tipress (archivio)
CANTONE
17.06.20 - 09:190

Votazioni federali, i "sì" e "no" dei Verdi liberali

La sezione cantonale prende posizione sui temi in votazione il 27 settembre

BELLINZONA - Durante l’assemblea generale di martedì 16 giugno della sezione ticinese del partito verde liberale, organizzata per la prima volta online, sono stati discussi i temi in votazione federale il prossimo 27 settembre.

L’assemblea si è aperta con il discorso del presidente cantonale Massimo Mobiglia che ha elogiato gli sforzi fatti durante la campagna per le elezioni comunali, nonostante la straordinarietà della situazione abbia comportato l’annullamento delle elezioni comunali a poche settimane dal voto: «l’entusiasmo resta grande e l’obiettivo è quello di presentare un numero maggiore di liste ad aprile 2021». Il presidente ha accolto positivamente la proposta apertura di una sezione giovanile ticinese dei verdi liberali.

L’Assemblea ha anche rinnovato il comitato 2020-2021 così composto: Massimo Mobiglia (presidente), Ivan Zivko, Vincenza Sutter, Stefano Pesce, Emanuele Mobiglia, Stefano Dias, Leandro De Angelis Effrem, Stefano Cantaluppi, Marco Battaglia.

Quindi ha preso in seguito posizione sui temi in votazione federale il prossimo 27 settembre. Di seguito le raccomandazioni di voto della sezione cantonale.

SÌ all’acquisto degli aerei da combattimento - Con 10 voti a favore, 3 voti contrari e 4 astenuti, l’assemblea raccomanda di approvare il credito per l’acquisto di nuovi aerei da combattimento. I verdi liberali ritengono che il mantenimento di un esercito al passo con i tempi abbia bisogno di forze aeree dotate di mezzi adeguati. «I costi ulteriori richiesti dall’acquisto degli aerei - sottolineano - sono infatti in gran parte compensati dal budget ordinario dell’esercito, rappresentano un investimento nella sicurezza del Paese ed evitano il rischio di dover concludere accordi con Stati terzi mettendo a rischio la neutralità e sovranità della Svizzera».

NO all’Iniziativa per un’immigrazione moderata - Con 14 voti contrari e 2 astenuti, l’assemblea raccomanda di rifiutare l’iniziativa per la limitazione che chiede la fine della libera circolazione. I verdi liberali riconoscono che la libera circolazione ha portato, oltre ad effetti positivi per l’economia elvetica, anche degli svantaggi per le regioni di frontiera come il Ticino. «Le distorsioni nel mercato sono evidenti - sostengono -. Per questo motivo delle misure di contingentamento a favore di una maggiore protezione dei lavoratori residenti è assolutamente prioritario. Tuttavia la disdetta della libera circolazione e l’attivazione della clausola ghigliottina che farebbe cadere tutto il pacchetto di Bilaterali I, è una proposta che crea più problemi di quanti ne risolve».

SÌ al congedo paternità - Con 15 voti a favore, 0 voti contrari e 1 astenuto, l’assemblea raccomanda di approvare l’introduzione di un congedo paternità di 2 settimane. «La Svizzera deve ancora fare molti passi per dotarsi di una politica familiare moderna - hanno sottolineato durante l'Assemblea -. L’introduzione del congedo paternità è il primo passo nella giusta direzione per adattare la legislazione ai nuovi modelli familiari. I benefici in termini di politica familiare e qualità di vita per i neogenitori superano ampiamente i costi modesti che questo congedo comporterà».

NO alla revisione sulla legge sulla caccia - Con 14 voti contrari e 1 astenuto, l’assemblea raccomanda di rifiutare la revisione della legge sulla caccia. «Partendo dalla necessità di aggiustare le disposizioni su come regolare gli effettivi di lupo - si è aggiunto ancora -, la legge sulla caccia è andata fin troppo lunga, arrivando addirittura a modificare le basi giuridiche per la protezione di molte specie protette che rischieranno di essere abbattute prima ancora di aver causato danni. Questa revisione che mette a rischio numerose specie protette è ingiustificata e distrugge un equilibrio tipico svizzero tra allevamento, caccia e protezione delle specie. Per questo si raccomanda di rifiutare questa revisione inaccettabile».

NO al trattamento fiscale delle spese per la cura dei figli da parte di terzi - Con 9 voti contrari, 2 voti a favore e 4 astenuti, l’assemblea raccomanda di rifiutare la modifica delle deduzioni fiscali per i figli. «Le deduzioni così proposte mancano completamente l’obiettivo prefissato sul mercato del lavoro, che avrebbe giovato a molte madri - hanno concluso i verdi liberali -. Oltretutto sono un regalo per i contribuenti più ricchi che sono i veri vincitori di questa proposta mal calibrata».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
38 min
Mozziconi e "cicche" più resistenti del Covid
La pandemia abbatte il consumo di chewing gum, ma chi lavora per tenere pulito l'asfalto non rileva grandi miglioramenti
FOTO E VIDEO
MAGGIA
2 ore
Schianto sulla cantonale, arriva la Rega
Coinvolta una monovolume con a bordo un uomo, una donna e tre bambini
MONTE CARASSO
4 ore
Salvati nella notte cinque escursionisti
Intervento della Rega sopra Monte Carasso, nei pressi della capanna Albagno
LUGANO
9 ore
Aggressione in stazione, l'accusa è di tentato omicidio
I tre dovranno rispondere anche di lesioni gravi, aggressione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.
CANTONE
10 ore
Covid in Ticino: 41 contagi e 4 vittime
Sono 469 le infezioni da Coronavirus contate da inizio settimana.
SVIZZERA
11 ore
Aumenti di decessi fra i senior durante la seconda ondata, in Ticino si parla del 76% in più
Nel periodo che va da ottobre 2020 a gennaio 2021, è il secondo cantone con il maggiore incremento in Svizzera
FOTO
AIROLO
12 ore
Perde il controllo, prende l'uscita sbagliata e si incaglia nella rete di protezione
È successo questa notte a Stalvedro, per rimuoverla è stato necessario l'intervento di un carro attrezzi
CANTONE
12 ore
I nostri vaccini sono nelle loro mani
Il preparato Pfizer/BioNTech viene trasportato a una temperatura di -75°C dalla ditta Galliker, con sede a Sant'Antonino.
FOTO
LUGANO
23 ore
Aggredito da tre ragazzi in stazione
Due individui sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe fuggito.
CARÌ
1 gior
Leggere ferite per lo sciatore travolto dalla valanga
Si tratta di un 43enne svizzero domiciliato nel Luganese che si trovava a Carì con altre due persone.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile