Ti Press (archivio)
CANTONE
15.05.19 - 08:550

Controllo cantonale delle finanze: «Serve indipendenza!»

Un'iniziativa legislativa del Gruppo MPS-POP-Indipendenti chiede di sopprimere la sua attribuzione amministrativa al Governo

BELLINZONA - «Una preoccupante mancanza di indipendenza del Controllo cantonale delle finanze, non legata alle qualità personali di chi opera in questo servizio ma all’insoddisfacente collocazione dello stesso a livello organico-istituzionale». È quanto lamentano i deputati del Gruppo MPS-POP-Indipendenti, che per cambiare tale situazione hanno deciso di presentare un'iniziativa legislativa (forma elaborata).

Per Matteo Pronzini, Simona Arigoni, Angelica Lepori non si tratta comunque di una sorpresa: «Come ci si potrebbe seriamente attendere un’attestazione di vera indipendenza nell’operato di un Servizio sottoposto, anche solo amministrativamente, a un Consigliere di Stato in particolare, e i cui dipendenti sono nominati dal Governo, possono essere licenziati dal Governo e sottostanno al potere gerarchico e disciplinare di quest’ultimo?», si chiedono. La questione riguardante i rimborsi spese e i diritti di carica dei Consiglieri di Stato sarebbe sintomatica di una situazione di «timorosa subordinazione».

Con l'atto parlamentare, i tre chiedono quindi di ritoccare le norme vigenti al fine di consentire al Controllo cantonale delle finanze di assolvere con la necessaria indipendenza i compiti e le responsabilità che gli spettano. Più precisamente:

  • di sopprimere l’attribuzione amministrativa del Controllo cantonale delle finanze a un membro del Governo e, di riflesso, al Consiglio di Stato stesso;
  • di elevare il responsabile del Controllo cantonale delle finanze al rango di magistrato eletto dal Gran Consiglio, su proposta della Commissione gestione e finanze, per un periodo di nomina di 10 anni;
  • di conferire al Controllore cantonale delle finanze la funzione e le responsabilità di autorità di nomina nei confronti dei dipendenti del Controllo cantonale delle finanze;
  • di conferire alla Commissione gestione e finanze del Gran Consiglio la competenza di definire, su proposta del Controllore cantonale delle finanze, l’organigramma nonché il fabbisogno di personale e di risorse finanziarie del Controllo cantonale delle finanze;
  • di eliminare dalla normativa esistente quelle disposizioni che indebitamente conferiscono (o paiono conferire) al Consiglio di Stato un accesso privilegiato al Controllo cantonale delle finanze.

 

Commenti
 
Nmemo 3 mesi fa su tio
Sono 40 anni che se ne parla senza mai concludere quello che tutti auspicano, a parole. Politicamente non si è mai avuto il coraggio di realizzare in modo organico un controllo indipendente, sottratto alla politica e al dipartimentalismo. Sarà un miraggio raggiungibile in questa legislatura?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MELIDE
1 ora

Ecco i vincitori della Nuotata del Ponte Diga

Complice una giornata ottimale sono accorsi in 157 per la traversata da una sponda all'altra del Lago di Lugano

FOTO E VIDEO
MINUSIO
3 ore

Ancora un'auto in fiamme

È accaduto questa notte in via Frizzi. Nessuno avrebbe riportato ferite

FOTO E VIDEO
QUINTO
5 ore

Perde il controllo dell’auto e finisce nel cantiere: quattro feriti

L'incidente si è verificato sull’A2, in direzione sud. Sul posto anche un elicottero della Rega

VIDEO
MELIDE
5 ore

Tutto è pronto, o quasi, per la Nuotata del Ponte Diga

La manifestazione prevede la traversata da una sponda all’altra del Lago di Lugano e l’affiancamento durante il tragitto del famoso Ponte Diga

FOTO
SANT’ANTONINO
17 ore

Ecco cosa è rimasto dell’auto bruciata sulla “tirata”

Spente le fiamme, la carcassa è stata recuperata e portata via dalla carrozzeria di servizio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile