Tipress
CANTONE
19.08.20 - 15:520
Aggiornamento : 16:27

L'Mps sulla riapertura delle scuole: «Tante direttive, poca chiarezza»

La scelta del DECS di far restare a casa al primo sintomo allievi e docenti non convince il movimento.

«Questa direttiva avrà inevitabili conseguenze per le famiglie e per le supplenze».

BELLINZONA - «Tante direttive, ma poca chiarezza». L'Mps - tramite un'interpellanza - critica - nuovamente - le scelte effettuate dal DECS per l'imminente riapertura dell'anno scolastico previsto per il prossimo 31 agosto. Nel mirino dei tre deputati del Movimento in Gran Consiglio - Lepori, Arigoni e Pronzini - vi è in particolare la decisione che prevede che al primo sintomo (raffreddore, tosse, mal di gola o diarrea) allievi e docenti dovranno restarsene a casa. «Queta direttiva - scrivono i tre granconsiglieri nella loro interpellanza - se applicata correttamente, avrà inevitabilmente delle conseguenze sull’organizzazione delle famiglie degli allievi e delle supplenze nelle scuole».

L'Mps, poi, espone altri ipotetici scenari che potrebbero mettere in crisi lo svolgimento corretto dell'anno scolastico alle porte. «Cosa succede se una classe o una scuola dovesse essere messa in quarantena per dieci giorni? I ragazzi avranno bisogno di essere accuditi e i docenti di essere rimpiazzati».

Per questi motivi Lepori, Arigoni e Pronzini chiedono al Consiglio di Stato cosa intenda fare per permettere alle famiglie i cui figli saranno spediti a casa da scuola o messi in quarantena di occuparsi di loro senza essere obbligati a prendere vacanza o affidare gli stessi ai nonni». I tre deputati domandano pure se «è previsto un potenziamento del personale supplente» e come sarà organizzata «la didattica per le classi o sedi messe in quarantena». Tutte domande, queste, alle quali - secondo l'Mps - le direttive del DECS non danno una risposta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 2 mesi fa su tio
Chiedere informazioni a Coira come comportarsi. Hanno appena cominciato e ci sono già casi positivi-;(
MIM 2 mesi fa su tio
@Tato50 Ci saranno sempre, con o senza mascherine. Sono casi che chiamano positivi, ma non sono ammalati. A breve la conferma che asintomatico significa immune. Questione di giorni.
Tato50 2 mesi fa su tio
@MIM Io so solo che con tutte tutte queste prese di posizione, da parte di chi si occupa del problema, comincio a non capire più un tubo-;))
MIM 2 mesi fa su tio
La salute mentale dei bambini è un bene superiore e non trattabile, nettamente superiore alla fobia di alcuni esseri viventi nel nostro Cantone. Ma hanno figli questi che parlano della salute come se fosse un business o un argomento da discutere? Vogliono davvero una generazione di gente psicolabile? Questa volta sto con Bertoli, al 100%
vulpus 2 mesi fa su tio
Un'altra pandemia stà per riversarsi sui nosti cittadini ticinesi. E non pmeso al covid,ma alla valanga di comunicati, di prese di posizione, di contestazioni, di polemiche, senza tralasciare quel fiume in piena di esperti e pseudo esperti : i bambini si, no anzi no, ma si fino a 6 anno, ,ma non è vero, infettano più i neonati che gli over 50. Che pata, nonse ne può più. Aprite ste benedette scuole e gestite in maniera responsabile la situazione, senza continuamente cambiare parere e direttive ogni volta che un giornale fa pet.
Marta 2 mesi fa su tio
La mascherina devono portarla tutti, sia dentro che fuori classe!
pillola rossa 2 mesi fa su tio
@Marta Anche sotto la doccia
sedelin 2 mesi fa su tio
il trio che polemizza ma non ha proposte: avete rotto le pallee!
Evry 2 mesi fa su tio
@sedelin condivido, ma in merito alle direttive confuse hanno ragione. Le direttive devono tener conto della realkta terre a terre e non pensate seduti alle scrivanie. L'MPS non deve solo criticare o denigrare ma fare delle proposte concrete , ora sono solo dei STARNAZZATORI !! Ma fin tanto che il loro trainatore rimene sdraiato sulla sedia durante l'inno Nazionale in occasione dell'insediamento del GC c^è poco da sperare.
giuvanin 2 mesi fa su tio
A maggio volevano lasciare tutti a casa per altre 6 settimane, ora vogliono che vadano a scuola anche gli ammalati... Ma un’interpellanza sulla propria coerenza questi non se la fanno mai???
sedelin 2 mesi fa su tio
@giuvanin a loro basta polemizzare, é il filo conduttore della loro politica antisociale.
miba 2 mesi fa su tio
Mi sembrava strano che nello spettacolo nostrano del circo del covid mancassero i clown. Finalmente sono arrivati!
Dioneus 2 mesi fa su tio
@miba mah, mi pareva che il duo lega-udc fosse già arrivato prima.
miba 2 mesi fa su tio
@Dioneus Secondo me ci sono tutti :)
GI 2 mesi fa su tio
meglio se avessero continuato le vacanze.....ora, di nuovo, la loro "dose quotidiana" di interpellanza/mozioni ecc.....tanto per....??
fromrussiawith<3 2 mesi fa su tio
Può sembrare strano oppure disumano porsi questa domanda, è giusto proteggere i bambini e ragazzi dal COVID, se molti studi dimostrano questa fascia d'età è molto resistente al virus per il motivo che il loro sistema immunitario è in pieno sviluppo e gli anticorpi prodotti a quell'età potrebbero magari proteggere loro anche quando adulti? dopotutto i virus hanno contribuito alla nostra evoluzione... credo sia chiaro di proteggere le persone a rischio, ma forse quelle non ha rischio/vulnerabili dovrebbero essere esposte per sviluppare il sistema immunitario a meno che non si voglia che la tecnologia si sostituisca definitivamente alla natura... credo che la scienza dovrebbe perlomeno far luce su questo aspetto anche nell'ottica dell'immunità di gregge che ormai grazie agl' incredibili errori iniziali nel contenere la pandemia sembra una possibile soluzione per ridurre il contagio, probabilmente meglio della mascherina e in assenza di un vaccino
equa50 2 mesi fa su tio
Con un mal di gola o un po' di raffreddamento per essere riammessi a scuola ci vuole il tampone? Immaginate una famiglia con 3 figli e franchigia alta. Ogni 15 giorni dal medico...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile