Ti Press
CANTONE
24.06.20 - 17:220

Revoca dei permessi: «La prassi va cambiata»

La richiesta del PS arriva dopo una sentenza del Tribunale federale di Losanna che ha sconfessato il Governo.

BELLINZONA - Lo scorso 8 giugno, il Tribunale Federale di Losanna ha sconfessato una decisione del 2017 del Consiglio di Stato riguardante la revoca di un permesso di dimora.

La decisione toccava un 35enne cittadino bosniaco con permesso B, cui era stata revocato il permesso a causa della necessità di chiedere l’aiuto sociale. L’uomo viveva in Svizzera dal 1995 e nel 2011 era diventato padre di una bambina di cittadinanza svizzera, ma nonostante questa situazione personale, con una lunga permanenza in Ticino e addirittura una figlia, l’uomo era stato espulso.

Da parte del Consiglio di Stato (e prima della sezione della popolazione del DI) la ponderazione era stata diversa ed era prevalso il fatto che per due anni, a causa della perdita dell’impiego, l’uomo aveva dovuto far capo all’assistenza sociale.

Per Fabrizio Sirica e Ivo Dürisch, la decisione del TF mette in luce quindi una severità «intollerabile» da parte del DI e del Consiglio di Stato, una situazione «inaccettabile» perché compromette in maniera decisiva la vita di persone che per anni hanno vissuto e lavorato in Svizzera. «Un modo di fare che tratta le persone non come cittadini, padri, figli, amanti, amici, ma soltanto come braccia, che quando non sono più utili all’economia vengono espulse», sottolineano i due deputati del PS. Che per questo motivo hanno deciso di presentare un'interrogazione e di sottoporre al Governo una serie di domande:

  • Come valuta la sconfessione arrivata dal Tribunale Federale? Quali errori di valutazione ha fatto il Consiglio di Stato?
  • Ha intenzione di cambiare prassi nella valutazione dei dossier a seguito di questa sentenza?
  • Quanti ammonimenti sono stati inviati a beneficiari di assegni famigliari integrativi?
  • Quanti ammonimenti sono stati inviati a beneficiari di assistenza.
  • Quanti permessi sono stati revocati a beneficiari di assegni famigliari?
  • Quanti permessi sono stati revocati a beneficiari di assistenza?
  • Quanti nuclei famigliari hanno rinunciato agli assegni famigliari dopo aver ricevuto un ammonimento?
  • Quanti nuclei famigliari hanno rinunciato all’assistenza dopo aver ricevuto un ammonimento?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
12 min
«Gli inquilini stanno tirando troppo sul prezzo»
A Lugano appartamenti sfitti, in media, per due mesi. I padroni di casa non sono contenti
LUGANO
2 ore
L'arte ti fa bella, ecco come rendere originale un città
Oggi in pensione, Stefan Ferretti è stato per anni tra i creatori delle installazioni artistiche che animano Lugano
CANTONE
2 ore
La pandemia non spaventa gli amanti della Grecia
Poche o nulle le lamentele. Lo stesso per le cancellazioni.
CANTONE
11 ore
Scomparso Haylem Sissaui
È dal 22 di luglio che non si hanno sue notizie
LUGANO
13 ore
Abusi all'ex Macello: «Ha macchiato la vita di un bambino»
Condannato a 30 mesi e a una terapia stazionaria un 24enne del luganese
CANTONE / BERNA
13 ore
Le antiche faggete patrimonio dell'UNESCO
La foresta della Valle di Lodano è già oggi una riserva integrale.
LUGANO
14 ore
«Il tetto è caduto all'improvviso»
Il maltempo ha fatto solo danni, fortunatamente. Anche alla stazione di servizio Coop di Pambio-Noranco
CANTONE
15 ore
«Le tragedie del 2014 ci hanno fatto cambiare approccio»
Il primo bilancio dei danni del maltempo con il direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali
LUGANO
18 ore
Servizio gratuito via lago fra Lugano e Porlezza
Il trasporto lacuale è stato rapidamente organizzato in risposta alla chiusura della strada fra Gandria e il confine.
FOTO
LUGANO
20 ore
Pensilina Coop crollata, non ci sono feriti
È il bilancio di quanto accaduto stamattina attorno alle 9.30 al nuovo benzinaio di Pambio-Noranco
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile