Tipress
CANTONE
19.05.19 - 17:190

Votazioni, Verdi: «La democrazia diretta è a rischio»

«La cittadinanza è stata confrontata con tempistiche di votazione irrispettose delle numerose firme raccolte»

BELLINZONA - I Verdi del Ticino sono delusi per l’esito del voto sulla riforma fiscale federale e sull’iniziativa delle officine ed esprimono amarezza per la modalità in cui questi soggetti sono stati posti in votazione. «Da un lato si sono associati due oggetti completamente diversi impedendo al cittadino di scegliere liberamente e dall’altro la cittadinanza è stata confrontata con tempistiche di votazione irrispettose delle numerose firme raccolte. Legare tagli fiscali alle aziende al risanamento dell’AVS risulta un ricatto ai cittadini. Analogo discorso con le Officine, dove l’iniziativa andava votata in tempi brevi e non a 10 anni di distanza dal suo lancio».

RFFA - I Verdi del Ticino si rammaricano per l’esito di questa votazione. «Il fatto che tali tagli alle tasse alle grosse aziende per oltre 2 miliardi siano stati legati ad un tema importantissimo ma diametralmente diverso come l’AVS è segno di un disgregamento dei nostri valori democratici. È indispensabile qui, come altrove, agire affinché si attui una politica fiscale che riorienti l’economia verso maggiore sostenibilità».

Armi - I Verdi sono invece soddisfatti per la votazione sull’inasprimento delle norme che regolano le armi. «Ogni limitazione al possesso di armi da fuoco è da leggere in chiave positiva, sebbene questo compromesso non vada a incidere concretamente sul numero (tutt’ora decisamente eccessivo) di armi in circolazione».

Officine - Maggiori critiche arrivano per la votazione sulle Officine di Bellinzona. I Verdi commentano soprattutto la poca tempestività con cui il popolo è stato chiamato a votare. Dieci anni orsono, quando questa iniziativa andava votata, avrebbe ottenuto un plebiscito. «Sono stati aspettati però 10 anni per poter riuscire a rompere il fronte a sostegno del lavoro delle officine. Un’operazione che lascia davvero perplessi. Le conseguenze saranno pesanti sul fronte dell’occupazione con 300 posti di lavoro in meno, l’occupazione di terreno agricolo pregiato, così come una feroce speculazione edilizia non necessaria in centro a Bellinzona».

Semafori - Per quanto riguarda la votazione sui semafori del piano, i Verdi sono soddisfatti. «È giunto davvero il momento di propendere in maniera decisa verso il trasporto collettivo e verso la mobilità dolce. L’emergenza climatica impone un ripensamento totale della politica dei trasporti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO / AROGNO
3 ore

Il vento fa strage d'alberi al Parco di Pian Casoro

La zona tra Barbengo e Figino è stata interessata da un violento nubifragio in serata. Una ventina di piante è caduta e si registrano pure allagamenti e la chiusura di alcune strade

LUGANO
5 ore

Spunta l'offerta di lavoro da 12mila franchi per una «Hostess seducente»

Lo sfogo di una candidata: «Il parametro più importante? Devi essere una prostituta»

FOTO E VIDEO
LUGANO
7 ore

Scontro tra un'auto e un furgone a Molino Nuovo

Una Ford con targhe ticinesi ha centrato il furgone VW che si trovava davanti al semaforo

LUGANO
7 ore

Orrore tra le mura domestiche: condanna a quattro anni di carcere

Prendeva a botte compagna e figli: 56enne alla sbarra per numerosi reati. Ecco la sentenza pronunciata dal giudice Amos Pagnamenta

CANTONE
7 ore

Banche e clienti stranieri? «La situazione è paradossale»

In calo gli operatori ticinesi che hanno una visione positiva della situazione degli affari, secondo la più recente indagine congiunturale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile