Tipress
BELLINZONA
10.08.20 - 16:100

Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”

Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani

BELLINZONA - Decreto di abbandono per Massimiliano Robbiani sulla vicenda dell’immagine pubblicata su Facebook nel 2014,  dove il deputato in Gran Consiglio e Consigliere comunale postò un fotomontaggio ripreso da Internet, in cui si vedevano due persone con il burqa accanto a due sacchi della spazzatura con il commento “trova le differenze, in palio 10 kg di salame Maometto”. 

Un’immagine che aveva suscitato parecchia indignazione in rete e aveva originato inviti da più parti a dimettersi. Lui si giustificò dicendo che si trattava di un’immagine satirica, che non aveva intenzione di  offendere la sensibilità religiosa di nessuno. Come spesso succede in questi casi, tolse l’immagine e chiese scusa. Nel decreto di abbandono, il Procuratore Pubblico, Pablo Fäh, spiega la motivazione. Dice in sostanza che per “Robbiani il burqa non sarebbe un simbolo religioso della fede musulmana e che il suo pensiero non era nemmeno quello di pianificare una donna a un sacco della spazzatura, bensì quello di denunciare chi impone alle donne di indossarlo”. Dunque per il Procuratore pubblico non ci fu reato di discriminazione razziale, e nemmeno quello di perturbamento della libertà di credenza e di culto. Pertanto Robbiani verrà indennizzato, e con la stessa velocità in cui chiese scusa e tolse la foto a mo’ di pentimento, allo stesso modo ha commentato la sentenza: «Per un lungo periodo si parlo del ‘caso’ con invito da parte di molte forze politiche (in particolare da quelle di Sinistra) di dimettermi da tutte le mie cariche pubbliche. Per fortuna esiste ancora una giustizia, una giustizia che ha saputo valutare con obiettività e non con accanimento politico nei miei confronti, un caso montato ad arte da chi voleva farmi fuori. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
8 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
9 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
12 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
18 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
19 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
20 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
20 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
21 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile