screenshot
BELLINZONA
19.09.19 - 13:310
Aggiornamento : 15:45

«La Polcom è di nuovo sulla bocca di tutti e non è una novità»

Il consigliere comunale Manuel Donati ha inoltrato un'interpellanza al Municipio sul discusso controllo radar di Camorino: «Quali sono i criteri di prevenzione?»

4 sett fa Anche il PS condanna il radar di Camorino: «Così si creano inutili attriti con la polizia»
4 sett fa Radar a Camorino: «Nessuna distanza minima dal cartello?»
4 sett fa Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»

BELLINZONA - Dopo i tavoli del Consiglio di Stato, il discusso controllo di velocità di Camorino approda ora anche sui banchi del Municipio di Bellinzona. «La Polizia comunale di Bellinzona è di nuovo sulla bocca di numerosi cittadini e non è una novità», scrive il consigliere comunale Manuel Donati, firmatario di un’interpellanza che punta i riflettori sul reale valore di prevenzione del radar posato a pochi metri dalla fine del limite di velocità.

«Nel caso in questione è infatti impossibile intravedere un’attività di prevenzione, soprattutto se si considera il luogo in cui è stato posizionato il radar, ovvero una strada d’avvicinamento agli svincoli autostradali fuori dall'abitato e senza la presenza di pedoni», afferma il consigliere comunale leghista, che chiede di giustificare la scelta elencando «i problemi causati dalle macchine in quel tratto di strada».

Donati chiede in particolare all’Esecutivo della capitale «quali problematiche sono state riscontrate in tempi recenti lungo quel tratto di strada e soprattutto quanti incidenti si sono verificati per giustificarne la posa», invitando inoltre ad indicare quali sono i criteri da rispettare nel collocamento dei  radar - «oltre ovviamente al buon senso», aggiunge il consigliere comunale - e se la legge prevede che si possa posizionare il dispositivo ad una così breve distanza dal cartello che indica la fine della riduzione di velocità.

Inoltre, l’interpellante chiede di indicare se la scelta del luogo è stata un’iniziativa personale o condivisa con il Comando della Polcom. Comando verso il quale Donati non risparmia una frecciata: «Spesso è abbastanza complicato capire la logica con cui opera. Le esternazioni superficiali del Comandante non aiutano, anzi dimostrano preoccupanti lacune nella conduzione e peggiorano la situazione», ha concluso.

Le domande dell'interpellanza

  1. Quali sono i criteri di prevenzione soddisfatti dalla posa in quel luogo di un controllo radar?
  2. Quali problematiche sono state riscontrate in tempi recenti lungo quel tratto di strada e soprattutto quanti incidenti si sono verificati per giustificarne la posa?
  3. Il radar sembra posizionato troppo vicino al cartello stradale che indica la fine della riduzione di velocità. La legge che cosa dice? A quanti metri dalla fine della riduzione di velocità si può iniziare ad accelerare?
  4. Quali sono i criteri da rispettare nella posa di un controllo radar oltre ovviamente al buon senso?
  5. La scelta del luogo è un’iniziativa personale o condivisa con il Comando della Polcom?
  6. Gli agenti, oltre a essere formati sull'utilizzo dello strumento, sono anche istruiti sui criteri di prevenzione e i luoghi da privilegiare?
  7. La Polcom possiede dei “radar amici” con display per attività di prevenzione? Se sì, che utilizzo ne viene fatto?
  8. Quanti sono in media i controlli mensili a Bellinzona (dall'aggregazione in poi)? Possono essere suddivisi percentualmente in categorie (zona scuole, zone residenziale, strade cantonali, …)?
  9. Quanto è stato incassato dalle multe negli ultimi due anni? Le entrate sono in linea con quanto accade negli altri comuni?
  10. Quali insegnamenti ha tratto il Comando della Polcom? L’attività di prevenzione verrà rivista?
4 sett fa Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
54 min

«I molinari hanno imbrattato il parchetto»

La commissione di quartiere di Pregassona è furiosa. Luca Campana: «Hanno riportato il quartiere ai tempi in cui veniva chiamato “Bronx” e a spese della collettività»

BALERNA
1 ora

L'uomo che si è gettato dal cavalcavia è deceduto

È escluso l'intervento di terze persone. L'autostrada è stata completamente riaperta alle 19.50

FOTO E VIDEO
BALERNA
3 ore

Traffico autostradale paralizzato nel Mendrisiotto

L'A2 è stata chiusa in direzione nord tra Chiasso e Mendrisio. All'altezza dello svincolo di Balerna sono giunte diverse auto della Polizia e un elicottero della Rega

BELLINZONA
4 ore

Serie ferite per uno degli operai colpiti dalla trave alle Officine

I due, dipendenti di una ditta esterna, stavano effettuando dei lavori di sgombero in un capannone quando sono stati travolti

CANTONE
5 ore

Per i politici, i costi sanitari vanno bene così

Un sondaggio condotto dall'Ordine dei medici rivela cosa pensano della sanità, i candidati alle elezioni federali

CANTONE
5 ore

Sadis benedice il Patto: «Non mi scandalizza puntare sui moderati»

Il sostegno dell’ex consigliera di Stato alla congiunzione PLR-PPD per le elezioni federali: «Bisognerebbe avere il coraggio di abbandonare i vecchi steccati partitici». 

CANTONE
7 ore

Ottenevano merce con identità e documenti fittizi: truffe ancora in atto

È stata aperta un'inchiesta per una serie di truffe messe in atto da alcuni mesi in Ticino, oltre San Gottardo e all'estero

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile