TiPress - foto d'archivio
CANTONE
03.03.20 - 20:440
Aggiornamento : 23:36

Controllo sistematico dei permessi: «Il Governo è in ritardo di 590 giorni»

Interpellanza PPD al Consiglio di Stato. «Perché non ha ancora presentato il messaggio?»

Il rapporto sull'iniziativa parlamentare era stato approvato il 23 gennaio 2018.

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha un ritardo di 590 giorni. Così titola l’interpellanza presentata oggi da tre deputati PPD al Governo, sulla verifica sistematica dei nuovi permessi.

Il 23 gennaio 2018 il Parlamento ha detto sì al controllo sistematico del rilascio di nuovi permessi, approvando il rapporto di maggioranza dell’iniziativa parlamentare presentata nel mese di giugno 2016 da Giorgio Fonio (primo firmatario) e dai due colleghi di partito Luca Pagani e Maurizio Agustoni.

L’iniziativa chiedeva di implementare un controllo sistematico a monte per ogni nuova domanda di permesso di lavoro, così come i rinnovi, in modo da scongiurare sul nascere abusi nell’applicazione delle regole fissate all’interno dei CNL e dei contratti collettivi di lavoro decretati d’obbligatorietà generale. 

Nonostante la decisione del Parlamento, il Consiglio di Stato - riferiscono i deputati nell’interpellanza - ha scritto all’Ufficio Presidenziale del Gran Consiglio il 22 gennaio 2019 comunicando di non intravedere margini di manovra e mettendo in discussione che il Gran Consiglio avesse chiesto di elaborare delle proposte legislative in merito. Un’affermazione «sbalorditiva» considerato che nel rapporto di maggioranza - accolto con 59 voti a favore, 23 contrari e 2 astenuti - è espressamente indicato che «sarà compito dell’Esecutivo presentare un testo di legge o un complemento alle leggi cantonali […] che vada nel senso auspicato dagli iniziativisti».

L’Ufficio Presidenziale, preso atto dello scritto, ha risposto al Consiglio di Stato il 19 febbraio 2019 invitandolo a presentare comunque un messaggio «secondo il normale iter parlamentare».

Ora Fonio, Pagani e Agustoni interpellano il Governo per capire come mai non abbia ancora presentato il messaggio ed entro quando intende farlo. «Il termine di 6 mesi è già scaduto da 20 mesi», concludono.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 8 mesi fa su tio
Che novità, ci sono funzionari dello stao a lavorare....... se la prendo molto comoda per diversi motivi !!! ci sono al minimo 25% di funzionari... di troppo!
Zarco 8 mesi fa su tio
Ovviamente, qui qualcuno sorvola......
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
56 min
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
1 ora
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
2 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
3 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
3 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
6 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
7 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
7 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
8 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
9 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile