroga il Governo sul quanto accaduto la scorsa settimana al sindacalista UNIA. Un episodio - denuncia l'MPS - che riflette una situazione che «potrebbe peggiore nei prossimi mesi quando la crisi economica, accelerata dalla pandemia, spiegherà tutti i suoi effetti nefasti, in particolare a livello della concorrenza fra le imprese dei vari settori, le quali vorranno accaparrarsi parti di un mercato in forte decrescita».

Per l'MPS se si volesse realmente combattere questa deriva generale, la prima cosa da fare «sarebbe quella di accettare e garantire che qualsiasi sindacato e i comitati di lavoratori possano accedere liberamente, senza ostacoli di qualsiasi natura, ai posti di lavoro. Questo perché solo le lavoratrici e i lavoratori sono in grado di segnalare gli abusi nella loro forma concreta, subdola e quotidiana. Pensare di affidarsi a controlli sulla base di buste paga, autocertificazioni, contratti, notifiche alle commissioni paritetiche, etc., significa accettare supinamente l’affermazione del dumping salariale e sociale come condizione normale nella determinazione dei rapporti sociali di produzione».

Nell'interpellanza l'MPS chiede al Governo se è intervenuto formalmente verso la SSIC per denunciare l’aggressione nei confronti del sindacalista di Unia, e se ha chiesto alla SSIC di prendere provvedimenti e di dissociarsi dal comportamento adottato dalla ditta sua associata. Inoltre chiede in che modo, anche alla luce di episodi di questo genere, il governo intende “”favorire l’attività” delle organizzazioni sindacali, e quali misure intende intraprendere per evitare di ostacolare e favorire la presenza sindacale sui luoghi di lavoro.

«Mai con la violenza» - Sull'episodio «deplorevole» si è espresso anche il PS della Vallemaggia. La sezione socialista disapprova «fermamente» quanto accaduto, sottolineando «che mai è ammissibile la violenza», descrivendo l'episodio come da «Far West» invitando a risolvere i conflitti con «un confronto nei limiti del vivere civile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
5 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
7 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
9 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
9 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
9 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
9 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
10 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
13 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
14 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile