TiPress - foto d'archivio
CANTONE
02.06.20 - 15:150

«Usiamo i ristorni dei frontalieri per i ticinesi in difficoltà»

Lo chiede un’interpellanza presentata al Governo da Tiziano Galeazzi e Boris Bignasca

BELLINZONA - «Non un atto di rappresaglia verso l’Italia, bensì un segnale forte affinché venga finalmente firmato il nuovo accordo fiscale parafato nel 2015». È questa la premessa alla base dell’interpellanza inoltrata da Tiziano Galeazzi (UDC) e Boris Bignasca (Lega dei ticinesi) al Consiglio di Stato. «Tutti gli sforzi fino ad oggi messi in campo dalla nostra diplomazia sono risultati vani - scrivono i due firmatari -. Un chiaro segnale che all'Italia, l'attuale accordo del 1974, va bene e non lo vuole cambiare».

Al Governo ticinese viene chiesto di «dirottare» quest’anno - considerate le difficoltà economiche conseguenti alla pandemia di coronavirus - «l’assegno milionario» dei ristorni «per un sostegno urgente verso la popolazione e l’economia ticinese». In particolare sussidi cassa malati straordinari, agevolazioni per famiglie duramente colpite dalla pandemia, aiuti agli indipendenti, tredicesima AVS per gli anziani con complementare, una nuova rete socio-sanitaria, aiuti al turismo e alle PMI.

Qualora il Consiglio di Stato non ritenesse di «congelare i ristorni del 2019» per destinarli ai ticinesi in difficoltà, Galeazzi e Bignasca chiedono «cosa vorrebbe fare il Governo ticinese per tutelare gli interessi del Cantone senza il nuovo accordo 2015, quale tipo di accordo è stato discusso tra Christian Vitta e il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana» e «che fine ha fatto la “road map” che accompagnava l’accordo parafato nel 2015 in cui si evinceva la possibilità di poter operare in Italia nel settore finanziario e assicurativo senza più incappare in violazioni penali di cross-bording».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile