tipress
CANTONE
05.05.20 - 10:090

«Quei sette giornalisti "prestati" alla polizia»

La GiSo punta il dito sulla gestione della comunicazione da parte di RSI e Polizia cantonale

BELLINZONA - Le notizie al tempo del Covid. In un'epoca di polemiche diffuse, anche alla cellula di comunicazione istituita dallo Stato Maggiore cantonale di condotta (Smcc) non sono risparmiate alcune critiche.

Arrivano dalla Gioventù socialista (GiSo), che in un comunicato odierno punta il dito contro il "prestito" di sette giornalisti della RSI allo Smcc per gestire la comunicazione dell'emergenza Covid-19. 

«Nell'attuale stato di pandemia, sette giornalisti del servizio pubblico sono andati in aiuto dello Smcc, vale a dire sotto la direzione della polizia, per comunicare alla popolazione ciò che le autorità ritenevano dovesse sapere» si legge nella nota odierna. 

In generale, la GiSo è critica sugli accordi siglati a marzo dell'anno scorso tra la RSI e il Cantone, che prevedono un mandato di prestazione. L'emittente pubblica, in base alla convenzione, mette a disposizione «i canali multimediali e la televisione» per trasmettere i contenuti preparati con le autorità, si legge nel comunicato.

«In tutto questo, né la RSI né le altre testate giornalistiche o altri media hanno dichiarato apertamente le condizioni di lavoro cui sono costretti: difficoltà di accesso alle conferenze stampa, difficoltà nel porre le domande, necessità di insistere nel caso di risposta vaga, eccetera. Ci chiediamo se alcuni giornalisti non abbiano subito controlli da parte delle autorità o, peggio ancora, minacce». 

Il comunicato si chiude con un appello a tutelare «l'indipendenza giornalistica». E con l'auspicio che «i giornalisti tornino a criticare quando necessario le autorità e ad alimentare un dibattito trasparente, affrontando questa crisi nella totalità del loro ruolo, quali promotori dell’informazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SVIZZERA
1 ora
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
3 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
LUGANO
7 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
7 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
8 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
9 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
10 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
12 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati subito. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze di tipo gestionale
Massagno
12 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
CANTONE
1 gior
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile