TiPress - foto d'archivio
CANTONE
03.03.20 - 20:440
Aggiornamento : 23:36

Controllo sistematico dei permessi: «Il Governo è in ritardo di 590 giorni»

Interpellanza PPD al Consiglio di Stato. «Perché non ha ancora presentato il messaggio?»

Il rapporto sull'iniziativa parlamentare era stato approvato il 23 gennaio 2018.

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha un ritardo di 590 giorni. Così titola l’interpellanza presentata oggi da tre deputati PPD al Governo, sulla verifica sistematica dei nuovi permessi.

Il 23 gennaio 2018 il Parlamento ha detto sì al controllo sistematico del rilascio di nuovi permessi, approvando il rapporto di maggioranza dell’iniziativa parlamentare presentata nel mese di giugno 2016 da Giorgio Fonio (primo firmatario) e dai due colleghi di partito Luca Pagani e Maurizio Agustoni.

L’iniziativa chiedeva di implementare un controllo sistematico a monte per ogni nuova domanda di permesso di lavoro, così come i rinnovi, in modo da scongiurare sul nascere abusi nell’applicazione delle regole fissate all’interno dei CNL e dei contratti collettivi di lavoro decretati d’obbligatorietà generale. 

Nonostante la decisione del Parlamento, il Consiglio di Stato - riferiscono i deputati nell’interpellanza - ha scritto all’Ufficio Presidenziale del Gran Consiglio il 22 gennaio 2019 comunicando di non intravedere margini di manovra e mettendo in discussione che il Gran Consiglio avesse chiesto di elaborare delle proposte legislative in merito. Un’affermazione «sbalorditiva» considerato che nel rapporto di maggioranza - accolto con 59 voti a favore, 23 contrari e 2 astenuti - è espressamente indicato che «sarà compito dell’Esecutivo presentare un testo di legge o un complemento alle leggi cantonali […] che vada nel senso auspicato dagli iniziativisti».

L’Ufficio Presidenziale, preso atto dello scritto, ha risposto al Consiglio di Stato il 19 febbraio 2019 invitandolo a presentare comunque un messaggio «secondo il normale iter parlamentare».

Ora Fonio, Pagani e Agustoni interpellano il Governo per capire come mai non abbia ancora presentato il messaggio ed entro quando intende farlo. «Il termine di 6 mesi è già scaduto da 20 mesi», concludono.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 10 mesi fa su tio
Che novità, ci sono funzionari dello stao a lavorare....... se la prendo molto comoda per diversi motivi !!! ci sono al minimo 25% di funzionari... di troppo!
Zarco 10 mesi fa su tio
Ovviamente, qui qualcuno sorvola......
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
7 ore
«Non abbiamo potuto dirgli addio»
L'ultimo saluto è un diritto garantito (in teoria) anche in tempi di Covid. Ma allo Iosi qualcosa è andato storto
LUGANO
9 ore
«Abbiamo bisogno di quest'opera»
Dopo l'annunciato referendum dell'Mps, Roberto Badaracco interviene in difesa del nuovo stadio di Cornaredo
FOTO
CANTONE
11 ore
Neve fin nel Sottoceneri e forti disagi a nord
Un furgone è andato a sbattere sul'A2, all'altezza di Faido.
CONFINE
11 ore
Positivo alla variante inglese, da St. Moritz a Como in treno e taxi
L'uomo, un cameriere 30enne, è stato denunciato.
AIROLO
12 ore
San Gottardo chiuso... per neve
La galleria è stata chiusa poco dopo le 14.00 a causa del maltempo. Forti disagi al traffico.
CANTONE
14 ore
Governo e Cellula sanitaria insieme per prevedere l'evoluzione della pandemia
Si è discusso dello scambio continuo di informazioni sulla situazione epidemiologica.
CANTONE
17 ore
Diciotto pazienti in meno all'ospedale
Nelle ultime 24 ore 4 persone sono state ricoverate, mentre 20 sono state dimesse.
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Ecco le sfide 2021 per i consumatori
Al centro della “battaglia” ci saranno il Nutri-Score sugli imballaggi e le azioni collettive
BELLINZONA
21 ore
«Mi ha "distrutto" la spalla e non mi vuole risarcire»
Lo sfogo del 29enne che il 10 febbraio 2016 venne aggredito da un calciatore a carnevale: «Sono in un limbo».
CANTONE
21 ore
Loro sono tra i pochi a fare affari
Chi se lo sarebbe aspettato un anno fa a quest'ora? Col Covid "vanno di moda" le fabbriche di mascherine.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile