tipress
BELLINZONA
13.11.18 - 09:170

Aumento dei premi cassa malati: «Non se ne può più! Sabato tutti alla manifestazione!»

Una decina tra sindacati e organizzazioni della sinistra si troveranno a Bellinzona per manifestare con l'aumento dei premi

BELLINZONA - Una decina tra sindacati (USS, Unia, VPOD) e organizzazioni della sinistra (Forum Alternativo, MPS, PC, POP, PS, Scintilla, Verdi) organizzano questo sabato a Bellinzona, con partenza da Largo Elvezia alle ore 16.00, una manifestazione di protesta contro il continuo aumento dei premi di cassa malati che, per la maggior parte della popolazione, significa una perdita netta del reddito disponibile.

«Dall’entrata in vigore della LAMal - sottolineano in una nota le associazioni partecipanti - i premi sono aumentati all’incirca del 150%, cioè circa il doppio rispetto all’aumento, nello stesso periodo, dei cosiddetti costi della salute». «Già questa discrepanza - prosegue la nota - segnala una grossa debolezza della LAMal, che sin dall’inizio è stata strutturata basandosi sull’ideologia della concorrenza e del libero mercato, principi che nel settore della salute hanno sempre e solo creato problemi e aumento dei costi, come chiaramente dimostra l’esperienza di tutti i paesi dove questi principi sono stati adottati. Se si considera poi che durante lo stesso periodo di tempo i salari sono sostanzialmente rimasti invariati, è evidente che per la maggior parte della popolazione i premi di cassa malati sono ormai diventati un peso economicamente insopportabile».

Secondo sindacati e organizzazioni di sinistra il problema sta nel fatto che «i premi per l’assicurazione di base sono uguali per tutti: miliardario o impiegato». «Nella maggior parte dei paesi europei - viene spiegato - i costi della salute sono invece coperti con prelievi proporzionali al reddito e alla sostanza: da noi invece i ricchi pagano in proporzione molto meno di chi ha redditi bassi: i premi di cassa malati non incidono in nessun modo sul loro livello di vita. Per le famiglie di redditi medio bassi i premi di cassa malati possono incidere fino ad un terzo del reddito famigliare».

«La situazione - prosegue il comunicato - negli ultimi anni è ancora peggiorata, in quanto i sussidi cantonali per le fasce meno abbienti della popolazione sono costantemente diminuiti».

Per queste ragioni le organizzazioni che invitano la popolazione a manifestare hanno preparato un manifesto, nel quale vengono presentate una serie di rivendicazioni immediate. Tra queste le principali sono: moratoria immediata sull’aumento dei premi di cassa malati, creazione di una cassa malati unica finanziata con premi proporzionali al reddito e alla sostanza, aumento dei sussidi per la copertura dei premi, controllo dei costi dei farmaci.

«La protesta è tanto più necessaria in quanto le ultime iniziative politiche indicano chiaramente che ormai non c’è più limite al peggio - conclude la nota -. Così l’UDC propone un taglio drastico alle prestazioni rimborsate dalle casse malati, i liberali vogliono imporci franchigie stratosferiche e trasferire i malati all’estero (con perdite di posti di lavoro in Ticino), mentre nessuno ha capito come si possa realizzare, senza favorire ancora una volta le casse malati, l’iniziativa popolare lanciata recentemente dal PPD sul piano nazionale. Questi partiti hanno qualcosa in comune: tutti i presidenti dei consigli di amministrazione e i CEO delle casse malati, i cui salari sfiorano ormai il milione all’anno, gravitano nella loro area politica. È quindi illusorio sperare che un miglioramento possa venire dai gremi parlamentari: una ragione di più per protestare ad alta voce!».

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
28 min
«Serve un nuovo Skate Park, altre pezze non hanno senso»
Le anime di ieri, Yari Copt, e di oggi, Daniele Stamerra, evidenziano i pesanti acciacchi della struttura. Alla Città, da sempre collaborativa, gli skater chiedono una nuova "area street"
FOTO
LUGANO
2 ore
Lacrime ed emozioni: fiaccolata per Matteo
Un momento di riflessione per il trentacinquenne ucciso lo scorso 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello. Diverse le persone presenti
LUGANO
2 ore
«Nella sezione PPD di Lugano c’è maretta»
Si è dimesso Luca Campana, membro dell’Ufficio presidenziale e responsabile comunicazione
CANTONE
4 ore
La gestione alla Cinque Fonti entra in aula con il Gran Consiglio
Raffaele De Rosa risponde alle domande dell'interpellanza di Matteo Pronzini sulla casa anziani. Ma il Parlamento rifiuta di aprire una discussione generale
CANTONE
4 ore
Dalla seconda alla prima classe? Solo se te lo dice il controllore
Il diritto di avere un posto a sedere non esiste. Anche quando i treni sono sovraffollati la valutazione spetta al personale delle FFS. Ma per chi sgarra non sempre è prevista una multa
CEVIO
8 ore
Infortunio sul lavoro, ferite gravi per un 51enne
L'uomo stava assicurando con delle cinghie alcuni tubi in pvc sul cassone di un camion, quando è caduto da un'altezza di circa tre metri
CANTONE
9 ore
Supporto allo studio e false scuole: «Come si è attivato il DECS?»
Lara Filippini e cofirmatari interrogano il Consiglio di Stato sulle prestazioni offerte dalla Clinical Pedagogy International Sagl
FOTO E VIDEO
LUGANO
13 ore
Fumo in Piazza Cioccaro, arrivano i pompieri
Nel palazzo sono in corso dei lavori di ristrutturazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile