Tipress
LOSONE
10.03.20 - 23:210

Ex Caserma: «Spesi più di 4 milioni per un sedime non edificabile?»

Orlando Guidetti attacca ferocemente il Municipio in un'interpellanza.

Secondo il consigliere comunale l'esecutivo avrebbe «mentito» alla popolazione venendo poi sbugiardato dal Consiglio di Stato: «La Confederazione era disposta a vendere a un prezzo simbolico».

LOSONE - Quello dell’edificabilità del comparto ex Caserma è un tema particolarmente caro a Orlando Guidetti. Tanto che è finito - negli scorsi anni - in diverse sue interrogazioni. Questa volta è invece terminato in un'interpellanza. «Rilevo che il Municipio - scrive il consigliere comunale leghista - ha sempre ribadito che il mappale sul quale sono situati gli edifici dell’ex Caserma si trova in zona edificabile».

E questa era una delle ragioni per cui era stato concordato con la Confederazione un prezzo di compravendita di 4'450'000 franchi. «Nei mesi seguenti la firma del contratto di compravendita - precisa però Guidetti - mi sono giunte voci del fatto che la Confederazione sarebbe stata pronta a vendere i sedimi dell’ex Caserma a un prezzo simbolico, di molto inferiore a quello pagato dal Comune».

«Ma se un sedime è edificabile, perché mai la Confederazione sarebbe stata pronta a cederlo a un prezzo simbolico?», si arrovella Guidetti.

Il fatto non si spiegava. «Poi però il Municipio di Losone ha richiesto una licenza edilizia per creare sul sedime un’area di deposito per i cantieri stradali di Losone. Licenza che è stata negata dal Consiglio di Stato, a seguito di un ricorso poiché il sedime era fuori dalla zona edificabile comunale». E qui casca l'asino. Secondo Guidetti il Municipio avrebbe infatti «mentito» alla popolazione. «Il Comune di Losone ha pagato la cifra esorbitante di 4'450'000 franchi per un terreno che non è neppure edificabile e che vale poco». 

Guidetti pone quindi al Municipio le seguenti domande: 

Quali membri del Municipio, oltre al Sindaco, hanno condotto le trattative con la Confederazione per la definizione del prezzo di compravendita dei sedimi dell’ex Caserma?

Alla luce del fatto che i sedimi dell’ex Caserma sono fuori zona edificabile, il Municipio conferma la validità del contratto di compravendita o intende invalidarlo?

Il Municipio intende ora rinegoziare il prezzo di compravendita con la Confederazione? Se no, perché?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 8 mesi fa su tio
Scusatemi : si capisce nulla per dire niente. Il terreno o comparto é stato comperato o no. Che prezzo simbolico ha fatto la confederazione é stato comunicato alla popolazione. Se si sapeva che non trattasi di terreno edificabile o cose non dette, non votare più nessun municipale e consiglieri comunali.
Evry 8 mesi fa su tio
E allora, non si deve solo CEMENTARE ma sfruttare l'occasione per fare una bella zona di svago a pochi metri dalle Città di Locarno e Ascona, Gli Otrtici potrebbero aiutare i governatori miopi. auguri
Ragnarok 8 mesi fa su tio
Se la vendita non è valida, il comune non è proprietario e allora ciao ciao Base Camp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Guarda troppi film, Salt lo “disconnette”
Un 25enne del Mendrisiotto è tra i clienti più scomodi dell'operatore. Servizio interrotto per eccesso di roaming
CANTONE
1 ora
Quest'anno il mercatino lo vedrai sul display
Successo inatteso per un gruppo Facebook che dà spazio all'artigianato locale: i membri sono già oltre novemila
BELLINZONA
9 ore
Il personal shopper si sposta online e ti veste sui social
Reinventarsi in un mestiere tradizionale attraverso la tecnologia. Una sfida vinta durante la pandemia
LUGANO
12 ore
Scarcerato don Chiappini
Il giudice dei provvedimenti coercitivi non ha convalidato il fermo. Il sacerdote torna a piede libero
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
14 ore
Enorme incendio al Mulino Maroggia, ci sono intossicati
Pompieri e Polizia sono sul posto, ma il loro intervento è reso difficile dalla "forza" del rogo.
CANTONE
14 ore
Messaggi di Ermani: «Non luogo a procedere»
Per il Procuratore generale sostituto la segnalazione di Pronzini non ha aggiunto nulla a quanto già di dominio pubblico
CANTONE
16 ore
Da Bedano a Balerna altri contagi in casa anziani
Piccolo focolaio in un reparto della Stella Maris. Cinque residenti isolati al quarto piano. Altri casi a Ca' Rezzonico
TAVERNE
16 ore
Incidente in A2, disagi
Tra Taverne e il monte Ceneri si segnala un sinistro in direzione nord
CANTONE
17 ore
Lockdown 2: cineasti ticinesi fatevi avanti
«Mai prima di questa primavera era stato realizzato un progetto a livello nazionale in così poco tempo»
FOTO
BELLINZONA
20 ore
Le rotonde di Camorino sono (infine) pronte
Dopo mesi di cantiere e qualche polemica, le nuove rotatorie sono entrate in servizio negli scorsi giorni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile