Ti Press
CANTONE
04.06.20 - 08:440

Vietare i licenziamenti in caso di pandemia

Il partito comunista depositerà un'iniziativa parlamentare generica

BELLINZONA - A seguito della crisi provocata dalla pandemia da Coronavirus si susseguono i licenziamenti, e i dati sulla disoccupazione sono in aumento. Le perdite di posti di lavoro «sono preoccupanti» e per il Partito Comunista «impongono un intervento da parte dello Stato a tutela non solo dei lavoratori ma anche del tessuto produttivo del Cantone». Gli aiuti previsti dall’ente pubblico - rileva il partito - dovrebbero essere atti a salvaguardare i posti di lavoro e a garantire il pagamento dei salari, «certo non per aumentare i margini di produttività di quella parte irresponsabile del padronato che ne vuole approfittare». 

Il Partito Comunista ha quindi incaricato i suoi due deputati in Gran Consiglio, Massimiliano Ay e Lea Ferrari, di depositare un’iniziativa parlamentare generica in cui si chiede di definire una base legale che possa vietare i licenziamenti durante il periodo in cui il Consiglio di Stato dichiara lo stato di necessità a seguito di pandemia o di pubblica calamità. 

«Siamo consapevoli che la proposta possa entrare in contrasto con il diritto superiore, visto che la competenza è anzitutto federale, tuttavia a determinate condizioni il Cantone è legittimato a emanare norme di diritto pubblico in concorso con il diritto privato federale». Non è infatti esclusa una coabitazione del diritto pubblico cantonale con quello federale privato qualora sussistano tre condizioni: 1) la Confederazione non abbia legiferato esaustivamente nella materia; 2) le disposizioni cantonali siano motivate da un interesse pubblico pertinente e 3) che le stesse non contraddicano il diritto federale.

 


Il Partito Comunista ritiene quindi che vi siano dei margini per il Cantone per introdurre tale divieto di licenziamento in periodo di emergenza sanitaria poiché è un obiettivo che non solo non è contemplato dal Codice delle Obbligazioni, ma che risponde a un interesse pubblico e non aggira il senso del diritto federale privato. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
27 min
«Abbiamo bisogno di quest'opera»
Dopo l'annunciato referendum dell'Mps, Roberto Badaracco interviene in difesa del nuovo stadio di Cornaredo
FOTO
CANTONE
2 ore
Neve fin nel Sottoceneri e forti disagi a nord
Un furgone è andato a sbattere sul'A2, all'altezza di Faido.
CONFINE
2 ore
Positivo alla variante inglese, da St. Moritz a Como in treno e taxi
L'uomo, un cameriere 30enne, è stato denunciato.
AIROLO
3 ore
San Gottardo chiuso... per neve
La galleria è stata chiusa poco dopo le 14.00 a causa del maltempo. Forti disagi al traffico.
CANTONE
5 ore
Governo e Cellula sanitaria insieme per prevedere l'evoluzione della pandemia
Si è discusso dello scambio continuo di informazioni sulla situazione epidemiologica.
CANTONE
8 ore
Diciotto pazienti in meno all'ospedale
Nelle ultime 24 ore 4 persone sono state ricoverate, mentre 20 sono state dimesse.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Ecco le sfide 2021 per i consumatori
Al centro della “battaglia” ci saranno il Nutri-Score sugli imballaggi e le azioni collettive
BELLINZONA
12 ore
«Mi ha "distrutto" la spalla e non mi vuole risarcire»
Lo sfogo del 29enne che il 10 febbraio 2016 venne aggredito da un calciatore a carnevale: «Sono in un limbo».
CANTONE
12 ore
Loro sono tra i pochi a fare affari
Chi se lo sarebbe aspettato un anno fa a quest'ora? Col Covid "vanno di moda" le fabbriche di mascherine.
CANTONE
22 ore
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile