PLRT
CANTONE
11.12.19 - 11:310

«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»

IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»

BELLINZONA/BERNA - La conferma del Consigliere federale Ignazio Cassis, rieletto quest’oggi dall’Assemblea federale, non poteva che rallegrare il PLRT. A sostegno del ministro ticinese, un gruppo di oltre 50 persone partito all’alba dal Ticino ha raggiunto Berna per “farsi sentire” con una “carovana dell’italianità”. Una presenza simpatica e festosa che testimonia la voglia di partecipare e di avvicinare Berna al Ticino.

«La presenza di un rappresentante della Svizzera italiana in Consiglio federale - sottolineano i Liberali Radicali ticinesi - è quanto mai necessaria in questo momento storico e strettamente correlata al tema della coesione». «La Svizzera - si legge nella nota stampa inviata poco dopo l'annuncio della rielezione - si è confermata oggi quella straordinaria “Willensnation” che grazie al federalismo consente la convivenza pacifica e virtuosa tra diverse lingue e culture, tra realtà cittadine, rurali e alpine, tra diverse religioni e sensibilità».

Il seggio di Ignazio Cassis, ricordiamo, era messo discussione dai Verdi e dai Socialisti che ne chiedevano la sostituzione sull’onda del risultato ottenuto alle recenti elezione federali. «Ha prevalso invece - prosegue il PLRT - il rispetto della stabilità del Consiglio Federale nel quale l’azione del Consigliere federale ticinese si è dimostrata particolarmente incisiva in particolare nel voler definire i rapporti con l’Unione europea, il nostro principale partner economico. Su questo tema, particolarmente caro alla popolazione ticinese, è stato finalmente messo sul tavolo un progetto che contiene tutti gli elementi per uscire dall’impasse con i nostri vicini. La popolazione potrà finalmente esprimersi secondo il principio della democrazia diretta che ha sempre permesso alla Svizzera di avanzare insieme trovando soluzioni virtuose».

Il PLRT non esita quindi a definire Cassis quale «emblema dei “buoni uffici” della Svizzera nel mondo». «Numerosi - si aggiunge ancora - sono stati i successi della nostra diplomazia, come il recente intervento per la liberazione di un prigioniero statunitense in Iran, valso al nostro Paese il plauso da parte della comunità internazionale».

La decisione odierna dell’Assemblea federale viene quindi vista come «un chiaro “NO” confederale alla politica del “tutto e subito”». «L’avanzata dei Verdi alle recenti elezioni è evidente - conclude il PLRT - , ma non al punto dallo stravolgere la formula magica che ha fatto la storia del nostro Paese. In questo contesto lascia semplicemente sgomenti che i rappresentanti ticinesi di Verdi e PS abbiano voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera “che pensa, scrive, parla e sogna in italiano” in governo, facendo strame della rappresentatività delle minoranze in governo sancita dalla Costituzione».

Commenti
 
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
Ewwai Ignazio... :-)
vulpus 1 mese fa su tio
Penso che sia una vergogna per quei rappresentanti che il Ticino ha mandato a Berna e che hanno tentato di sabotare il consigliere federale ticinese. Queste sono le scelte sbagliate del nostro Ticino. Hanno dovuto pensarci gli Svizzeri d'oltralpe a difendercelo, come del resto hanno dovuto loro far capire ad un numero considerevole di ticinesi il valore di un politico come Lombardi. Ora questi li avremo sulle costole almeno per 4 anni, e contribuiranno materialmente ad inventare balzelli e tasse per proteggere il nostro globo
RV50 1 mese fa su tio
io non sono un autentico sostenitore di Cassis ; ma il fatto che ultimi arrivati debbano girare le spalle alle regole federali finora mai messe in discussione di rispettare la formula esistente non la capisco proprio. Comincino a dimostrare di sapersi adattare e portare in porto cose costruttive e non sull' emozione di una votazione che il tempo ci dirà se continuerà . Tornando al seggio parlamentare perché il Ps non ha messo a disposizione uno dei suoi ?
Mattiatr 1 mese fa su tio
@RV50 Finché procederanno a tasse sulla benzina, per far finta di fare qualcosa e a slogan andranno molto lontani.
Güglielmo 1 mese fa su tio
avranno usato il Rundop o il touchdown ))
Livio Marzoli 1 mese fa su fb
Se l'unico pregio di Cassis è quello di essere ticinese e parlare italiano non siamo messi molto bene 🤔
jena 1 mese fa su tio
visto i risultati avete poco da essere contenti... sempre meno rappresentativi del volere dei ticinesi.
trappolone 1 mese fa su tio
Cassis si arruffiana l’Europa allontanando da Berna il nostro povero ticino con tutti i suoi problemi: lavoro, traffico etc...Poveri noi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
26 min
È tutto pronto per il nuovo Nebiopoli
Il carnevale chiassese si svolgerà con due settimane di anticipo, dal 6 al 9 febbraio
BELLINZONA
2 ore
Il bicchiere del Rabadan e presunti rischi di contagio
Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi interpella il Municipio e chiede se non sia il caso di sospendere l'esperimento, rimandandolo all'anno prossimo
LUGANO
2 ore
«Ecco perché così tanti imprenditori italiani scappano in Ticino»
La denuncia di Luciano Dissegna, ex dirigente dell’Agenzia delle entrate: «Il fisco ci sta uccidendo». Ettore Serafini, co fondatore di AgiReagire: «Non ci fosse stata la Svizzera…»
LUGANO
13 ore
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
LOCARNO
13 ore
«Mi chiamo Martino e a 183 anni vorrei essere morto per tutti»
Una "grida per ricerca di persona scomparsa" cerca informazioni su un cittadino di Cugnasco nato nel 1837. Il pretore spiega quando sorge la necessità di fare chiarezza sui proprietari di beni o fondi
LOCARNO
15 ore
Monte Brè: «La domanda di costruzione sarà respinta»
Il sindaco Alain Scherrer si esprime su Facebook, commentando un post di Fabrizio Sirica. E chiude la porta in faccia alla Aedartis AG
CONFINE/CHIASSO
18 ore
Quella montagna di soldi sequestrata alla dogana di Chiasso
Nel 2019 la Guardia di Finanza ha rinvenuto quasi sei milioni di franchi celati nelle automobili. Con gli evasori che hanno usato anche trucchetti ingegnosi per nasconderli
SVIZZERA
18 ore
La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa
Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori
ITALIA / LOCARNO
20 ore
Luigi Favoloso scomparso? L'ex della Moric scovato in Ticino
La rivista "Chi" lo ha immortalato a Locarno, con occhiali da sole, un piumino e una felpa con cappuccio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile