Tipress (archivio)
Il Collettivo aveva già protestato davanti al Governo lo scorso mese di novembre.
CANTONE
17.05.19 - 21:340

Duro attacco contro il DECS: «Aggiunge un nuovo tassello di apartheid in Ticino»

Il Collettivo R-esistiamo punta il dito contro il recente bando di concorso per l'assunzione di insegnanti da «impiegare nei futuri campi di migranti di Balerna e Novazzano»

BELLINZONA - Il Collettivo R-esistiamo torna nuovamente sul tema dei migranti e lo fa attaccando ferocemente il DECS, il suo direttore Manuele Bertoli e il Direttore della Divisione Scuola Emanuele Berger.

Nel mirino del collettivo entra, in particolar modo, la recente pubblicazione di un bando di concorso per l’assunzione di insegnanti da impiegare nei futuri campi di Balerna e di Novazzano. «Il DECS aggiunge un nuovo tassello di apartheid in Ticino», deplorano i membri di R-esitiamo in una nota stampa.

Il Collettivo, poi, parla addirittura di «segregazione dei migranti», sottolineando che il DECS «ha disposto che la
scolarizzazione dei figli e delle figlie dei richiedenti l’asilo presenti nel Cantone, assieme a tutte le persone minorenni non accompagnate, debba essere svolta all’interno di tali campi».

Nel lunghissimo comunicato viene inoltre specificato come la nuova legge federale d'asilo non imponga «affatto la scolarizzazione obbligatoria in classi ghetto, all’interno dei centri federali». E che questa applicazione restrittiva delle disposizioni riveli «la smaccata complicità e corresponsabilità dei socialisti di Governo nella creazione e nell’implementazione del sistema neoliberista di apartheid».

Insomma un attacco durissimo contro il Dipartimento dell'Educazione, della Cultura e dello Sport che di certo non mancherà di far discutere. E che di certo non aiuta a stemperare gli animi in un dibattito - quello sui migranti - già infuocato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / ARGENTINA
6 ore

Blackout in Argentina, ma non a... Ticino

L'interruzione di corrente nazionale non ha toccato la comunità nella provincia di Córdoba, villaggio fondato da due svizzeri nel 1911

BELLINZONA / BIASCA
12 ore

Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»

La polizia conferma il ferimento di una persona sul treno tra Bellinzona e Biasca. Le indagini sono in corso per far luce sull'accaduto

CANTONE
13 ore

Addio ad Antonio Snider

L’avvocato locarnese è stato stroncato nella notte da un male incurabile. Aveva 96 anni

CANTONE
14 ore

Finanze cantonali in nero, il preconsuntivo fa ben sperare

Dal Consuntivo 2019 potrebbe risultare un avanzo di 73.3 milioni di franchi. Incidono (anche) i 9.6 milioni di franchi di restituzione da parte di AutoPostale

SANT'ANTONINO
17 ore

Doppio tentativo di furto a un bancomat, in manette un 35enne

L'uomo, che per due volte non è riuscito nel suo intento, si era dato alla fuga ma è stato arrestato dalla Polizia cantonale. Ancora latitanti i suoi complici

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report