Ti Press
CANTONE
22.01.19 - 16:200

«Forti con i deboli, deboli con i forti»

I Verdi criticano le tempistiche del Cantone nell'affrontare i temi: «Una democrazia a due velocità»

BELLINZONA - «Hanno impiegato 6 mesi per tagliare, a spese dello Stato, posti di lavoro alle Officine FFS, ma dopo 6 anni la nostra iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino" è ancora ferma in commissione». Per i Verdi del Ticino questo è l'esempio lampante di come il Parlamento ticinese sia asservito ai poteri forti. Una dinamica che i Verdi deununciano «con sdegno».

«Quando padron comanda cavallo trotta» - «L’operazione Officine - si legge nel comunicato -, condotta dietro alle spalle delle maestranze e delle parti sindacali, evidenzia ancora una volta la deriva nella gestione dei soldi pubblici. Con un’enorme iniezione di denaro pubblico (in totale circa 180 milioni) viene favorita un’azienda semi-privata che delocalizza oltralpe le proprie attività, garantendo ad essa il privilegio di poter effettuare speculazioni immobiliari sul sedime pregiato di Bellinzona».

Al contrario, i Verdi caldeggiano una ristrutturazione dell’attuale comparto industriale o, più realisticamente, il recupero dei sedimi industriali dismessi in una zona del Ticino «ormai dimenticata da tutti» come Bodio-Giornico.

Salari dignitosi nel dimenticatoio - Al contempo, a 6 anni dal suo lancio, l’iniziativa dei Verdi che chiede l’introduzione di salari minimi dignitosi, giace ancora nei cassetti commissionali della politica ticinese. Una situazione che per i Verdi «ha del ridicolo e che alcune forze politiche non hanno intenzione di sbloccare, forse per evitare di dover esplicitare la loro reale posizione, in contrasto con la volontà popolare, almeno fino a dopo le elezioni di aprile? È troppo alto il rischio che gli elettori si rendano conto che a qualcuno non importa fare gli interessi della parte più in difficoltà della popolazione?»

In conclusione, i Verdi del Ticino invitano quindi le forze politiche nelle commissioni a un atto di responsabilità al fine di formulare in tempi stretti un rapporto sul salario minimo all’indirizzo del Gran Consiglio: «Il relativo messaggio governativo è sul tavolo da oltre 14 mesi, tempo che avrebbe dovuto essere più che sufficiente per decidere a favore di un salario realmente dignitoso per la popolazione residente».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 1 anno fa su tio
Hanno fatto finta di crederci, i politicanti. Adesso in vista delle elezioni cercano di smarcarsi. Da subito il sedime delle Officine ha fatto gola a notabili e ora è tempo di sgomberare.
Sciacallo 1 anno fa su tio
Qui si prende in giro la volontà popolare dei salari minimi con dei miseri giochetti...
seo56 1 anno fa su tio
Non sono dei Verdi ma condivido!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / CONFINE
12 ore
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
17 ore
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
19 ore
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CANTONE / VATICANO
1 gior
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
FOTO
MENDRISIO
1 gior
Qui solitudine e isolamento degli anziani si combattono da 30 anni
Il Servizio Anziani Soli, istituito a Mendrisio nel 1990, è tuttora un unicum a livello ticinese.
CANTONE
1 gior
Radar accesi su quattro distretti
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio.
CANTONE
1 gior
2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»
Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.
CANTONE
1 gior
Cantieri e misure anti-Covid: «Scenario desolante»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Liceo evacuato per un principio d'incendio
Ad aver preso fuoco sarebbe un albero di Natale. Le fiamme sono state rapidamente domate dai pompieri.
VIDEO
CANTONE
1 gior
«Cosa ci aspetta ora?»
Giorgio Merlani in un video prospetta tre scenari per l'evoluzione della pandemia nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile