Tipress
BELLINZONA
10.08.20 - 16:100

Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”

Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani

BELLINZONA - Decreto di abbandono per Massimiliano Robbiani sulla vicenda dell’immagine pubblicata su Facebook nel 2014,  dove il deputato in Gran Consiglio e Consigliere comunale postò un fotomontaggio ripreso da Internet, in cui si vedevano due persone con il burqa accanto a due sacchi della spazzatura con il commento “trova le differenze, in palio 10 kg di salame Maometto”. 

Un’immagine che aveva suscitato parecchia indignazione in rete e aveva originato inviti da più parti a dimettersi. Lui si giustificò dicendo che si trattava di un’immagine satirica, che non aveva intenzione di  offendere la sensibilità religiosa di nessuno. Come spesso succede in questi casi, tolse l’immagine e chiese scusa. Nel decreto di abbandono, il Procuratore Pubblico, Pablo Fäh, spiega la motivazione. Dice in sostanza che per “Robbiani il burqa non sarebbe un simbolo religioso della fede musulmana e che il suo pensiero non era nemmeno quello di pianificare una donna a un sacco della spazzatura, bensì quello di denunciare chi impone alle donne di indossarlo”. Dunque per il Procuratore pubblico non ci fu reato di discriminazione razziale, e nemmeno quello di perturbamento della libertà di credenza e di culto. Pertanto Robbiani verrà indennizzato, e con la stessa velocità in cui chiese scusa e tolse la foto a mo’ di pentimento, allo stesso modo ha commentato la sentenza: «Per un lungo periodo si parlo del ‘caso’ con invito da parte di molte forze politiche (in particolare da quelle di Sinistra) di dimettermi da tutte le mie cariche pubbliche. Per fortuna esiste ancora una giustizia, una giustizia che ha saputo valutare con obiettività e non con accanimento politico nei miei confronti, un caso montato ad arte da chi voleva farmi fuori. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
6 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
8 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
9 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
9 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
9 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
9 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
11 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
13 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
14 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile