Ti Press
CANTONE
16.01.19 - 20:370

«Via i semafori inutili dal Piano di Magadino»

L'Associazione un Piano di Magadino a misura d'uomo sostiene il referendum contro la posa dei semafori

MAGADINO - L'associazione un Piano di Magadino a misura d’uomo (APM) è contraria alla decisione di spendere 3,3 milioni di franchi per le previste opere di semaforizzazione sul Piano di Magadino e invita a sostenere il referendum contro i semafori sul Piano di Magadino (PdM): «Questa non indifferente somma dovrebbe essere investita per contenere il traffico privato a favore di un trasporto pubblico più efficace invece che per opere stradali inutili dal punto di vista della fluidità del traffico».

Un esempio, per l'APM, potrebbe essere quello di concedere ai giovani agli studi o in formazione l’uso gratuito, totale o parziale, dei mezzi pubblici, «una proposta già più volte discussa anche in Gran Consiglio, ma sempre rifiutata per motivi finanziari». Secondo il comitato dell’associazione un simile intervento non si giustifica in un periodo in cui è prevista l'apertura della galleria di base del Monte Ceneri.

L’APM è convinta che siano necessarie misure «veramente efficaci» per contenere il continuo aumento del traffico motorizzato individuale «che condiziona in maniera sempre più gravoso» il collegamento tra il Bellinzonese e il Locarnese. «L’introduzione dei semafori non è la soluzione al problema odierno e porterà, da una parte, a un ulteriore aumento della lunghezza delle automobili in colonna sulla cantonale tra Cadenazzo e Magadino e dall’altra a uno spostamento ancora più marcato del traffico verso la sponda destra del piano dove la strada cantonale attraversa numerosi nuclei abitati, già ora estremamente gravato dal traffico parassitario e all'interno delle strade agricole del Piano», conclude l'associazione.

Commenti
 
aula 10 mesi fa su tio
I semafori creerebbero code di automobilisti che per nessuna ragione al mondo spegnerebbero il motore (tranne per le auto di nuova generazione che si spengono da se). Inquinamento e traffico invariato. Ci vogliono vere soluzioni e quella dei semafori non lo è per nulla e 3 milioni sono 3 milioni, investibili in qualcosa di più concreto. Quella tratta è davvero difficile. Una reale soluzione è davvero potenziare i mezzi. Portare il Tilo a una specie di metropolitana a cielo aperto. Treni frequenti e piccole stazioni. Naturalmente a prezzi veramente accessibili.
Piccolo 10 mesi fa su tio
affossiamo le idee farlocche da dilettanti allo sbaraglio
albertolupo 10 mesi fa su tio
@Piccolo D'accordo: basta persone incompetenti che raccolgono firme per ogni pet.
gilles 10 mesi fa su tio
Perché non la finiscono di buttare via i soldi dei cittadini con idee ridicole? Perché non usano i loro soldi privati per mettere in pratica certe vaccate?
casi89 10 mesi fa su tio
perche per prova non si posano dei semafori intelligenti come nei cantieri stradali per 3-4 mesi.forse doppo quel periodo i nostri intelligentoni delle orsoline vedranno la scemenza che propongono.
albertolupo 10 mesi fa su tio
@casi89 Questa potrebbe essere una proposta. Il pragmatismo non è troppo di casa qui da noi...
Meck1970 10 mesi fa su tio
Quei milioni li investano nel migliorare i mezzi pubblici nel Locarnese, compreso il prezzo del biglietto. Specialmente nel Gambarogno.
sedelin 10 mesi fa su tio
bene, ottimo! troppi oppositori ai semafori per dare luce verde...ai semafori: ewwiwa!
comp61 10 mesi fa su tio
ahahahah i cugini di campagna siamo. In effetti siamo i sudisti……
87 10 mesi fa su tio
Fino a qualche anno fa entravi nelle strade agricole a Sant'Antonino e uscivi a Quartino; poi hanno messo i divieti di transito su alcune tratte e da lì non si passa più se non fai servizio a domicilio. Boicottare il Locarnese fintanto che non c'è un collegamento serio A2-A13. Ci guadagnano tutti in salute: i residenti, senza inquinamento; gli altri automobilisti, meno traffico; tu, senza stress.
tip75 10 mesi fa su tio
e’ tutto ridicolo...fate la superstrada che sta ne cassetto da 30 anni!!! quanto si mezzi pubblici sono insufficienti, da noi non funzionano e non è solo una questione di prezzo. togliere qualche rotonda sarebbe utile ma chiaramente poco incisivo
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Uccise la moglie: «Ma fu omicidio, non assassinio»
La difesa del 57enne autore dell’episodio di sangue verificatosi nel 2017 in un autosilo di Ascona chiede la condanna a quattordici anni di carcere. L’incarto potrebbe tornare al mittente?
MENDRISIO
1 ora
Così una ticinese trasforma le unghie in fenomeno internazionale
Si è concluso di recente il Campionato Internazionale Aestetica Nails Challenge di Napoli. Organizzato dalla momò Claudia Valli. Ecco come è andata
CANTONE
3 ore
Si paga con un dito, ecco la prima carta biometrica
La Biometric Gold Visa è stata lanciata da Cornèr Banca. È la prima del suo genere in Svizzera
CANTONE
3 ore
Vaccini, è già penuria: «Pensateci adesso»
Le scorte iniziano a scarseggiare. Il farmacista cantonale: «Segno che la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti»
CANTONE
3 ore
Delta Line rafforza la sua presenza in Ticino
L'azienda leader nella produzione di motori elettrici edificherà il proprio quartier generale a Lamone. La consegna dello stabile è prevista per fine 2020
FOTO
BELLINZONA
5 ore
Sbanda sulla cantonale e si rovescia sul tetto
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6 a Gnosca. Il conducente è stato trasportato in ospedale
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
6 ore
Frontale in galleria e 6 persone tra le lamiere... ma è un'esercitazione
Polizia cantonale, pompieri e Servizio ambulanze della Mesolcina si sono "allenati" ieri sera nel tunnel Val del Infern. Una trentina le persone coinvolte
CANTONE
7 ore
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
15 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
17 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile