Ti Press
Il deputato del PC
CANTONE
29.03.19 - 15:220

Stages socioassistenziali: «Mano d'opera flessibile e a basso costo»

La denuncia arriva da Massimilano Ay, che sulla questione interroga il Governo

BELLINZONA - Massimiliano Ay, denuncia «un sistema di sfruttamento delle stagiste e degli stagisti in ambito socioassistenziale», i quali fungerebbero da «manodopera a basso costo da impiegare flessibilmente». E lo fa tramite un'interrogazione inviata al Consiglio di Stato.

Per il deputato del Partito comunista, questa situazione sarebbe provocata dall’assenza di un’adeguata legislazione che tuteli il lavoro degli stagisti, «vittime di una corsa al ribasso sui salari che sembrerebbe non essere provocata solo dagli istituti privati, bensì anche da alcuni enti pubblici». E cita l'esempio della Città di Lugano, «che si permette di sfruttare i giovani in formazione, i quali si trovano l’indecente somma di 250 franchi al mese all’ultimo anno di formazione».

L'interrogazione nasce da un articolo scritto dal Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA), che oltre alle problematiche remunerative denuncia pure «la mancanza di finanziamenti pubblici a strutture di accoglienza per disabili e la liberalizzazione delle strutture per bambini nella fase prescolastica». Ecco quindi le nove domande sottoposte all'attenzione del Governo:

  1. Al momento esiste un regolamento che disciplina le formazioni pratiche nel settore sociosanitario e assistenziale? Se sì, in quale misura viene applicato e come viene fatto rispettare?
  2. Al fine di tutelare gli stagisti e le stagiste, affinché non vengano sfruttate e impiegate flessibilmente per il loro costo nullo, la Divisione della formazione professionale ha mai pensato di inserire un minimo salariale adeguato all’anno di formazione?
  3. Come viene regolamentato il versamento del salario o dell’indennità agli studenti che seguono una formazione pratica? Qual’è il meccanismo che disciplina tale pratica?
  4. Secondo i nostri iscritti, gli stagisti non ricevono alcuna indennità dalla scuola bensì un salario direttamente dall’istituto di impiego, contrariamente da quanto detto nell’art. 29b cpv. 1 del Regolamento delle scuole professionali. Corrisponde al vero? Come si giustifica tale pratica?
  5. Sempre secondo l’art 29b cpv. 1 del suddetto regolamento, il Consiglio di Stato definisce l’ammontare dell’indennità versata agli stagisti. Come può controllare il Governo simile pratica, se non esiste alcuna indennità e viene versato un salario direttamente agli studenti?
  6. Ad oggi esiste uno strumento con il quale la Divisione possa verificare che la qualità della formazione pratica sia sufficiente e rispetti le esigenze formative del discente?
  7. Secondo quali criteri la Divisione ritiene idonea una struttura per l’accoglienza di uno/a stagista?
  8. Al momento esiste una figura indipendente, sull’esempio dell’ispettore di tirocinio, alla quale gli studenti in formazione possono consultarsi in caso di abuso o scarsa qualità della formazione pratica?
  9. Gli studenti lamentano una scarsa attenzione da parte dei docenti alle esigenze formative per quanto riguarda la preparazione agli esami. Oltre a ciò dichiarano di avere un carico di lavoro eccessivo, tra formazione pratica e scuola, nei giorni che precedono gli esami. La Divisione come pensa di ovviare al problema?
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CASTEL SAN PIETRO / ZURIGO
17 min
Crollo in borsa per Medacta: «Ha deluso completamente»
Dopo l'avvertimento sulla crescita inferiore del previsto, il titolo sta perdendo circa il 22% del suo valore. Gli analisti deplorano la mancanza di trasparenza
CANTONE
3 ore
Meno drammi nei laghi e fiumi ticinesi
La campagna di prevenzione "Acque sicure" sembra aver dato buoni frutti: i decessi registrati quest'anno sono stati "solo" due
CANTONE
3 ore
L'improbabile corsa del fisco per tappare il buco del petroliere
Le autorità fiscali intimano al nigeriano Kola Aluko il versamento di 1,5 milioni per imposte non versate. Lo scoperto della Città è di 450mila franchi. Ma il 50enne è da tre anni uccel di bosco
FOTO
CANTONE
4 ore
Nel Verbano le isole ora sono... ticinesi
A Brissago è stato ufficialmente siglato il passaggio di proprietà dell'Isola Grande e dell'Isola Piccola al Cantone
CANTONE
5 ore
Medacta lancia un avvertimento: «Crescita 2019 inferiore al previsto»
Negli Stati Uniti e in altri mercati minori la domanda si è sorprendentemente indebolita
VIDEO
BELLINZONA
8 ore
Addio Peter Pan: il responsabile è in lacrime
Il Ticino perde un locale storico. “Serata nostalgia” con ex collaboratori e clienti. Sul palco lo Swiss Elvis. Gianni Morici: «Qui dentro ho messo l’anima. Spiace per le nuove generazioni»
BELLINZONA
19 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
MENDRISIO
21 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
22 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
22 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile