Immobili
Veicoli
Tipress
BELLINZONA
10.08.20 - 16:100

Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”

Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani

BELLINZONA - Decreto di abbandono per Massimiliano Robbiani sulla vicenda dell’immagine pubblicata su Facebook nel 2014,  dove il deputato in Gran Consiglio e Consigliere comunale postò un fotomontaggio ripreso da Internet, in cui si vedevano due persone con il burqa accanto a due sacchi della spazzatura con il commento “trova le differenze, in palio 10 kg di salame Maometto”. 

Un’immagine che aveva suscitato parecchia indignazione in rete e aveva originato inviti da più parti a dimettersi. Lui si giustificò dicendo che si trattava di un’immagine satirica, che non aveva intenzione di  offendere la sensibilità religiosa di nessuno. Come spesso succede in questi casi, tolse l’immagine e chiese scusa. Nel decreto di abbandono, il Procuratore Pubblico, Pablo Fäh, spiega la motivazione. Dice in sostanza che per “Robbiani il burqa non sarebbe un simbolo religioso della fede musulmana e che il suo pensiero non era nemmeno quello di pianificare una donna a un sacco della spazzatura, bensì quello di denunciare chi impone alle donne di indossarlo”. Dunque per il Procuratore pubblico non ci fu reato di discriminazione razziale, e nemmeno quello di perturbamento della libertà di credenza e di culto. Pertanto Robbiani verrà indennizzato, e con la stessa velocità in cui chiese scusa e tolse la foto a mo’ di pentimento, allo stesso modo ha commentato la sentenza: «Per un lungo periodo si parlo del ‘caso’ con invito da parte di molte forze politiche (in particolare da quelle di Sinistra) di dimettermi da tutte le mie cariche pubbliche. Per fortuna esiste ancora una giustizia, una giustizia che ha saputo valutare con obiettività e non con accanimento politico nei miei confronti, un caso montato ad arte da chi voleva farmi fuori. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Altri 1221 positivi. Sono 19 le persone in cure intense
Per il secondo giorno consecutivo non si registrano nuovi decessi.
BRISSAGO
18 ore
Incendio nei boschi sopra Brissago
Sono rapidamente intervenuti i pompieri, che monitoreranno la situazione anche durante la notte
CANTONE
1 gior
In Ticino altri 1312 contagi
Stabile l'occupazione delle terapie intensive. In lieve calo i ricoveri
CANTONE
1 gior
Adescava i minorenni sui social per ottenere foto pornografiche
Una cinquantina le vittime finite nella rete di un 31enne del Luganese tra il 2016 e il 2020.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
La polizia alle prese con quarantene e isolamenti
In Ticino l'operatività è garantita. Ma a Ginevra le assenze sono molte. I corpi sono pronti a scenari d'emergenza
AIROLO
1 gior
Addio a Luca Ceresetti, vicesindaco di Airolo
Il municipale è scomparso improvvisamente, dopo breve malattia, nel giorno del suo 47esimo compleanno
CANTONE
1 gior
L'occhio dei radar sbircia cinque distretti
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 17 al 23 gennaio sulle strade ticinesi
CANTONE
1 gior
In carcere uno spacciatore estradato dalla Serbia
È sospettato di traffico di eroina e cocaina in Ticino.
CANTONE
2 gior
«Al picco il 30% dei ticinesi sarà infettato»
Quarantene accorciate, Merlani: «Ospedali e case anziani si potranno visitare solo dopo dieci giorni dal contagio».
VERZASCA
2 gior
«Costretti a lasciare le nostre case»
Via dalla frazione Pioda, ex cuore economico di Vogorno. Parlano le "vittime" della costruzione della diga.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile