Ti Press
Il deputato del PC
CANTONE
29.03.19 - 15:220

Stages socioassistenziali: «Mano d'opera flessibile e a basso costo»

La denuncia arriva da Massimilano Ay, che sulla questione interroga il Governo

BELLINZONA - Massimiliano Ay, denuncia «un sistema di sfruttamento delle stagiste e degli stagisti in ambito socioassistenziale», i quali fungerebbero da «manodopera a basso costo da impiegare flessibilmente». E lo fa tramite un'interrogazione inviata al Consiglio di Stato.

Per il deputato del Partito comunista, questa situazione sarebbe provocata dall’assenza di un’adeguata legislazione che tuteli il lavoro degli stagisti, «vittime di una corsa al ribasso sui salari che sembrerebbe non essere provocata solo dagli istituti privati, bensì anche da alcuni enti pubblici». E cita l'esempio della Città di Lugano, «che si permette di sfruttare i giovani in formazione, i quali si trovano l’indecente somma di 250 franchi al mese all’ultimo anno di formazione».

L'interrogazione nasce da un articolo scritto dal Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA), che oltre alle problematiche remunerative denuncia pure «la mancanza di finanziamenti pubblici a strutture di accoglienza per disabili e la liberalizzazione delle strutture per bambini nella fase prescolastica». Ecco quindi le nove domande sottoposte all'attenzione del Governo:

  1. Al momento esiste un regolamento che disciplina le formazioni pratiche nel settore sociosanitario e assistenziale? Se sì, in quale misura viene applicato e come viene fatto rispettare?
  2. Al fine di tutelare gli stagisti e le stagiste, affinché non vengano sfruttate e impiegate flessibilmente per il loro costo nullo, la Divisione della formazione professionale ha mai pensato di inserire un minimo salariale adeguato all’anno di formazione?
  3. Come viene regolamentato il versamento del salario o dell’indennità agli studenti che seguono una formazione pratica? Qual’è il meccanismo che disciplina tale pratica?
  4. Secondo i nostri iscritti, gli stagisti non ricevono alcuna indennità dalla scuola bensì un salario direttamente dall’istituto di impiego, contrariamente da quanto detto nell’art. 29b cpv. 1 del Regolamento delle scuole professionali. Corrisponde al vero? Come si giustifica tale pratica?
  5. Sempre secondo l’art 29b cpv. 1 del suddetto regolamento, il Consiglio di Stato definisce l’ammontare dell’indennità versata agli stagisti. Come può controllare il Governo simile pratica, se non esiste alcuna indennità e viene versato un salario direttamente agli studenti?
  6. Ad oggi esiste uno strumento con il quale la Divisione possa verificare che la qualità della formazione pratica sia sufficiente e rispetti le esigenze formative del discente?
  7. Secondo quali criteri la Divisione ritiene idonea una struttura per l’accoglienza di uno/a stagista?
  8. Al momento esiste una figura indipendente, sull’esempio dell’ispettore di tirocinio, alla quale gli studenti in formazione possono consultarsi in caso di abuso o scarsa qualità della formazione pratica?
  9. Gli studenti lamentano una scarsa attenzione da parte dei docenti alle esigenze formative per quanto riguarda la preparazione agli esami. Oltre a ciò dichiarano di avere un carico di lavoro eccessivo, tra formazione pratica e scuola, nei giorni che precedono gli esami. La Divisione come pensa di ovviare al problema?
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO
13 ore

«Vorremmo tenere aperto fino a mezzanotte, ma ce lo vietano»

Il negozietto di fronte alla stazione torna a fare discutere. Il giovane responsabile: «L’estate per noi è il momento degli affari». Il sindaco: «Prolungamento degli orari inopportuno»

FOTO E VIDEO
LOCARNO
15 ore

Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa

È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Il Pardino d'oro va a Dejan Barac per "Mama Rosa"

BELLINZONA
18 ore

Il cedro aveva 200 anni, «era sanissimo»

Tuto Rossi posta su Facebook l'immagine di un albero abbattuto. «Poi arrivano sei municipali che aspirano solo alla loro rielezione e approvano la demolizione»

AIROLO / URI
18 ore

Ancora rientri, ancora traffico

Alle 12.30 erano otto i chilometri davanti alla galleria del San Gottardo in direzione nord. Ma c'è anche chi è in partenza

LOCARNO
21 ore

Più barche di quanto permesso

Da alcuni controlli sarebbe emerso il sovraffollamento del sovrautilizzo del molo presso il cantiere nautico Di Domenico

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile