Tipress
CANTONE
06.02.19 - 12:310

«A quale altro funzionario vennero segnalati gli abusi?»

Fiorenzo Dadò e Boris Bignasca inviano un'altra interpellanza al Governo sul caso degli abusi all'interno dell'Amministrazione cantonale

BELLINZONA - Il caso degli abusi all'interno dell'Amministrazione cantonale assume i contorni di un domino. Con le tessere che - dopo la condanna affibbiata la scorsa settimana all'ex operatore sociale - stanno cadendo una dopo l'altra. Il polverone ha investito anche l'ex capo ufficio dell'Aiuto e della protezione Ivan Pau-Lessi che negli scorsi giorni avrebbe inviato delle lettere all’Ufficio Presidenziale del Gran Consiglio e al Consiglio di Stato per comunicare la propria autosospensione dal Consiglio della Magistratura. 

Una scelta «tardiva ma doverosa» secondo Fiorenzo Dadò e Boris Bignasca che sull'increscioso caso hanno inviato un'interpellanza bis al Governo. «Questa decisione è la diretta conseguenza - scrivono i due deputati - dei fatti gravissimi di abusi e di omertà avvenuti nei primi anni 2000 all’interno del DSS, ossia all’epoca in cui Pau-Lessi era dirigente dell’Ufficio implicato, e venuti alla luce non grazie alla segnalazione dei funzionari ma unicamente grazie alla coraggiosa e sofferta denuncia da parte delle vittime, che hanno portato la scorsa settimana a pronunciare parole durissime e persino porgere le pubbliche scuse da parte dello Stato, nella persona del giudice Marco Villa, durante la pronuncia della sentenza».

Ed è proprio dal processo che si è potuto apprendere che nel 2005 almeno una ragazza abusata « aveva chiesto aiuto a un alto funzionario, il quale non ha preso provvedimenti affinché l’imputato non potesse più ripetere certi comportamenti». Ed è proprio questo agire «omertoso» che non va giù a Dadò e Boris Bignasca.  «L’Amministrazione pubblica si è purtroppo già macchiata in modo indelebile; è quindi giunto il momento di fare l’immediata e massima chiarezza da parte di tutti, in primis Governo e Gran Consiglio».

I due deputati - in aggiunta alle precedenti interpellanze - ora vogliono il nome del funzionaio che - da fonti affidabili - sembrerebbe che Pau-Lessi abbia menzionato nella sua lettera. «A lui furono riferite le “pratiche sconce” e le segnalazioni di abusi dell’ex operatore sociale condannato». Per questo motivo Dadò e Bignasca vogliono sapere «quali siano i contenuti di questa missiva» e soprattutto quale sia il nome del «funzionario (se presente nella lettera) al quale avrebbe riferito a suo tempo della segnalazione di abusi». I due deputati vogliono inoltre sapere la funzione svolta all'epoca e se esso sia ancora attivo nell'Amministrazione pubblica».

Di seguito altre 4 domande presenti nell'interpellanza "bis":

- Pau-Lessi, fa riferimento alle segnalazioni di una sola ragazza o a più segnalazioni di differenti ragazze? Se si, quante? È a conoscenza il Consiglio di Stato se vi furono all’epoca segnalazioni di abusi o di molestie da parte nei confronti di funzionari a stretto contatto con l’ex operatore sociale condannato? Sono state fatte delle verifiche?

- Pau-Lessi e questo anonimo funzionario, all’epoca dei fatti, avevano doverosamente segnalato gli abusi all’allora funzionario superiore e al Consiglio di Stato?

 - Se non lo fecero, come pensa di agire il Consiglio di Stato nei confronti di funzionari ancora in carica o ex funzionari nominati dallo stesso in commissioni e altri enti, in virtù dell’articolo della LORD che obbliga TUTTI i dipendenti che, nell’esercizio delle loro funzioni, hanno notizia di un reato di azione pubblica, a farne immediato rapporto al Consiglio di Stato o al Ministero pubblico?

 - Se segnalazione ci fu e l’agire dei funzionari fu corretto, come mai, in virtù di quanto recita il medesimo articolo della LORD, il Consiglio di Stato in carica all’epoca e l’allora dirigenza del DSS non trasmise immediatamente la segnalazione al Ministero pubblico? In tutti questo tempo trascorso dall’arresto alla condanna dell’ex operatore sociale, sono stati fatti degli accertamenti?

 

8 mesi fa Consiglio della magistratura, Pau-Lessi si autosospende
8 mesi fa Ex funzionario condannato: «Preoccupante l’omertà nel DSS»
8 mesi fa «Il Forum dei giovani era il suo territorio di caccia»
8 mesi fa L’impubblicabile nome che tutti sanno
8 mesi fa Ex funzionario condannato: «In quanti devono chiedere scusa?»
8 mesi fa Ex funzionario DSS: «Accertamenti in vista nell'Amministrazione»
8 mesi fa «Chi ha coperto gli abusi lavora ancora per lo Stato?»
8 mesi fa L’ex funzionario del DSS è colpevole
8 mesi fa Chiesta l’assoluzione dell’ex funzionario del DSS
8 mesi fa La difesa: una testimonianza «fantasiosa ed esasperata»
8 mesi fa «Le ragazze sono credibili e trasparenti»
Commenti
 
pillola rossa 8 mesi fa su tio
Il narcisista “COVERT” gioca abilmente la carta vittima, più e più volte, per impedire che gli altri si accorgano della sua incapacità di entrare in empatia, riuscendo a abilmente a manipolare le vittime e a convincere gli altri della sua buona fede.
WGWG 8 mesi fa su tio
Uno schifo ! punto
vulpus 8 mesi fa su tio
I socialisti hanno aiutato a insabbiare ARGO, ora gli altri ricompenseranno sulla storiaccia degli abusi ai collaboratori. Non siamo soltanto sul fondo, ma già oltre,
marco17 8 mesi fa su tio
L'interrogazione è un segno dello scadimento del livello del dibattito politico in Ticino. I due fanno finta di porre domande al Consiglio di Stato ma in realtà si sono già dati le risposte. O sanno come stanno le cose e allora è inutile porre domande, o non lo sanno e allora avrebbero fatto meglio a tacere aspettando i risultati dell'inchiesta ordinata dal Consiglio di Stato. Soltanto demagogia e non desiderio di conoscere la verità.
seo56 8 mesi fa su tio
.... a un qualche compagno???
Loki 8 mesi fa su tio
Omertà, della serie nascondiamo tutto: errori, giochetti vari, assunzioni strampalate fino a fattacci come questo. Il governo sembra funzionare così? Da quel che sento e mi raccontano... Il problema è che, mi dicono, succedono fatti in tutti i dipartimenti. Fosse vero sarebbe un peccato visto che tutta è “cosa pubblica”!
TOP NEWS Ticino
LUGANO
9 min

«I molinari hanno imbrattato il parchetto»

La commissione di quartiere di Pregassona è furiosa. Luca Campana: «Hanno riportato il quartiere ai tempi in cui veniva chiamato “Bronx” e a spese della collettività»

BALERNA
34 min

L'uomo che si è gettato dal cavalcavia è deceduto

È escluso l'intervento di terze persone. L'autostrada è stata completamente riaperta alle 19.50

FOTO E VIDEO
BALERNA
2 ore

Traffico autostradale paralizzato nel Mendrisiotto

L'A2 è stata chiusa in direzione nord tra Chiasso e Mendrisio. All'altezza dello svincolo di Balerna sono giunte diverse auto della Polizia e un elicottero della Rega

BELLINZONA
3 ore

Serie ferite per uno degli operai colpiti dalla trave alle Officine

I due, dipendenti di una ditta esterna, stavano effettuando dei lavori di sgombero in un capannone quando sono stati travolti

CANTONE
4 ore

Per i politici, i costi sanitari vanno bene così

Un sondaggio condotto dall'Ordine dei medici rivela cosa pensano della sanità, i candidati alle elezioni federali

CANTONE
4 ore

Sadis benedice il Patto: «Non mi scandalizza puntare sui moderati»

Il sostegno dell’ex consigliera di Stato alla congiunzione PLR-PPD per le elezioni federali: «Bisognerebbe avere il coraggio di abbandonare i vecchi steccati partitici». 

CANTONE
6 ore

Ottenevano merce con identità e documenti fittizi: truffe ancora in atto

È stata aperta un'inchiesta per una serie di truffe messe in atto da alcuni mesi in Ticino, oltre San Gottardo e all'estero

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile