Tipress (archivio)
Tra le proprie domande, Galeazzi chiede anche se non fosse meglio attendere la conclusione delle inchieste prima di pronunciare una decisione.
BREGANZONA
14.06.19 - 17:300
Aggiornamento : 18:55

Fogazzaro riaperto: «Altri studenti a Pomigliano d’Arco per l'esame?»

Una nuova interpellanza di Tiziano Galeazzi chiede al Governo «qualche doverosa risposta» sulla riapertura dell’Istituto

BREGANZONA - La vicenda dell’Istituto Fogazzaro di Breganzona si arricchisce di un nuovo capitolo. A pochi giorni dalla riapertura della scuola da parte del Consiglio di Stato - che ha parzialmente accolto il ricorso presentato dall’avvocato Paolo Bernasconi, sospendendo la revoca dell’autorizzazione intimata lo scorso 4 aprile dal DECS - una nuova interpellanza di Tiziano Galeazzi ritiene «doveroso» da parte del Governo fornire qualche risposta in più sulla situazione attuale.

«Perché il Presidente del Consiglio di Stato ha deciso di permettere la riapertura dell’Istituto?», chiede in primis il deputato UDC, invitando l’Esecutivo a spiegare dettagliatamente la procedura adottata e a chiarire se la decisione sia stata presa «di comune accordo» anche con il numero uno del DECS, Manuele Bertoli. A fronte dell’effetto sospensivo, Galeazzi chiede inoltre se gli elementi emersi dall’inchiesta amministrativa - che avevano determinato la chiusura dell’Istituto - siano di conseguenza stati ritenuti «non sufficienti» e, soprattutto, se «non sarebbe stato meglio aspettare anche le conclusioni dell’inchiesta penale avviata dalla Procura di Lugano e da quella in Italia» prima di prendere la decisione.

Nella propria concessione, Christian Vitta ha esortato il Fogazzaro a lasciare «la totale libertà di scelta dell'Istituto d'esame» ai suoi studenti, mettendo a disposizione «una lista degli istituti più ampia possibile, escludendo l'Istituto Papi di Pomigliano d'Arco». Proprio su questo punto si sofferma anche il deputato UDC che - oltre a chiedere «quali basi oggettive e legali» abbiano condotto alla «retromarcia» - invita pure il presidente del Governo a indicare se ritenga «che in questo modo si possa scongiurare il rischio che studenti ticinesi ottengano quel diploma a Napoli».

Una domanda che si riallaccia all’attualità, secondo quanto indicato nell’atto di Galeazzi che - alla luce delle condizioni poste da Vitta - chiede infine di spiegare come mai «in questi giorni più di una cinquantina di studenti del Fogazzaro siano a Pomigliano d’Arco per sostenere l’esame di maturità».

Le domande dell'interpellanza

  1. Perché il Presidente del Consiglio di Stato ha deciso di permettere la riapertura dell’Istituto Fogazzaro?  (spiegare la procedura adottata e su quali basi legali e non)
  2. Questa decisione è stata presa di comune accordo all'interno dell'Esecutivo e anche con il direttore del DECS ?
  3. Se sì, questo significa che gli elementi sollevati dallo stesso DECS sull'inchiesta amministrativa che lo aveva portato alla decisione di disporre la chiusura dell'Istituto Fogazzaro non sono stati dichiarati sufficienti o validi?
  4. Su quali basi oggettive e legali si basano gli elementi che hanno portato a fare retromarcia e concedere quindi l'effetto sospensivo?
  5. Quale efficacia la stessa Autorità si aspetta che abbiano le condizioni imposte per la riapertura dell’Istituto di Breganzona dichiarate alla stampa per giustificare la decisione?
  6. Il Presidente del Governo ritiene veramente che in questo modo si possa scongiurare il rischio che studenti ticinesi ottengano quel diploma a Napoli e se ne servano per iscriversi alle università svizzere o alle scuole universitarie, oppure in altri istituti di formazione professionale?
  7. Come spiega il fatto che in questi giorni più di una cinquantina di studenti del Fogazzaro siano a Pomigliano d’Arco per sostenere l’esame di maturità?
  8. Questi studenti quando si sono iscritti agli esami? Prima o dopo l'apertura dell'inchiesta amministrativa del DECS? 
  9. Non sarebbe stato meglio, prima di sospendere la decisione del DECS, attendere anche le conclusioni dell’inchiesta penale avviata dalla Procura di Lugano e da quella in Italia?
Commenti
 
cerea 5 mesi fa su tio
La scuola che verrà...
gabola 5 mesi fa su tio
Almeno potremo avere diplomati imparati...ai fast food sono sempre ben accetti
seo56 5 mesi fa su tio
Il Governo ha “calato le braghe” per l’ennesima volta...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
E’ la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
2 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
3 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
4 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
5 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
7 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
7 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
8 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
FOTO
LOCARNO
8 ore
La torcia olimpica è arrivata in Ticino
Dalle rive del Verbano continuerà il suo viaggio in direzione di Losanna, dove avranno luogo Giochi Olimpici giovanili invernali
CANTONE / CONFINE
10 ore
Riconosci qualcosa che ti appartiene?
Arrestato in Italia un topo d'appartamento. Non si esclude abbia agito anche in Ticino. Parte della refurtiva sequestrata non ha ancora ritrovato il suo proprietario
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile