BELLINZONA
19.09.19 - 13:310
Aggiornamento : 15:45

«La Polcom è di nuovo sulla bocca di tutti e non è una novità»

Il consigliere comunale Manuel Donati ha inoltrato un'interpellanza al Municipio sul discusso controllo radar di Camorino: «Quali sono i criteri di prevenzione?»

BELLINZONA - Dopo i tavoli del Consiglio di Stato, il discusso controllo di velocità di Camorino approda ora anche sui banchi del Municipio di Bellinzona. «La Polizia comunale di Bellinzona è di nuovo sulla bocca di numerosi cittadini e non è una novità», scrive il consigliere comunale Manuel Donati, firmatario di un’interpellanza che punta i riflettori sul reale valore di prevenzione del radar posato a pochi metri dalla fine del limite di velocità.

«Nel caso in questione è infatti impossibile intravedere un’attività di prevenzione, soprattutto se si considera il luogo in cui è stato posizionato il radar, ovvero una strada d’avvicinamento agli svincoli autostradali fuori dall'abitato e senza la presenza di pedoni», afferma il consigliere comunale leghista, che chiede di giustificare la scelta elencando «i problemi causati dalle macchine in quel tratto di strada».

Donati chiede in particolare all’Esecutivo della capitale «quali problematiche sono state riscontrate in tempi recenti lungo quel tratto di strada e soprattutto quanti incidenti si sono verificati per giustificarne la posa», invitando inoltre ad indicare quali sono i criteri da rispettare nel collocamento dei  radar - «oltre ovviamente al buon senso», aggiunge il consigliere comunale - e se la legge prevede che si possa posizionare il dispositivo ad una così breve distanza dal cartello che indica la fine della riduzione di velocità.

Inoltre, l’interpellante chiede di indicare se la scelta del luogo è stata un’iniziativa personale o condivisa con il Comando della Polcom. Comando verso il quale Donati non risparmia una frecciata: «Spesso è abbastanza complicato capire la logica con cui opera. Le esternazioni superficiali del Comandante non aiutano, anzi dimostrano preoccupanti lacune nella conduzione e peggiorano la situazione», ha concluso.

Le domande dell'interpellanza

  1. Quali sono i criteri di prevenzione soddisfatti dalla posa in quel luogo di un controllo radar?
  2. Quali problematiche sono state riscontrate in tempi recenti lungo quel tratto di strada e soprattutto quanti incidenti si sono verificati per giustificarne la posa?
  3. Il radar sembra posizionato troppo vicino al cartello stradale che indica la fine della riduzione di velocità. La legge che cosa dice? A quanti metri dalla fine della riduzione di velocità si può iniziare ad accelerare?
  4. Quali sono i criteri da rispettare nella posa di un controllo radar oltre ovviamente al buon senso?
  5. La scelta del luogo è un’iniziativa personale o condivisa con il Comando della Polcom?
  6. Gli agenti, oltre a essere formati sull'utilizzo dello strumento, sono anche istruiti sui criteri di prevenzione e i luoghi da privilegiare?
  7. La Polcom possiede dei “radar amici” con display per attività di prevenzione? Se sì, che utilizzo ne viene fatto?
  8. Quanti sono in media i controlli mensili a Bellinzona (dall'aggregazione in poi)? Possono essere suddivisi percentualmente in categorie (zona scuole, zone residenziale, strade cantonali, …)?
  9. Quanto è stato incassato dalle multe negli ultimi due anni? Le entrate sono in linea con quanto accade negli altri comuni?
  10. Quali insegnamenti ha tratto il Comando della Polcom? L’attività di prevenzione verrà rivista?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BISSONE
42 min
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
1 ora
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
3 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
5 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
11 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
13 ore
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
CANTONE
13 ore
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»
GORDOLA
13 ore
Scomparso e ritrovato: «Soffre di problemi psichici»
I familiari del 34enne disperso sui Monti Motti raccontano alcuni dettagli
CANTONE
15 ore
Tamponamento tra un'auto e una moto a Lumino
Il giovane centauro è stato trasportato in ospedale per i controlli del caso
VERZASCA
15 ore
La Verzasca come in tangenziale
Il turismo interno congestiona le valli. I residenti: «Ostaggio dei turisti, basta». C'è chi pensa di dosare gli ingressi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile