Tipress
CANTONE
06.02.19 - 12:310

«A quale altro funzionario vennero segnalati gli abusi?»

Fiorenzo Dadò e Boris Bignasca inviano un'altra interpellanza al Governo sul caso degli abusi all'interno dell'Amministrazione cantonale

BELLINZONA - Il caso degli abusi all'interno dell'Amministrazione cantonale assume i contorni di un domino. Con le tessere che - dopo la condanna affibbiata la scorsa settimana all'ex operatore sociale - stanno cadendo una dopo l'altra. Il polverone ha investito anche l'ex capo ufficio dell'Aiuto e della protezione Ivan Pau-Lessi che negli scorsi giorni avrebbe inviato delle lettere all’Ufficio Presidenziale del Gran Consiglio e al Consiglio di Stato per comunicare la propria autosospensione dal Consiglio della Magistratura. 

Una scelta «tardiva ma doverosa» secondo Fiorenzo Dadò e Boris Bignasca che sull'increscioso caso hanno inviato un'interpellanza bis al Governo. «Questa decisione è la diretta conseguenza - scrivono i due deputati - dei fatti gravissimi di abusi e di omertà avvenuti nei primi anni 2000 all’interno del DSS, ossia all’epoca in cui Pau-Lessi era dirigente dell’Ufficio implicato, e venuti alla luce non grazie alla segnalazione dei funzionari ma unicamente grazie alla coraggiosa e sofferta denuncia da parte delle vittime, che hanno portato la scorsa settimana a pronunciare parole durissime e persino porgere le pubbliche scuse da parte dello Stato, nella persona del giudice Marco Villa, durante la pronuncia della sentenza».

Ed è proprio dal processo che si è potuto apprendere che nel 2005 almeno una ragazza abusata « aveva chiesto aiuto a un alto funzionario, il quale non ha preso provvedimenti affinché l’imputato non potesse più ripetere certi comportamenti». Ed è proprio questo agire «omertoso» che non va giù a Dadò e Boris Bignasca.  «L’Amministrazione pubblica si è purtroppo già macchiata in modo indelebile; è quindi giunto il momento di fare l’immediata e massima chiarezza da parte di tutti, in primis Governo e Gran Consiglio».

I due deputati - in aggiunta alle precedenti interpellanze - ora vogliono il nome del funzionaio che - da fonti affidabili - sembrerebbe che Pau-Lessi abbia menzionato nella sua lettera. «A lui furono riferite le “pratiche sconce” e le segnalazioni di abusi dell’ex operatore sociale condannato». Per questo motivo Dadò e Bignasca vogliono sapere «quali siano i contenuti di questa missiva» e soprattutto quale sia il nome del «funzionario (se presente nella lettera) al quale avrebbe riferito a suo tempo della segnalazione di abusi». I due deputati vogliono inoltre sapere la funzione svolta all'epoca e se esso sia ancora attivo nell'Amministrazione pubblica».

Di seguito altre 4 domande presenti nell'interpellanza "bis":

- Pau-Lessi, fa riferimento alle segnalazioni di una sola ragazza o a più segnalazioni di differenti ragazze? Se si, quante? È a conoscenza il Consiglio di Stato se vi furono all’epoca segnalazioni di abusi o di molestie da parte nei confronti di funzionari a stretto contatto con l’ex operatore sociale condannato? Sono state fatte delle verifiche?

- Pau-Lessi e questo anonimo funzionario, all’epoca dei fatti, avevano doverosamente segnalato gli abusi all’allora funzionario superiore e al Consiglio di Stato?

 - Se non lo fecero, come pensa di agire il Consiglio di Stato nei confronti di funzionari ancora in carica o ex funzionari nominati dallo stesso in commissioni e altri enti, in virtù dell’articolo della LORD che obbliga TUTTI i dipendenti che, nell’esercizio delle loro funzioni, hanno notizia di un reato di azione pubblica, a farne immediato rapporto al Consiglio di Stato o al Ministero pubblico?

 - Se segnalazione ci fu e l’agire dei funzionari fu corretto, come mai, in virtù di quanto recita il medesimo articolo della LORD, il Consiglio di Stato in carica all’epoca e l’allora dirigenza del DSS non trasmise immediatamente la segnalazione al Ministero pubblico? In tutti questo tempo trascorso dall’arresto alla condanna dell’ex operatore sociale, sono stati fatti degli accertamenti?

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Il narcisista “COVERT” gioca abilmente la carta vittima, più e più volte, per impedire che gli altri si accorgano della sua incapacità di entrare in empatia, riuscendo a abilmente a manipolare le vittime e a convincere gli altri della sua buona fede.
WGWG 1 anno fa su tio
Uno schifo ! punto
vulpus 1 anno fa su tio
I socialisti hanno aiutato a insabbiare ARGO, ora gli altri ricompenseranno sulla storiaccia degli abusi ai collaboratori. Non siamo soltanto sul fondo, ma già oltre,
marco17 1 anno fa su tio
L'interrogazione è un segno dello scadimento del livello del dibattito politico in Ticino. I due fanno finta di porre domande al Consiglio di Stato ma in realtà si sono già dati le risposte. O sanno come stanno le cose e allora è inutile porre domande, o non lo sanno e allora avrebbero fatto meglio a tacere aspettando i risultati dell'inchiesta ordinata dal Consiglio di Stato. Soltanto demagogia e non desiderio di conoscere la verità.
seo56 1 anno fa su tio
.... a un qualche compagno???
Loki 1 anno fa su tio
Omertà, della serie nascondiamo tutto: errori, giochetti vari, assunzioni strampalate fino a fattacci come questo. Il governo sembra funzionare così? Da quel che sento e mi raccontano... Il problema è che, mi dicono, succedono fatti in tutti i dipartimenti. Fosse vero sarebbe un peccato visto che tutta è “cosa pubblica”!
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Prete arrestato: resterà in carcere almeno per le prossime 6 settimane
La decisione del giudice dei provvedimenti coercitivi. Il 50enne è finito in manette sabato scorso per abusi sessuali
CANTONE
6 ore
«Nessuna quarantena per chi rientra dall'Italia»
Al via la conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline. Norman Gobbi fa il punto della situazione
GORDOLA
7 ore
Corinne Suter come James Bond
Abituata all'adrenalina della velocità, la sciatrice svittese ha voluto provare il noto bungee jumping ticinese
LUGANO
9 ore
Canetta lascia la Rsi
Prepensionamento per il direttore dell'emittente di Comano. Si prepara la successione
CANTONE
11 ore
Pentecoste impegnativa per la Rega: un weekend con 130 interventi
In Ticino la Guardia aerea svizzera di soccorso è decollata sette volte
CANTONE
11 ore
Altro giorno senza morti e senza nuovi casi
I contagi da coronavirus registrati nel nostro Cantone rimangono 3'315, i morti 348.
CANTONE
13 ore
Il Covid che separa papà e figli
Durante il lockdown il diritto di visita tra genitori separati ha subito limitazioni, che in qualche caso continuano
BELLINZONA
14 ore
Troppa rigidità per le startup ticinesi?
Post Covid-19. A sollevare la questione è un imprenditore che si sente penalizzato: «Così ci escludono dagli aiuti».
CANTONE
23 ore
Scattano le manette per un badante
L'uomo, di origine straniera, è stato arrestato giovedì. L'accusa è di aver sottratto 20mila franchi a un anziano.
FOTO
LUGANO
1 gior
Godersi la foce con la distanza sociale
Per il lungo weekend di Pentecoste sono entrate in vigore le nuove misure per favorire il distanziamento sociale.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile