Ti Press
CANTONE
24.06.20 - 17:220

Revoca dei permessi: «La prassi va cambiata»

La richiesta del PS arriva dopo una sentenza del Tribunale federale di Losanna che ha sconfessato il Governo.

BELLINZONA - Lo scorso 8 giugno, il Tribunale Federale di Losanna ha sconfessato una decisione del 2017 del Consiglio di Stato riguardante la revoca di un permesso di dimora.

La decisione toccava un 35enne cittadino bosniaco con permesso B, cui era stata revocato il permesso a causa della necessità di chiedere l’aiuto sociale. L’uomo viveva in Svizzera dal 1995 e nel 2011 era diventato padre di una bambina di cittadinanza svizzera, ma nonostante questa situazione personale, con una lunga permanenza in Ticino e addirittura una figlia, l’uomo era stato espulso.

Da parte del Consiglio di Stato (e prima della sezione della popolazione del DI) la ponderazione era stata diversa ed era prevalso il fatto che per due anni, a causa della perdita dell’impiego, l’uomo aveva dovuto far capo all’assistenza sociale.

Per Fabrizio Sirica e Ivo Dürisch, la decisione del TF mette in luce quindi una severità «intollerabile» da parte del DI e del Consiglio di Stato, una situazione «inaccettabile» perché compromette in maniera decisiva la vita di persone che per anni hanno vissuto e lavorato in Svizzera. «Un modo di fare che tratta le persone non come cittadini, padri, figli, amanti, amici, ma soltanto come braccia, che quando non sono più utili all’economia vengono espulse», sottolineano i due deputati del PS. Che per questo motivo hanno deciso di presentare un'interrogazione e di sottoporre al Governo una serie di domande:

  • Come valuta la sconfessione arrivata dal Tribunale Federale? Quali errori di valutazione ha fatto il Consiglio di Stato?
  • Ha intenzione di cambiare prassi nella valutazione dei dossier a seguito di questa sentenza?
  • Quanti ammonimenti sono stati inviati a beneficiari di assegni famigliari integrativi?
  • Quanti ammonimenti sono stati inviati a beneficiari di assistenza.
  • Quanti permessi sono stati revocati a beneficiari di assegni famigliari?
  • Quanti permessi sono stati revocati a beneficiari di assistenza?
  • Quanti nuclei famigliari hanno rinunciato agli assegni famigliari dopo aver ricevuto un ammonimento?
  • Quanti nuclei famigliari hanno rinunciato all’assistenza dopo aver ricevuto un ammonimento?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
3 ore
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
6 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
7 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
16 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
19 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
20 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
20 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
22 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile