Tipress
CANOBBIO
16.06.20 - 16:540

Respinta la mozione sul clima, deluso il Gruppo PS e area progressista

Accettata invece la mozione per un fondo a sostegno di chi non puo' pagare l'affitto a causa del Covid

CANOBBIO - Il Partito socialista di Canobbio ha presentato una mozione “per la costituzione urgente di un fondo a sostegno delle persone in difficoltà ad onorare i costi di locazione a causa dell’epidemia Covid19”. Di questa mozione - presentata da Saverio Lutai (primo firmatario) se n'è discussa lunedì sera durante la seduta di Consiglio comunale. «Con la mozione - ha spiegato Lurati - si vuole venire in aiuto in maniera rapida ed efficace a quelle persone, soprattutto famiglie dove i genitori sono attivi in piccole imprese, esercizi pubblici o sono indipendenti. I costi di locazione incidono fino al 25% del reddito complessivo e il livello degli affitti di Canobbio, situato in prossimità di Lugano, sono situati tra quelli medio-alti». Proposta che ha riscontrato esisti favorevoli tanto che il Gruppo PS ha espresso soddisfazione per il buon esito della votazione sull’oggetto in esame.

Delusione invece per quanto riguarda la mozione chiedeva anche di contribuire alla lotta per il cambiamento climatico pianificando entro il 2030 misure per portare le emissioni nette a zero sul piano comunale. La Mozione “Urgenza climatica” era stata presentata al Consiglio comunale già nel luglio 2019 ma è restata a lungo inevasa venendosi a trovare nel periodo di cambio di procedura per il trattamento delle mozioni. Preavvisata negativamente dal Municipio, anche la commissione speciale che se ne è occupata ha proposto di respingerla e la maggioranza delle consigliere e dei consiglieri presenti in sala hanno seguito queste indicazioni. Critico il Gruppo PS e area progressista che considera la decisione «un’occasione persa per valorizzare quanto il comune già fa e per affrontare con una visione complessiva il mutamento climatico».

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Coronavirus: in Ticino altri tre casi
Le persone ricoverate negli ospedali a causa del covid-19 restano due
CANTONE
1 ora
La scuola "ai tempi del Covid-19" piace più agli allievi che ai docenti
Il loro carico di lavoro è aumentato, così come quello dei genitori. Si sono sentiti sotto pressione e/o ansiosi
ORIGLIO
3 ore
«Sono centinaia, ce li troviamo quasi in casa»
Il sindaco Alessandro Cedraschi sulla presenza di cinghiali vicino al Paese: «Continuiamo a sollecitare il Cantone».
CANTONE
5 ore
Un brutto male nei rubinetti
Si chiama clorotalonil, è vietato in Svizzera perché cancerogeno. Ma in alcune località del Mendrisiotto sfora i limiti.
LUGANO
5 ore
Cassarate, si cercano volontari per ripulirne le sponde
Dopo il successo dell'appuntamento di luglio si riparte per «rendere bello e vivibile il nostro bene pubblico».
GAMBAROGNO
12 ore
«Il mio Rodolfo non merita di finire così»
Waldis Ratti, 63 anni, "piange" per lo storico ristorante di famiglia. Un patrimonio che rischia di svanire.
SANTA MARIA (GRIGIONI)
14 ore
«Quando il treno è affollato, cedo il posto e mi siedo per terra»
Nella “sua” Calanca la chiamano tutti “Robi” ma lei è la donna forte delle ferrovie svizzere.
ASCONA
16 ore
«Per chilometri legata alla borsa della padrona»
L'animale, zoppicante e in evidente stato d'incuria, non avrebbe nemmeno la possibilità di fare i suoi bisogni.
OSCO
18 ore
La vittima dell'incidente di Osco è stata identificata
Ieri la Polizia aveva chiesto a eventuali testimoni di farsi avanti.
FOTO E VIDEO
LUGANO
21 ore
Prima del Gran Consiglio, contro le politiche del DI di Gobbi
Presidio "antirazzista e per il rispetto dello stato di diritto", a partire dalle 12, davanti al Palazzo dei Congressi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile