Rescue Media
Il bancomat fatto esplodere a Stabio
CANTONE
14.05.19 - 07:270
Aggiornamento : 09:54

«I ticinesi hanno paura, i valichi secondari di notte vanno chiusi»

Dopo l'ennesimo colpo ad un bancomat situato a ridosso del confine, il Gruppo della Lega dei Ticinesi chiede che il Parlamento cantonale «dia una scossa» a Berna

BELLINZONA - «Dopo le numerose esplosioni ai bancomat, il Mendrisiotto e il Ticino tutto non può più stare a guardare». È questa premessa che ha spinto il Gruppo della Lega dei Ticinesi in Gran Consiglio a proporre una risoluzione generale, da indirizzare al Consiglio federale, per chiedere allo stesso di introdurre definitivamente e a tempo indeterminato la chiusura di tutti i valichi secondari del Sottoceneri, ed in particolare nel Mendrisiotto, durante le ore notturne. Una proposta simile era giunta nei giorni scorsi anche dai deputati PPD del Mendrisiotto Maurizio Agustoni, Giorgio Fonio e Luca Pagani.

Dal 1° aprile 2017 e per sei mesi - ricordiamo - i valichi secondari di Novazzano-Marcetto, Pedrinate e Ponte Cremenaga erano rimasti chiusi durante le ore notturne. Un test voluto «per tentare di arginare la criminalità nelle regioni di confine del sud del Ticino» al quale il Governo federale aveva deciso di non dare seguito perché avevano avuto «un impatto debole sul tasso di criminalità transfrontaliera. La soluzione proposta da Berna è invece di dotare i posti di confine di barriere, che potranno essere abbassate solo in caso di necessità. Una misura ritenuta inefficace dai leghisti in quanto «prima ancora che sia dato l’allarme i malviventi hanno già varcato il confine»,

Gli ultimi episodi verificatosi di notte nelle zone a ridosso del confine hanno spinto i leghisti a tornare alla carica: «Il pericolo per i cittadini, oltre che per le cose ed i valori, è innegabile e questa situazione è percepita con grande preoccupazione da parte di chi abita nel Sottoceneri e nel Mendrisiotto in particolare. L’utilizzo di esplosivi denota la presenza di persone spietate che non esitano a far ricorso a mezzi violenti pur di raggiungere l’obiettivo. I ticinesi hanno paura e devono potersi sentire sicuri a casa propria», si legge nel testo.

Anche Chiesa chiede di intervenire - Anche il consigliere nazionale Marco Chiesa (UDC) ha deciso che depositerà un atto parlamentare durante la sessioni estiva delle camere. Chiesa chiederà al Consiglio federale se alla luce «dell'escalation criminale a cui abbiamo assistito in Ticino», si è convinto ed è disposto a rivedere la sua decisione di riapertura notturna dei valichi secondari (o se sia almeno disposto a ripetere l'esperienza di chiusura dei valichi per un nuovo periodo di test.

Non solo, il democentrista chiederà al Governo se la pressione dell'Italia, «condita da velate minacce a proposito ripercuotersi negativamente sulla buona collaborazione nell’ambito della sicurezza e della migrazione», ha giocato e gioca un ruolo nella decisione e se il Consiglio federale teme «qualche tirata d'orecchi» dall'UE basata sul rispetto dell'accordo di Schengen.

 

Commenti
 
Zico 1 mese fa su tio
Chissà perchè il valico di Pizzamiglio lo chiudono. e nessuno dice nulla
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
Tutte balle, le frontiere non hanno MAI fermato la delinquenza... giova ricordare che il record di rapine in Ticino lo abbiamo avuto negli anni che le frontiere erano ben presidiate...
moma 1 mese fa su tio
@lo spiaggiato Una perla di saggezza.
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
@moma Qua la saggezza non c'entra niente... sono le statistiche della polizia che parlano chiaro... :-)))))
curzio 1 mese fa su tio
La Comi non è d'accordo, quindi non si può fare.
roma 1 mese fa su tio
@curzio ...penso che la Comi in questo momento abbia altre cose di cui occuparsi come, ad esempio, preparare il "beauty case" prima di entrare a San Vittore...
Zico 1 mese fa su tio
@roma i 31mila euro gli servivano per pagare Roberto Soffritti che nel 2013 la querelò e che fu condannata a pagare i 30mila euro (che con gli interessi sono diventati 31mila e rotti). Poi ci sono le rate da pagare per un errore del suo commercialista sui rimborsi UE di 126mila euro e l'è dura a fa la comi. senza contare l'assunzione di sua mamma, altra prassi proibita dall'UE. ma l'UE a lei fa comodo solo per dare addosso ai CH
Lore62 1 mese fa su tio
Bene, ora richiamate in TV il capo delle guardie di confine, che un paio di anni fa con il suo benestare, aveva dichiarato in un'intervista che i valichi non saranno più presidiati, ma sarà garantita la sicurezza 24h con pattuglie mobili lungo i confini... XD
moma 1 mese fa su tio
Apriamo frontiere, globalizziamo tutto e poi ci lamentiamo che vanno e vengono liberamente umani di ogni genere.
KilBill65 1 mese fa su tio
Il solito cane che si morde la coda!!…..Come gia' ho detto e la nostra politica che fa danni!!…..Bisogna chiudere i valichi secondari, e rafforzare quelli aperti con le nostre guardie di confine…..Altrimenti continueremo all' infinito con queste problematiche di rapine, prima che il fenomeno peggiori!!!.....
KilBill65 1 mese fa su tio
@KilBill65 Aggiungo…..Prima che ci scappi il morto!!!.....
roma 1 mese fa su tio
...e sarebbe poi anche ora.
albertolupo 1 mese fa su tio
boh... quelli che rimarrebbero aperti non è che siano presidiati più di tanto...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / FRANCIA
22 min

Ticinesi bloccati in Corsica: «Nella notte se le sono date di santa ragione»

Incubo finito dopo 24 ore bloccati sul traghetto. «Questa mattina siamo ripartiti. Ma che esperienza...»

CANTONE
1 ora

Un esercito di ticinesi indebitati

I numeri di Caritas Ticino: in quattro anni le richieste d'aiuto sono decuplicate. «E non riguardano solo giovani o disoccupati»

CANTONE
3 ore

Dal licenziamento a 50 anni alla rinascita. Passando per una tragedia

La storia di Giovanni Ardemagni che dalla sua esperienza ha tratto il romanzo “Un momento fa, forse”: «Un racconto a tinte giallo noir che pesca dalla realtà, ma in grado di far riflettere»

CANTONE
4 ore

Allievi difficili e vacanze estive: «In Ticino non è prevista la scuola speciale»

A differenza di Zurigo, la presa a carico avviene tramite il Sostegno pedagogico. E non si interrompe con le ferie, spiega la responsabile

CANTONE / SVIZZERA
5 ore

E da oggi... attenti alla canicola!

Ecco il primo caldo dell'estate 2019. Localmente le colonnine di mercurio arriveranno anche a 39 gradi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report