Keystone - foto d'archivio
CANTONE / SVIZZERA
12.03.19 - 11:240

«Ristorni dei frontalieri, paga la Confederazione?»

Il consigliere nazionale UDC Marco Chiesa ha presentato il quesito all'ora delle domande

BERNA - «Qualora il Governo ticinese dovesse decidere di bloccare i ristorni delle imposte alla fonte il prossimo 30 giugno 2019, la Confederazione assicurerà il versamento dei ristorni all'Italia al posto del Canton Ticino?». È quanto chiesto da Marco Chiesa all'ora delle domande.

Il consigliere nazionale UDC si è concentrato sull'argomento dei ristorni dei frontalieri, in vista della mozione presentata l'11 settembre 2017 ("Responsabilità e solidarietà impongono alla Confederazione che il Ticino sia compensato finanziariamente per la mancata entrata in vigore dell'Accordo sui frontalieri") che verrà trattata a breve. 

Secondo quanto riferito nella mozione, «il Consiglio federale deve farsi carico, da un profilo finanziario, dei danni che la mancata entrata in vigore del nuovo accordo italo-svizzero sui frontalieri arreca al Cantone». Tra le motivazioni, «la mancata entrata in vigore dell'accordo ha, indirettamente, pesanti conseguenze sul mercato del lavoro ticinese che subisce un significativo dumping salariale a causa dei lavoratori frontalieri». Per queste ragioni viene chiesto al Consiglio federale, «a seguito della violazione dell'articolo 54 capoverso 3 della Costituzione, una solidarietà confederale sulla base dell'articolo 44 capoverso 1 della Costituzione che stabilisce che Confederazione e Cantoni collaborano e si aiutano reciprocamente nell'adempimento dei loro compiti».

Commenti
 
LAMIA 2 mesi fa su tio
Bravo Chiesa !
marco17 2 mesi fa su tio
Ci vuole una bella faccia di tolla: Chiesa si lamenta per la mancata entrata in vigore dell'accordo sui frontalieri sottoscritto con l'Italia, quell'accordo che l'UDC e la Lega hanno definito una porcata a favore dell'Italia e una "calata di brache" (il vocabolario di questi signori è quello che è) da parte del Consiglio federale!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AGNO
4 ore

«L’aeroporto può cambiare rotta»

Per il rilancio dello scalo è fondamentale l’allungamento della pista che potrà vedere la luce nel 2031. Lo dice lo studio dell’Università di San Gallo, presentato stasera

LOSONE
6 ore

Licenziato dalla Agie: «Ora a 58 anni cosa faccio?»

Proseguono i tagli alla ditta di Losone. Parla uno dei dipendenti rimasto senza lavoro: «Nessuna spiegazione. Probabilmente costavo troppo»

FOTO / VIDEO
RIVIERA
7 ore

Fiamme all'esterno di un deposito a Cresciano

L'origine del rogo non è al momento nota. Pompieri e Polizia sul posto. La situazione è già sotto controllo

CANTONE
9 ore

«Le strutture logistiche resteranno, ma saranno ridimensionate»

Arriva la conferma di Kering: «Attività logistiche centralizzate in Italia, in un polo dimensionato per la crescita futura»

LUGANO
10 ore

«Quel semaforo deve restare in versione cantiere?»

Il passaggio pedonale in Riva Vela, all'altezza di Piazza Manzoni, è finito al centro di un'interrogazione del gruppo PPD e GG

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report