Ti Press
CANTONE
16.06.20 - 13:590

Quale futuro per lo stabile ARL?

Al Municipio di Lugano vengono rivolte alcune domande (e alcune critiche)

LUGANO - Non appena, durante l’autunno dello scorso anno, è diventata pubblica l’intenzione di ARL di vendere il deposito di Viganello, affinché un privato lo abbattesse e ci costruisse un complesso alberghiero e di appartamenti di 7 piani, sono piovute reazioni di politica e società civile. Tutte tese a conservare l’edificio degno di protezione.

Il Municipio di Lugano, resosi conto della sensibilità della faccenda, per voce del suo municipale Angelo Jelmini ha tentato di calmare gli animi, comunicando al Consiglio Comunale di aver «deciso di incaricare i propri servizi di intraprendere uno studio preparatorio per elaborare eventualmente una zona di pianificazione: uno strumento che servirebbe a evitare che la pianificazione in allestimento sia ostacolata da un uso del territorio in contrasto con il suo indirizzo».

Di recente l'’Ufficio della natura e del paesaggio ha preavvisato negativamente la domanda di costruzione del complesso residenziale e alberghiero progettato sul terreno delle ARL a Viganello per il suo impatto sulla zona. Il progetto non rispetterebbe le disposizioni della Legge sullo sviluppo territoriale.

Alla luce di ciò, per alcuni consiglieri comunali risulta «sorprendente» l’intenzione del Municipio di Lugano di pensare a un tentativo di conciliazione fra il Cantone e il gruppo immobiliare promotore del palazzo di 7 piani. Conciliazione che, generalmente, «ha lo scopo di promuovere uno scambio di opinioni che possa portare ad eventuali accordi e al ritiro di opposizioni o preavvisi negativi per evitare lunghi contenziosi in ambito ricorsuale».

Per questo motivo, Nicola Schoenenberger e Danilo Baratti (I Verdi), Simona Buri e Raoul Ghisletta (PS), Sara Beretta Piccoli e Giovani Albertini (MTL) e Urs Lüchinger (PLR) hanno deciso di presentare un'interpellanza. E chiedono: 

  • Il Municipio non dovrebbe difendere l’interesse pubblico (mantenimento dello stabile ARL e rigetto della domanda di costruzione), piuttosto che attivarsi per una conciliazione (fatto che sottintende un appoggio alla domanda di costruzione)? Non ritiene inopportuno promuovere una conciliazione?
  • L’agire per una conciliazione e le indicazioni, in senso opposto, espresse pubblicamente e precedentemente dal municipale Jelmini non rappresentano una grossolana contraddizione?
  • Il Municipio intende riprendere la proposta del municipale Jelmini e la richiesta di numerosi cittadini, deputati e organizzazioni della società civile di voler tutelare il sedime con una decisione provvisionale oppure istituire una zona di pianificazione per il comparto?
  • Corrisponde al vero che la Città è proprietaria di un immobile del comparto? In caso affermativo come si pone verso il ripensamento, da un profilo pianificatorio, volto alla tutela del deposito ARL?

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VALLESE / CONFINE
43 min
La preoccupazione affolla anche i treni dei frontalieri
Il caso segnalato riguarda i collegamenti regionali tra Domodossola e il Vallese
LUGANO
53 min
Meglio la calca, o una multa da 90 franchi?
Per evitare i bus pieni, alcuni studenti del Cpt di Trevano optano per l'auto. Ma anche qui i problemi non mancano
FOTO E VIDEO
QUARTINO
3 ore
Fiamme in una carrozzeria: un operaio ricoverato
Il rogo è divampato attorno alle 18.30 in via Mondette. Ingenti i danni alla struttura
CANTONE
4 ore
«Sindaci ticinesi, uscite dal buco»
Giovanni Cossi, presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone, lancia un appello: «Salviamo il Cantone».
CANTONE
5 ore
Gastroticino: «Grazie Governo»
Soddisfatti bar e ristoranti per le scelte del Consiglio di Stato: «Così possiamo lavorare»
CANTONE
5 ore
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
La protezione sarà da adottare laddove le distanze non possono essere mantenute, in particolar modo nei mercati.
CANTONE
8 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CANTONE
11 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
12 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
12 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile