Ti Press
CANTONE
11.07.20 - 16:280

«Sospendiamo chi sapeva ma ha taciuto»

M. Robbiani chiede d'intervenire nei confronti dei docenti che non hanno segnalato le violenze subite da due allievi.

BELLINZONA - «Lascia sgomenti che la scuola sapesse cosa succedeva in quella casa ma non ha fatto nulla». Queste sono le parole del Giudice Amos Pagnamenta ha usato nel dare la lettura della sentenza e condanna a otto anni al cittadino siriano che ha ripetutamente picchiato moglie e figli.

A lasciare senza parole i presenti in aula penale non sono infatti stati soltanto i fatti raccontati e ricostruiti dai diretti interessati ma anche - e lo ha sottolineato pure la procuratrice pubblica Marisa Alfier che si è detta «basita» - il fatto che le violenze vissute fossero state raccontate a più di una persona in ambito scolastico. I due figli avrebbero infatti detto a docenti e altri adulti di riferimento di essere regolarmente vittime di violenze. «A scuola sapevano almeno in sei, di cui quattro bene - ha detto Alfier nel corso della sua requisitoria - per questo saranno aperti dei procedimenti, queste persone avevano l’obbligo di segnalare i fatti».

A parte i procedimenti aperti Massimiliano Robbiani vuole pure capire come voglia procedere il DECS con chi sapeva, ma ho volutamente preferito tacere. Per questo motivo ha deciso di presentare un'interrogazione chiedendo di sospendere chi ha taciuto i racconti e le richieste d’aiuto pervenute dai figli del siriano condannato per tre tentati omicidi. Nell'atto parlamentare, il deputato leghista chiede pure se il DECS sia venuto a sapere solamente durante il processo di cosa non è stato fatto o non detto dalla scuola e se in casi come questi esistano delle regole chiare che i docenti sono tenuti a rispettare.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Coronavirus: in Ticino altri tre casi
Le persone ricoverate negli ospedali a causa del covid-19 restano due
CANTONE
1 ora
La scuola "ai tempi del Covid-19" piace più agli allievi che ai docenti
Il loro carico di lavoro è aumentato, così come quello dei genitori. Si sono sentiti sotto pressione e/o ansiosi
ORIGLIO
2 ore
«Sono centinaia, ce li troviamo quasi in casa»
Il sindaco Alessandro Cedraschi sulla presenza di cinghiali vicino al Paese: «Continuiamo a sollecitare il Cantone».
CANTONE
5 ore
Un brutto male nei rubinetti
Si chiama clorotalonil, è vietato in Svizzera perché cancerogeno. Ma in alcune località del Mendrisiotto sfora i limiti.
LUGANO
5 ore
Cassarate, si cercano volontari per ripulirne le sponde
Dopo il successo dell'appuntamento di luglio si riparte per «rendere bello e vivibile il nostro bene pubblico».
GAMBAROGNO
12 ore
«Il mio Rodolfo non merita di finire così»
Waldis Ratti, 63 anni, "piange" per lo storico ristorante di famiglia. Un patrimonio che rischia di svanire.
SANTA MARIA (GRIGIONI)
14 ore
«Quando il treno è affollato, cedo il posto e mi siedo per terra»
Nella “sua” Calanca la chiamano tutti “Robi” ma lei è la donna forte delle ferrovie svizzere.
ASCONA
16 ore
«Per chilometri legata alla borsa della padrona»
L'animale, zoppicante e in evidente stato d'incuria, non avrebbe nemmeno la possibilità di fare i suoi bisogni.
OSCO
18 ore
La vittima dell'incidente di Osco è stata identificata
Ieri la Polizia aveva chiesto a eventuali testimoni di farsi avanti.
FOTO E VIDEO
LUGANO
21 ore
Prima del Gran Consiglio, contro le politiche del DI di Gobbi
Presidio "antirazzista e per il rispetto dello stato di diritto", a partire dalle 12, davanti al Palazzo dei Congressi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile