Immobili
Veicoli
Lettore Tio.ch / 20 minuti
BELLINZONA
31.08.20 - 09:280

Undici domande sul crollo di Daro

I Verdi tornano alla carica sulla problematica di concedere licenze edilizie in collina.

Già nel 2014, gli ecologisti avevano denunciato la pericolosità di questo modo di agire: «Un appello che visto quello che è successo in via ai Ronchi sembra essere caduto nel vuoto».

BELLINZONA - Il crollo di un muro di sostegno in un cantiere situato in via ai Ronchi a Daro ha fatto tornare d'attualità una problematica che i Verdi del Ticino avevano già portato all'attenzione del Municipio di Bellinzona sei anni fa. Ovvero quella di concedere licenze edilizie in collina, dove le strade e la morfologia del terreno non è adeguato a uno sfruttamento intenso. «Un appello - precisano i Consiglieri comunali Marco Noi e Ronnie David - che visto quello che è successo sembra essere caduto nel vuoto».

Nella loro interpellanza, Marco Noi e Ronnie David ricordano poi come, negli ultimi anni, i Verdi abbiano denunciato «la politica sregolata del Municipio, il quale per poter corrispondere all’immaginario di grandezza e sviluppo dipinto con la campagna aggregativa, ha spinto sull’acceleratore dell’edificazione pubblica e privata, facendosi però scappare di mano in diverse occasioni la gestione normativa, operativa e finanziaria dei progetti».

Il cedimento del muro di sostegno della strada soprastante a un cantiere in una zona molto scoscesa - continuano i consiglieri comunali - sembra essere «un ulteriore esempio di questa pericolosa linea politica tenuta dal Municipio».

L'avvertimento del 2014 - Già nel 2014, in occasione della discussione sul credito di quasi tre milioni per il risanamento di Via Malmera, poco sotto a Via dei Ronchi, i Verdi avevano messo in guardia da «questa politica di urbanizzazione sregolata e non sostenibile, in atto anche in quella zona collinare».  Un «segnale politico» - lanciato in particolar modo dal consigliere comunale Paolo Bernasconi - che sembra proprio non essere stato raccolto dall’attuale Municipio. «Una riflessione approfondita è oggi ancora più rilevante - non solo in funzione della qualità del servizio, ma anche per questioni di sicurezza pubblica - alla luce della maggiore consapevolezza di quanto i cambiamenti climatici possano portare a eventi estremi con dissesti idro-geologici», concludono Noi e David nel loro esposto.

Di seguito le undici domande indirizzate al Municipio di Bellinzona:

1. Il muro di sostegno della strada ceduto e quello più grande accanto a nord (fortunatamente intatto), soprastanti il cantiere in corso, sono opere realizzate dal Comune oppure dai privati?

2. Perché è stata costruita quest’opera muraria? È stata costruita in relazione al cantiere sottostante attualmente in corso o era preesistente?

3. Nel caso il muro di sostegno sia stato realizzato o modificato dai privati in relazione al cantiere in costruzione, non ritiene il Municipio alquanto imprudente, se non addirittura scorretto, affidare ai privati le opere di fortificazione di una strada comunale?

4. Non ritiene il Municipio che sia il Comune a dover realizzare e mettere a disposizione della cittadinanza opere stradali idonee e sicure?

5. L’opera muraria di fortificazione della strada è stata collaudata e dichiarata idonea e sicura dalle Autorità comunali? Se sì, da chi è stato effettuato il collaudo?

6. Nei giorni successivi al crollo, sono state evacuate abitazioni circostanti per ragioni di sicurezza?

7. Il Municipio non ritiene imprudente la concessione di una licenza edilizia su un terreno così scosceso, la cui stabilità era in precedenza garantita da un bosco?

8. Alla licenza edilizia del cantiere in corso sono stati assegnati trapassi di indici di sfruttamento per aumentarne la SUL?

9. In che modo le prospettive di eventi idro-geologici estremi sempre più frequenti viene tenuta in considerazione nella pianificazione anche dei comparti collinari?

10. È vero che pochi anni fa quel tratto di strada era già stato chiuso perché in un terreno soprastante si era prodotto una frattura da scoscendimento del terreno?

11. Non ritiene il Municipio giunto il momento di sospendere la concessione di licenze edilizie in attesa di analisi idro-geologiche approfondite in un comparto tanto sensibile e in attesa dei risultati del masterplan?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOSTALLO (GR)
2 ore
Si ferma in autostrada, tamponamento sull'A13
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio all'altezza dello svincolo di Lostallo. Due persone in ospedale
BELLINZONA
4 ore
Travolge la moto nella notte e si dà alla fuga, la polizia cerca testimoni
Un 68enne è rimasto vittima di un pirata della strada venerdì notte a Monte Carasso, a investirlo un'auto scura
LUGANO
20 ore
Tassisti luganesi nel limbo
Non sono ancora stati evasi i ricorsi contro il concorso per i nuovi taxi A. La Città chiede l'effetto sospensivo
LUGANO
21 ore
Anche in Ticino, previsti aumenti fino al 50%
Il presidente dell'Azienda elettrica ticinese: «Mai mi sarei aspettato una situazione e dei prezzi simili»
VALLE DI BLENIO
22 ore
Al lupo al lupo anche a Olivone
Avvistamenti e predazioni in Valle di Blenio: gli abitanti scrivono al governo
CANTONE
22 ore
Unitas, l'auto-indagine «non è opportuna»
Il Cantone ha rilevato l'audit esterno, e risponde ad alcuni interrogativi sui casi di molestie
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
Importati dei pulcini (infetti) in Ticino
Gli animali sono stati soppressi e l'azienda responsabile è stata posta sotto sequestro
AIROLO
1 gior
Al Gottardo 9 km di turisti
È iniziato l'esodo verso Sud. Con le inevitabili conseguenze sul traffico
CANTONE
1 gior
Sempre meno pazienti Covid negli ospedali ticinesi
Nelle ultime ventiquattro ore nel nostro cantone sono stati registrati 76 nuovi contagi
TAVERNE
1 gior
Un fallitore "smascherato"
A Taverne un'azienda di mascherine ha chiuso tra le polemiche in aprile. L'Ocst chiede il fallimento
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile