TiPress
2017, Ponte Cremenaga
CANTONE/SVIZZERA
06.06.19 - 09:460
Aggiornamento : 10:01

Gli Stati rilanciano la chiusura notturna dei valichi secondari

La mozione di Roberta Pantani è stata considerata «ancora attuale» e non è stata archiviata, alla luce dei furti ai bancomat

BERNA  - Le recenti rapine ai bancomat del Mendrisiotto mediante l'uso di esplosivo non hanno lasciato indifferente il Consiglio degli Stati che oggi, su proposta del "senatore" Filippo Lombardi (PPD/TI) e contro il parere sia del governo che della Commissione della politica di sicurezza, ha deciso - per 25 voti a 13 - di non archiviare la mozione della leghista Roberta Pantani (Lega/TI) che chiede la chiusura del valichi secondari durante la notte.

L'atto parlamentare della consigliera nazionale Pantani, inoltrato nel 2014 e accolto dal Parlamento, aveva spinto il Consiglio federale a chiudere, quale test pilota, tre valichi di frontiera ticinesi da inizio aprile 2017 a fine settembre dello stesso anno.

Nel 2017, il governo di Roma aveva convocato l'ambasciatore svizzero nella città eterna, Giancarlo Kessler, per chiarimenti e ciò benché l'Italia fosse stata informata già l'anno prima dell'intenzione del Consiglio federale di sperimentare lo sbarramento dei valichi di Novazzano-Marcetto, Pedrinate e Ponte Cremenaga dalle 23.00 alle 05.00.

Lo scorso dicembre, sollecitato dalla stessa Pantani visto l'acuirsi della situazione sul fronte della criminalità nel Mendrisiotto, con rapine ai bancomat durante la notte, proprio nelle vicinanze di valichi secondari, il Consiglio federale aveva risposto picche per bocca di Ueli Maurer a una nuova chiusura. Al posto di questa misura, Maurer aveva sottolineato di voler dotare i posti di confine di barriere, barriere che possono essere abbassate in caso di necessità, ad esempio quando la polizia organizza una ricerca. Tale scelta, aveva dichiarato il consigliere federale, si basa sul fatto che gli sbarramenti notturni hanno avuto un debole impatto sul tasso di criminalità transfrontaliera. Inoltre, i posti di frontiera sono stati dotati di telecamere per la sorveglianza dei conducenti al momento del loro passaggio.

All'origine di questa decisione dell'esecutivo vi sono anche ragioni politiche. Da colloqui con l'Italia è infatti emerso che una chiusura notturna dei confini potrebbe ripercuotersi negativamente sulla buona collaborazione nell'ambito della sicurezza dei confini e della migrazione.

Parte di queste argomentazioni sono state ripetute oggi in aula sia dal cancelliere della Confederazione, Walter Thurnherr, che dal "senatore" Josef Dittli (PLR/UR) a nome della Commissione della politica di sicurezza degli Stati. Entrambi hanno sostenuto che il problema criminalità in Ticino non sarebbe così acuto.

Lombardi: «Il problema non è risolto» - Argomentazioni che non hanno però convinto Filippo Lombardi, il quale ha dichiarato che il problema «non è affatto risolto», vista la recrudescenza dei colpi messi a segno negli ultimi mesi a danno di bancomat ubicati a sud del Ticino (Coldrerio, Arzo e Stabio) vicino al confine.

Per il ticinese - che ha rammentato la mozione del granconsigliere PPD Giorgio Fonio "Il Mendrisiotto non è un Bancomat" firmata anche da Maurizio Agustoni e Luca Pagani - , un'eventuale chiusura dei valichi non va vista come un atto ostile nei confronti dell'Italia, anche perché il testo di Pantani chiede che un simile provvedimento venga adottato in collaborazione con le autorità della Penisola.

Il deputato PPD ha anche fatto notare che le autorità italiane prendono decisioni simili senza farsi troppi problemi, come accade col valico secondario di Maslianico durante le ore notturne.

Commenti
 
Güglielmo 5 mesi fa su tio
ma io lascerei tutto aperto, anzi metterei dei cartelli tipo… per di qua, vai di la per indirizzarli al meglio e magari con la protezione civile farei disboscare e preparare dei sentieri alternativi, non si sa mai che una pattuglia li intercetta e un agente estrae l'arma poi deve scrivere la divina commedia per giustificare l'atto (senza aver sparato). Poi, per seguire le idee dei progressisti possibilisti costruirei un centro d'allenamento e formazione su come far saltare i bancomat senza svegliare la gente e quale percorso seguire per scappare. Insomma bisogna educarli no? eh…
Carlo Aiele 5 mesi fa su fb
A quando un bel controllo di tutti i buchi delle ramine di confine??? Ci sono tratti che ci passano senza problemi..... state facendo una scemata da circo... chiudere una porta e tenere aperte le finestre spalancate.. ahaha
Carlo Aiele 5 mesi fa su fb
Che idioti.
seo56 5 mesi fa su tio
Lombardi in cerca di voti!!!
Adriano Cavatorta 5 mesi fa su fb
E se poi entrano prima della chiusura?
marco17 5 mesi fa su tio
Giusto chiudere i valichi con l'Italia per impedire a gentaglia come Salvini di varcare la frontiera.
Valerio Castellani 5 mesi fa su fb
Ma chiudere no rinforzare in più crea posti di lavoro la sicurezza in primis ghe troppa gente equivoca in gir 👁👀⏰🐺
TOP NEWS Ticino
CANTONE
22 min
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
8 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
12 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
13 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
14 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
15 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
16 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
18 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
18 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile