TiPress - foto d'archivio
GAMBAROGNO
13.03.19 - 16:230

Porto Gambarogno, il Municipio risponde alle accuse

La volontà è di «deliberare due importanti opere a ditte ticinesi». I costi sarebbero lievitati «negli anni durante i quali il progetto è stato fermo a causa di una serie di ricorsi incrociati»

GAMBAROGNO - Il 7 aprile - oltre alle elezioni cantonali - gli abitanti di Gambarogno voteranno per il referendum contro il credito aggiuntivo di 4,5 milioni di franchi (destinato al finto fondale) per la costruzione del Porto a San Nazzaro (in zona Sass di Sciatt).

Lunedì la Società svizzera impresari costruttori (SSIC), in qualità di Associazione di categoria, lo ha definito «un voto a favore delle ditte locali». Perché «se il credito venisse negato, per realizzare il porto bisognerebbe far capo a ditte estere», mentre «nel caso di una delibera dei lavori a una ditta ticinese, i 4,6 milioni di franchi sarebbero spesi nella remunerazione salariale di una dozzina di operai per la durata di un anno e nell’acquisto esclusivamente in Svizzera di materiali di prestazioni terzi».

Alla SSIC ha replicato Cleto Ferrari, in quanto portavoce del gruppo “Per Gambarogno” che aveva lanciato il referendum contro il credito. «La questione ditte estere o ditte ticinesi non c'entra niente con il credito in votazione. Il Municipio aveva usato l’argomento di favorire le ditte ticinesi per nascondere un superamento di spesa di quasi il 50 per cento delle opere previste a lago». L’Esecutivo cittadino viene accusato di «avere indetto il concorso internazionale per cercare di edificare il porto rimanendo nell’importo di 14,4 milioni votato dal Consiglio Comunale», favorendo di fatto le ditte estere. E ancora «non aveva applicato la ponderazione del prezzo con una percentuale inferiore». Il porto inoltre, secondo Ferrari, «non favorirà i gambarognesi a poter permettersi ancora un posto barca a prezzi sostenibili, visto che le boe a buon mercato saranno soppresse».

Ora è il Municipio a rispondere alle «affermazioni e insinuazioni fuorvianti» espresse da Cleto Ferrari. E lo fa difendendosi dall’accusa di avere favorito le ditte estere, così come dalla volontà di “nascondere” l’aumento del credito, «causato da una modifica del sistema di ancoraggio che permetterà d’ottimizzare i lavori d’ispezione e manutenzione con conseguenti risparmi, dall’aumento dei costi registrato negli anni durante i quali il progetto è stato fermo a causa di una serie di ricorsi incrociati e dalla volontà che ha ora il Municipio di deliberare due importanti opere a ditte ticinesi».

La risposta completa del Municipio in 8 punti:

1. ll Municipio, poiché così sancito dal Concordato intercantonale sugli appalti pubblici (CIAP), è stato obbligato a pubblicare i bandi di concorso a livello internazionale; non si tratta dunque di una scelta di opportunità come affermato, ma di un obbligo di Legge.

2. Contrariamente a quanto affermato da Ferrari, anche adottando un criterio di ponderazione del prezzo inferiore, nulla sarebbe cambiato nei concorsi CIAP poiché le differenze nelle offerte delle ditte estere, rispetto a quelle locali, erano in ogni caso a loro vantaggio.

3. Il Municipio non è mai stato messo alle strette da un ricorso inoltrato da “Per Gambarogno. Anzi, il ricorso citato è stato respinto dal Consiglio di stato e i ricorrenti hanno dovuto pagare le spese giudiziarie e i ripetibili.

4. Il credito di CHF 14,9 MIO votato nel 2013 deriva esclusivamente dalla stima dei costi fatta dal progettista prima della messa a concorso delle opere, come richiesto dalle procedure. L‘aumento oggetto del credito suppletorio, avversato con referendum, è causato da una modifica del sistema di ancoraggio che permetterà d’ottimizzare i lavori d’ispezione e manutenzione con conseguenti risparmi, dall’aumento dei costi registrato negli anni durante i quali il progetto è stato fermo a causa di una serie di ricorsi incrociati e dalla volontà che ha ora il Municipio di deliberare due importanti opere a ditte ticinesi.

5. Nonostante l‘aumento dei costi il Porto rimane un’opera estremamente interessante per tutti i gambarognesi poiché porterà ogni anno nella cassa comunale CHF 460'000, da utilizzare per progetti a favore di tutta la cittadinanza. Senza il Porto non ci sarà questo vantaggio economico per la Comunità e neppure un indotto per l‘economia e il turismo. Non da ultimo, si tratta di salvaguardare i 2 MIO di CHF già investiti, altrimenti definitivamente persi.

6. L‘ubicazione del Porto a S. Nazzaro, come prevista dal Piano direttore cantonale e dal Piano regolatore comunale, non è più in discussione. È il luogo ideale sia per le opere a lago sia per quelle a riva. Tutte le verifiche tecniche ne confermano l‘idoneità.

7. Delle 350 boe disperse lungo la riva demaniale, per volontà del Cantone ne saranno smantellate meno della metà (misura dettata dalla Legge federale in materia). Una novantina di "boisti" ha già fatto richiesta di entrare nel nuovo porto. Questo permetterà un riordino dei campi boa a tutto vantaggio sia degli utenti sia della sicurezza dei bagnanti. Per le piccole imbarcazioni restano comunque a disposizione i posti economici nei 4 porticcioli comunali e pure quello della Vignascia, in fase di riordino.

8. Le tariffe del Porto Gambarogno sono state approvate dal Ufficio del demanio e si allineano con quelle degli altri porti del Lago Maggiore, che offrono analoghe prestazioni in termini di servizi disponibili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Doppio salto all'indietro con contorsionismo. ma se il municipio ha sempre affermato che il porto sarebbe stato realizzato anche senza il supplemento dei 4,6 milioni, ora affiorano altre giustificazioni. Ma se il progetto fosse stato realizzato da subito, cosa succedeva con queste fantasiose modifiche? Si cambia il progetto in fase esecutiva dopo 40 anni di studi? Un pò di onestà e trasparenza dovrebbe portare a un pò di mea culpa.Il fatto che l'opera si autofinanzia non giustifica tanta improvvisazione.Se poi aggiungiamo l'assist della SSIC , facendo un calcolo della serva i loro 12 collaboratori hanno degli stipendi da nababbi . I materiali arrivano dalla Svizzera? o importati dall'Italia? i lavori di posa sott'acqua saranno eseguiti da ditte ticinesi? O forse neanche svizzere.?Si abbia l'onestà di ammettere le cannate, e forse i cittadini capiranno, ma non si può continuamente imbrogliare la gente
Mattiatr 1 anno fa su tio
@vulpus La situazione è semplicissima e non richiede grandi spiegazioni. La cifra che nel 2013 è stata votata era una stima dei costi (precisione ±20%), di solito si vota sul preventivo (±10%). Già lì la cappellata si sentiva, però bene o male non è un errore così grave. L'unica cappellata del municipio è stata questa.¶ In seguito con un progetto definitivo è saltato fuori che i costi erano leggermente più alti ma sempre nei limiti consentiti dalle norme di progettazione, quindi non si tratta di un errore. Poi con il passare dei ricorsi sono passati 6 anni, nella quale il costo dell'acciaio e di altri materiali da costruzione è aumentato.¶ A fronte di questo aumento il municipio potrebbe restare nei costi appaltando a ditte straniere oppure applicando la famosissima speculazione edilizia richiedendo a ditte ticinesi i prezzi di imprese italiane (vedi che alla fine non sono solo padroncini ad essere i cattivoni). La seconda alternativa è quella di aumentare il credito e di mantenere la maggior parte dei lavori in Ticino. Non ci sono solo le opere subacquee, basti vedere tutta la struttura sopra quanto lavoro darà, ...
vulpus 1 anno fa su tio
@Mattiatr Il municipio ha scritto sui giornali che il porto lo si può fare anche senza i 4 milioni supplementari. Ora in zona cesarini emerge che non si trattava di una stima dei costi ( ma quando mai si vota su una stima dei costi ? Dilettantismo)ma il progetto è stato cambiato radicalmente per quanto concerne la struttura subaquea: una prima mondiale. Ma se si andava in esecuzione subito cosa succedeva? Ma che credibilità si può concedere? Si gioca con i milioni dei cittadini, nonostante le roboanti affermazioni di utili stratosferici. Ora intervengono anche le grosse organizzazioni a tentare di fare pressioni sui cittadini: una vergogna tipica canton Ticinese
GI 1 anno fa su tio
un progetto che resterà tale...peccato....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Aziende ticinesi: «La situazione attuale è particolarmente critica»
In un sondaggio di UBS le ditte prevedono di tornare nel 2022 allo stesso livello di fatturato pre-crisi.
VIDEO
AGNO
4 ore
«Ragazzi che cercano problemi», aggredito il rapper Daytona KK
Dalla vita reale a Instagram, passando dalla zona del Luna Park. Da una parte spavalderia, dall'altra derisione.
CANTONE
7 ore
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
BELLINZONA
8 ore
Girava con l'erba, bloccato dagli agenti
La polizia ferma un uomo in Viale Stazione. Interrogatorio davanti a decine di presenti.
BISSONE
13 ore
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
13 ore
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
15 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
18 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
1 gior
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
1 gior
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile