I due giornalisti francesi furono rapiti il 20 agosto 2004 a Najaf dall'Esercito islamico in Iraq, che chiedeva alla Francia l'annullamento della legge che vietava di indossare simboli religiosi evidenti nelle scuole pubbliche. Dopo 124 giorni di prigionia, Chesnot e Malbrunot vennero liberati il 21 dicembre.
CANTONE
13.05.19 - 13:260

Soldi dal Qatar per un centro islamico a Lugano, scatta l’interrogazione

Tiziano Galeazzi e cofirmatari si rivolgono al Consiglio di Stato affinché l’argomento venga trattato con «trasparenza» e si «rafforzi la prevenzione»

BELLINZONA - Tre versamenti. 1,7 milioni di franchi in totale. Soldi che sarebbero arrivati in Ticino dal Qatar. Destinatario: la Comunità islamica del Ticino. Sono le rivelazioni contenute nel libro “Qatar Papers”, pubblicato recentemente in Francia.

Rivelazioni che fanno sorgere domande e preoccupazioni, soprattutto considerando che il Qatar «è risaputamente molto vicino al movimento dei Fratelli Musulmani».

Dal libro di Christian Chesnot e Georges Malbrunot emergerebbe la volontà della Qatar Charity (associazione non governativa fondata nel 1992) di controllare e finanziare in Europa gruppi islamisti. E tra questi un centro islamico a Lugano.

La trasparenza dei finanziamenti proveniente da Paesi islamici destinati in Europa e in Svizzera alla costruzione e alla gestione di moschee e centri islamici era già stata sollevata in passato dalla Lega dei Ticinesi (Lorenzo Quadri al Nazionale e Boris Bignasca al Cantone).

Ora è Tiziano Galeazzi (UDC) - insieme a Piero Marchesi, Roberta Soldati, Daniele Pinoja, Edo Pellegrini (UDC), Leila Guscio e Massimiliano Robbiani (Lega dei ticinesi) - a rivolgersi al Consiglio di Stato con un’interrogazione, richiamando i principi di «trasparenza e non violazione delle normative svizzere» che «non consentono accertamenti particolari» sui finanziamenti.

Al Governo viene chiesto se può confermare che i fondatori della Comunità islamica erano membri del movimento fondamentalista Fratelli Musulmani e che essa è tuttora gestita da questo movimento. Ma anche «in che modo il Consiglio di Stato monitorizza e previene per evitare che ideologie radicali insegnate nei centri specifici si espandano e si scontrino con le nostre leggi e la nostra Costituzione».

Dall’Esecutivo i deputati vogliono inoltre sapere se sia a conoscenza di altri finanziamenti - e a quanto ammontano - provenienti in passato dal Qatar o da altri Paesi esteri e destinati alla Comunità islamica del Ticino o ad altre associazioni islamiche operanti nel Ticino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
59 min

Spunta l'offerta di lavoro da 12mila franchi per una «Hostess seducente»

Lo sfogo di una candidata: «Il parametro più importante? Devi essere una prostituta»

FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore

Scontro tra un'auto e un furgone a Molino Nuovo

Una Ford con targhe ticinesi ha centrato il furgone VW che si trovava davanti al semaforo

LUGANO
3 ore

Orrore tra le mura domestiche: condanna a quattro anni di carcere

Prendeva a botte compagna e figli: 56enne alla sbarra per numerosi reati. Ecco la sentenza pronunciata dal giudice Amos Pagnamenta

CANTONE
3 ore

Banche e clienti stranieri? «La situazione è paradossale»

In calo gli operatori ticinesi che hanno una visione positiva della situazione degli affari, secondo la più recente indagine congiunturale

ROVEREDO (GR)
4 ore

Ferite gravi per la 65enne coinvolta nello scontro frontale

L'auto che procedeva in direzione sud nella galleria San Fedele ha invaso la sua corsia. Lo scontro è stato inevitabile

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile