Tipress (archivio)
CADENAZZO
22.08.19 - 20:320

L'ombra del 5G sul palazzo a luci rosse

Presso lo stabile dell'ex "Bosco" sono già sorte le modine per piazzare l'antenna. La domanda di costruzione è appesa all'albo. Intanto, nell'ombra si muove l'opposizione

CADENAZZO – Un'antenna per il 5G potrebbe sorgere sul tetto dello stabile dell'ex "Bosco" di Cadenazzo. Si tratta della palazzina nota per ospitare (anche) prostitute e nella quale, di recente, è morta una ragazza transessuale per overdose. Le modine sono state piazzate. La domanda di costruzione, invece, è appesa all'albo comunale. 

Nel frattempo, però, nell'ombra sembra che l'opposizione si stia già muovendo. Nella Svizzera italiana, come d'altronde anche in altre realtà, la tecnologia di quinta generazione sta creando scompiglio. Ci si interroga, soprattutto, sull'impatto che le onde potranno avere sulla salute dell'essere umano e sull'ambiente. Il gruppo "Stop 5G Ticino e Grigioni italiano" è più volte sceso in campo per contrastare la posa delle antenne. Appoggiato da ambientalisti e semplici cittadini. Accadrà anche stavolta? 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore

Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»

In un post su Facebook il Direttore del DI precisa che il dispositivo "incriminato" è stato posato dalla polizia comunale di Bellinzona e assicura: «Approfondiremo questo modo d'agire»

CANTONE
5 ore

Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»

La situazione dello scorso weekend all'aeroporto di Agno dovuta a un problema tecnico. «Non erano disponibili altri aerei»

CANTONE
6 ore

Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa

«Confidiamo che nel futuro i Cantoni possano avere i dati necessari per determinare se i premi in Ticino sono adeguati» scrive il presidente Franco Denti

BIASCA
8 ore

Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»

Arturo Mellace è stato lasciato a casa dopo 22 anni. La solidarietà degli operai. Ma il sindacato ribatte: «Abbiamo agito per motivi disciplinari, nel rispetto della legge»

VIDEO
CANTONE
8 ore

Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe

Un video mostra un controllo della velocità a pochi metri dal cartello che segna la fine del limite di 50 chilometri orari. Il flash scatta di continuo, ma è subito polemica

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile