Ti Press (archivio)
Anche le panchine del lungolago saranno rinnovate
LUGANO
27.06.19 - 15:480
Aggiornamento : 16:35

Panchine, pensiline e cartelli informativi: Lugano rinnova l'arredo urbano

Per gli interventi di riordino il Municipio ha licenziato un messaggio con una richiesta di credito di 1,45 milioni di franchi

LUGANO - Il Municipio di Lugano ha licenziato oggi all’attenzione del Consiglio comunale un messaggio con la richiesta di un credito quadro per gli anni 2019-2021 di 1,45 milioni di franchi a favore degli interventi di riordino e rinnovo dell’arredo urbano cittadino.

Il credito quadro coprirà le esigenze legate alla manutenzione e alla sostituzione di panchine e pensiline di attesa degli autobus, di sostituire i totem informativi presenti nel centro città, ormai vetusti, con supporti aggiornati, e di integrare progressivamente nei quartieri cittadini una rete di cartelli informativi sui luoghi di interesse storico-artistico.

Manutenzione e sostituzione delle panchine - Sul territorio della Città si contano oltre 5'000 panchine. Le tipologie di seduta sono diverse: alle classiche panchine rosse si affiancano quelle rustiche, ricavate dai tronchi, e altre di vario genere e materiale, che necessitano di manutenzione costante. Il progetto di riordino e rinnovo dell’arredo urbano consentirà di unificare i diversi modelli così da ridurre il numero di tipologie presenti e le necessità future di manutenzione.

Le panchine della pensilina di attesa dei mezzi pubblici in centro città saranno sostituite. Oltre alla posa di nuove sedute, è prevista la ristampa delle panchine storiche che abbelliscono anche il lungolago. Nuovi esemplari sono stati posati al Giardino Belvedere, di fronte al LAC, nel corso del recente intervento di riqualifica dell’area. Si prevedono inoltre alcuni interventi per la manutenzione straordinaria delle sedute di Piazza Castello e del piazzale alla Gerra.

Sostituzione e posa delle pensiline di attesa dei mezzi pubblici - Il credito richiesto permetterà di dotare progressivamente la città di nuove pensiline, in particolare nei quartieri periferici. Sarà data priorità alle fermate più utilizzate o frequentate da un’utenza mirata (es. anziani, scuole, ecc.). Le nuove postazioni saranno progettate in modo da garantire la massima sicurezza, il comfort e la funzionalità. Grazie al completamento del nuovo database con il rilievo delle fermate dei mezzi pubblici presenti sul territorio, sarà possibile elaborare una pianificazione accurata. Saranno inoltre messe in sicurezza le fermate che evidenziano delle criticità. Dal 2018, infatti, le nuove fermate devono ottemperare alle Linee guida cantonali sulla concezione delle fermate del trasporto pubblico: l’obiettivo è garantire l’accessibilità alle persone con disabilità, eliminando gli ostacoli.

Creazione di una rete di cartelli informativi storico-artistici - I totem informativi saranno sostituiti con supporti nuovi e aggiornati. Il progetto, articolato e suddiviso per fasi, prevede anche la creazione di un’apposita rete di cartelli informativi sui luoghi di interesse storico-artistico. Nei diversi percorsi saranno integrati anche i parchi comunali. Il progetto interesserà dapprima i quartieri di Centro, Loreto, Besso, Molino Nuovo, Viganello e Castagnola, per poi estendersi agli altri quartieri cittadini.

Il messaggio con la richiesta di un credito quadro di 1,45 milioni di franchi viene sottoposto all’esame del Consiglio comunale.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto

Sconosciuto l'autore del folle gesto. Il proprietario del veicolo: «Sono sconcertato e rattristato»

LUGANO
3 ore

In manette un ex direttore di banca

Lavorava per la succursale luganese della Société Générale. Ha creato un buco milionario sottraendo il denaro a due famiglie italiane

CONFINE
3 ore

Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo

Per poter ottenere una pena meno severa dovrà risarcire la donna

CANTONE
4 ore

Veicolo contromano sull'A2

Chiusa la galleria della Biaschina

CANTONE
4 ore

Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»

I contadini ticinesi critici nei confronti del Laboratorio cantonale e della stampa: «Non una parola positiva nei confronti degli agricoltori»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile