Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
LUGANO
28.12.19 - 20:210
Aggiornamento : 29.12.19 - 15:29

Duemila firme contro l'aeroporto

Corrispondono ai due terzi di quelle necessarie da consegnare il 13 gennaio, scrive Raoul Ghisletta

LUGANO - Il referendum contro l'aeroporto di Lugano Agno ha già raccolto duemila consensi. A comunicarlo è Raoul Ghisletta, che non si è lasciato fermare dalla disavventura vissuta la Vigilia di Natale mentre raccoglieva firme.

Il Partito socialista di Lugano, i Verdi di Lugano e il Partito comunista hanno deciso di lanciare congiuntamente il referendum contro il credito di 5,8 milioni di franchi - deciso dal Consiglio Comunale di Lugano lo scorso 25 novembre 2019 - per rilanciare l'aeroporto e coprire le perdite d’esercizio della Lugano Airport Sa. 

Le firme sinora raccolte per il referendum comunale sono 2'000, ossia i 2/3 di quelle necessarie da consegnare il 13 gennaio.

«Invece di dilapidare altri milioni per un "accanimento terapeutico", è meglio avviare un piano di ricollocamento del personale dell’aeroporto di Agno - scrive il presidente del Ps di Lugano -. Una parte di esso potrà essere impiegato nell’aeroporto stesso, gestito e finanziato da privati per i soli voli privati. Per il personale che rimarrà senza lavoro, data l’assenza di voli di linea, il ricollocamento andrà fatto presso la Città, il Cantone e le aziende di trasporto sussidiate, che potranno avvalersi delle loro competenze tecniche e amministrative».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile