Immobili
Veicoli
Ti Press
CANTONE
04.06.20 - 08:440

Vietare i licenziamenti in caso di pandemia

Il partito comunista depositerà un'iniziativa parlamentare generica

BELLINZONA - A seguito della crisi provocata dalla pandemia da Coronavirus si susseguono i licenziamenti, e i dati sulla disoccupazione sono in aumento. Le perdite di posti di lavoro «sono preoccupanti» e per il Partito Comunista «impongono un intervento da parte dello Stato a tutela non solo dei lavoratori ma anche del tessuto produttivo del Cantone». Gli aiuti previsti dall’ente pubblico - rileva il partito - dovrebbero essere atti a salvaguardare i posti di lavoro e a garantire il pagamento dei salari, «certo non per aumentare i margini di produttività di quella parte irresponsabile del padronato che ne vuole approfittare». 

Il Partito Comunista ha quindi incaricato i suoi due deputati in Gran Consiglio, Massimiliano Ay e Lea Ferrari, di depositare un’iniziativa parlamentare generica in cui si chiede di definire una base legale che possa vietare i licenziamenti durante il periodo in cui il Consiglio di Stato dichiara lo stato di necessità a seguito di pandemia o di pubblica calamità. 

«Siamo consapevoli che la proposta possa entrare in contrasto con il diritto superiore, visto che la competenza è anzitutto federale, tuttavia a determinate condizioni il Cantone è legittimato a emanare norme di diritto pubblico in concorso con il diritto privato federale». Non è infatti esclusa una coabitazione del diritto pubblico cantonale con quello federale privato qualora sussistano tre condizioni: 1) la Confederazione non abbia legiferato esaustivamente nella materia; 2) le disposizioni cantonali siano motivate da un interesse pubblico pertinente e 3) che le stesse non contraddicano il diritto federale.

 


Il Partito Comunista ritiene quindi che vi siano dei margini per il Cantone per introdurre tale divieto di licenziamento in periodo di emergenza sanitaria poiché è un obiettivo che non solo non è contemplato dal Codice delle Obbligazioni, ma che risponde a un interesse pubblico e non aggira il senso del diritto federale privato. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
Covid in Ticino, altri 1'266 contagi in ventiquattro ore
Attualmente negli ospedali del nostro cantone si contano 173 pazienti col coronavirus, di cui 17 in cure intense
LUGANO
21 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
21 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
CANTONE
23 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
1 gior
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
1 gior
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
1 gior
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
1 gior
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
1 gior
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile