TiPress - foto d'archivio
CANTONE
11.12.19 - 15:250
Aggiornamento : 15:59

Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»

«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula

BELLINZONA - Si sono alzati un po' i toni nel terzo pomeriggio di Gran Consiglio, oggi a Bellinzona. La discussione sull'emendamento presentato dall'Mps per la riduzione delle spese di rappresentanza, nell'ambito del preventivo, si è accesa con un botta e risposta tra Matteo Pronzini e Norman Gobbi.

Il deputato Mps ha iniziato ribadendo come due Dipartimenti abbiano delle spese a bilancio molto più alte rispetto agli altri tre. «Magari sotto Natale si potrebbe mandare un unico biglietto di auguri da parte dell'intero Governo - ha ironizzato -, anziché uno per ogni consigliere di Stato. Anche se io da Zali non l'ho mai ricevuto e sarebbe comunque finito nella carta».

Nella sua risposta, il direttore del Dipartimento delle istituzioni ha ribadito che «ci sono cose che sono state riorganizzate e alcune spese sono state centralizzate in due voci anziché in mille», con la conseguenza che i costi risultano più alti. «Se poi per decisione politica si vuole abbassare la voce delle spese di rappresentanza - ha aggiunto -, nell’ambito dell’organizzazione di eventi bisognerà contare su sponsorizzazioni esterne. Ma poi ci si espone a critiche rispetto all’uso di soldi pubblici».

Il botta e risposta tra Matteo Pronzini e Norman Gobbi si è però acceso quando il consigliere di Stato ha criticato la necessità di prevedere dei controlli su tutto (riallacciandosi anche alla discussione sull'emendamento precedente relativo a un Controllo cantonale in materia sanitaria). «Non mi sembra che il Dipartimento io non ce l’abbia sotto controllo o il lavoro svolto non sia lo stesso che negli altri (nonostante le spese di rappresentanza a preventivo siano più alte, ndr.). Se bisogna mettere su tutto e tutti i controllori come allo Stasi, molto caro ad alcune aree politiche…». Una frecciatina non apprezzata da Pronzini e che ha portato all'intervento del presidente del Gran Consiglio, che ha invitato entrambi - e tutti in aula - a «rimanere nei limiti del rispetto delle persone».

La discussione è stata chiusa dal deputato Mps: «Non si permetta più di paragonarmi a regimi che molto probabilmente sono più vicini alle sue idee politiche. Quando era al liceo al posto di andare in giro con certe cose era meglio che studiava di più la storia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
27 min
È tutto pronto per il nuovo Nebiopoli
Il carnevale chiassese si svolgerà con due settimane di anticipo, dal 6 al 9 febbraio
BELLINZONA
2 ore
Il bicchiere del Rabadan e presunti rischi di contagio
Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi interpella il Municipio e chiede se non sia il caso di sospendere l'esperimento, rimandandolo all'anno prossimo
LUGANO
2 ore
«Ecco perché così tanti imprenditori italiani scappano in Ticino»
La denuncia di Luciano Dissegna, ex dirigente dell’Agenzia delle entrate: «Il fisco ci sta uccidendo». Ettore Serafini, co fondatore di AgiReagire: «Non ci fosse stata la Svizzera…»
LUGANO
13 ore
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
LOCARNO
13 ore
«Mi chiamo Martino e a 183 anni vorrei essere morto per tutti»
Una "grida per ricerca di persona scomparsa" cerca informazioni su un cittadino di Cugnasco nato nel 1837. Il pretore spiega quando sorge la necessità di fare chiarezza sui proprietari di beni o fondi
LOCARNO
15 ore
Monte Brè: «La domanda di costruzione sarà respinta»
Il sindaco Alain Scherrer si esprime su Facebook, commentando un post di Fabrizio Sirica. E chiude la porta in faccia alla Aedartis AG
CONFINE/CHIASSO
18 ore
Quella montagna di soldi sequestrata alla dogana di Chiasso
Nel 2019 la Guardia di Finanza ha rinvenuto quasi sei milioni di franchi celati nelle automobili. Con gli evasori che hanno usato anche trucchetti ingegnosi per nasconderli
SVIZZERA
18 ore
La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa
Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori
ITALIA / LOCARNO
20 ore
Luigi Favoloso scomparso? L'ex della Moric scovato in Ticino
La rivista "Chi" lo ha immortalato a Locarno, con occhiali da sole, un piumino e una felpa con cappuccio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile