BELLINZONA
19.09.19 - 13:310
Aggiornamento : 15:45

«La Polcom è di nuovo sulla bocca di tutti e non è una novità»

Il consigliere comunale Manuel Donati ha inoltrato un'interpellanza al Municipio sul discusso controllo radar di Camorino: «Quali sono i criteri di prevenzione?»

BELLINZONA - Dopo i tavoli del Consiglio di Stato, il discusso controllo di velocità di Camorino approda ora anche sui banchi del Municipio di Bellinzona. «La Polizia comunale di Bellinzona è di nuovo sulla bocca di numerosi cittadini e non è una novità», scrive il consigliere comunale Manuel Donati, firmatario di un’interpellanza che punta i riflettori sul reale valore di prevenzione del radar posato a pochi metri dalla fine del limite di velocità.

«Nel caso in questione è infatti impossibile intravedere un’attività di prevenzione, soprattutto se si considera il luogo in cui è stato posizionato il radar, ovvero una strada d’avvicinamento agli svincoli autostradali fuori dall'abitato e senza la presenza di pedoni», afferma il consigliere comunale leghista, che chiede di giustificare la scelta elencando «i problemi causati dalle macchine in quel tratto di strada».

Donati chiede in particolare all’Esecutivo della capitale «quali problematiche sono state riscontrate in tempi recenti lungo quel tratto di strada e soprattutto quanti incidenti si sono verificati per giustificarne la posa», invitando inoltre ad indicare quali sono i criteri da rispettare nel collocamento dei  radar - «oltre ovviamente al buon senso», aggiunge il consigliere comunale - e se la legge prevede che si possa posizionare il dispositivo ad una così breve distanza dal cartello che indica la fine della riduzione di velocità.

Inoltre, l’interpellante chiede di indicare se la scelta del luogo è stata un’iniziativa personale o condivisa con il Comando della Polcom. Comando verso il quale Donati non risparmia una frecciata: «Spesso è abbastanza complicato capire la logica con cui opera. Le esternazioni superficiali del Comandante non aiutano, anzi dimostrano preoccupanti lacune nella conduzione e peggiorano la situazione», ha concluso.

Le domande dell'interpellanza

  1. Quali sono i criteri di prevenzione soddisfatti dalla posa in quel luogo di un controllo radar?
  2. Quali problematiche sono state riscontrate in tempi recenti lungo quel tratto di strada e soprattutto quanti incidenti si sono verificati per giustificarne la posa?
  3. Il radar sembra posizionato troppo vicino al cartello stradale che indica la fine della riduzione di velocità. La legge che cosa dice? A quanti metri dalla fine della riduzione di velocità si può iniziare ad accelerare?
  4. Quali sono i criteri da rispettare nella posa di un controllo radar oltre ovviamente al buon senso?
  5. La scelta del luogo è un’iniziativa personale o condivisa con il Comando della Polcom?
  6. Gli agenti, oltre a essere formati sull'utilizzo dello strumento, sono anche istruiti sui criteri di prevenzione e i luoghi da privilegiare?
  7. La Polcom possiede dei “radar amici” con display per attività di prevenzione? Se sì, che utilizzo ne viene fatto?
  8. Quanti sono in media i controlli mensili a Bellinzona (dall'aggregazione in poi)? Possono essere suddivisi percentualmente in categorie (zona scuole, zone residenziale, strade cantonali, …)?
  9. Quanto è stato incassato dalle multe negli ultimi due anni? Le entrate sono in linea con quanto accade negli altri comuni?
  10. Quali insegnamenti ha tratto il Comando della Polcom? L’attività di prevenzione verrà rivista?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SAN VITTORE (GR)
1 ora
La presunta rapina si rivela una messinscena
La valigetta con un milione di franchi rubata a San Vittore non è mai transitata dai Grigioni. Ora l'uomo afferma di aver mentito sul luogo, ma non sulla rapina
CANTONE
1 ora
Dopo la neve il vento. Fino a 130 km/h
Neve in pianura ancora possibile fino alle 15 di oggi. Sole per il weekend
CANTONE / ITALIA
2 ore
Primo omicidio a 15 anni, condannato Pulice
Riconosciute le attenuanti per il sicario della 'ndrangheta, che aveva aperto diverse attività a Lugano, ora collaboratore di giustizia
LUGANO
3 ore
«Forse con l’eredità di mia nonna riuscirò ad arginare quel buco»
Raffaello Molina, imprenditore legato all’obbrobrio di Breganzona e al caso Adria, ha sul groppone un fallimento da 18 milioni di franchi. Ma ci sono novità
MENDRISIO
14 ore
«Un riconoscimento atteso da anni e che va alla gente»
L'iscrizione delle Processioni nella lista Unesco «non dev'essere un punto d'arrivo» per il presidente Gabriele Ponti. Nadia Lupi di Mendrisiotto Turismo: «Uno stimolo, ma anche responsabilità in più»
CANTONE
16 ore
«Ha ucciso la nonna per darle una lezione»: 18 anni al nipote
L’autore del delitto di Caslano è stato condannato per assassinio. La pena sospesa a favore di un trattamento stazionario
LUGANO
17 ore
Mezzo milione per uno studio: obiettivo lungolago
Il Municipio di Lugano ha licenziato il messaggio per il credito al masterplan. Al via la progettazione
CASTEL SAN PIETRO
17 ore
«A me, il salario minimo non cambia niente»
L'imprenditore Alberto Siccardi sulla soglia dei 19.50 franchi orari
CANTONE / CONFINE
19 ore
Shopping natalizio in Italia? Domenica non ci saranno TILO
Ennesimo sciopero del trasporto ferroviario oltre confine. Non saranno assicurate nemmeno le fasce orarie di garanzia
CANTONE
20 ore
Bimba in affido maltrattata: colpevole
Confermata la condanna a 16 mesi sospesi, pronunciata in primo grado per il tutore legale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile