Tipress
CANTONE
06.11.18 - 16:290
Aggiornamento : 07.11.18 - 14:52

Titoli di coda per la LIA

La controversa legge è stata abrogata oggi dal Gran Consiglio. Pronta un’iniziativa per la creazione di un albo compatibile con il diritto superiore

BELLINZONA - Dopo sei anni e un giorno cala infine il sipario sulla Legge sulle imprese artigianali (LIA). Il Gran Consiglio ticinese, al termine di un lungo dibattito, ha deciso oggi di abrogare la controversa legge con 47 voti a favore, 11 contrari e 13 astenuti.

Nonostante i rischi di un vuoto legislativo, in Parlamento ha quindi prevalso la volontà di prendersi il tempo necessario, evitando «soluzioni affrettate», come ribadito nel corso della discussione da più granconsiglieri. Un’iniziativa parallela per la creazione di un albo che sia compatibile con il diritto superiore - come confermato dalla relatrice di maggioranza Amanda Rückert (Lega) - è già pronta per essere depositata.

Il sostegno del Governo - Nel suo intervento prima del voto, il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali ha portato l’adesione del Governo all’abrogazione della legge, affermando però come «al di là dei rimpalli di responsabilità, oggi perdiamo tutti». Il consigliere di Stato ha inoltre confermato il sostegno alla proposta di Maurizio Agustoni (PPD), che chiedeva di restituire la tassa per l’anno 2018 alle ditte.

La stoccata a Zali - Le discussioni sul controverso albo hanno pure fatto da sfondo all'ennesimo "scontro" (oggi unilaterale) tra Pronzini e il direttore del DT, con il deputato MPS che ha pesantemente puntato il dito contro i responsabili della «mostruosità giuridica».

«La LIA è un prodotto del DT, capitanato da quel genio del diritto che risponde al nome di Claudio Zali», ha tuonato Pronzini, poi bacchettato sia dalla prima cittadina che dal collega Giorgio Galusero (PLR), che - tra gli applausi - lo ha invitato a smetterla di denigrare il Consiglio di Stato.

Commenti
 
albertolupo 1 anno fa su tio
"al di là dei rimpalli di responsabilità, oggi perdiamo tutti" una bella M! Spiacente, ma da subito c'è stata gente che ha detto che era una boiata pazzesca. Perdono quelli che la boiata l'hanno pensata, creata, votata.
beta 1 anno fa su tio
....... e manica, ma tanta, ma tanta ...... o soliti ignoti .
tip75 1 anno fa su tio
ma insomma...non si tratta di denigrare ma di costatare l operato di tutto il cds a partire dalla lia,poi dai mandati diretti,poi dal siamo sereni,poi dai posteggi poi poi poi....ci vuole coraggio a indispettirsi...un cds serio aveva rassegnato le dimissioni da un pezzo
ciapp 1 anno fa su tio
finalmente !!!!! si spera !!! e adesso !!! oli da gombat a recuperare il lavoro perso !! votazioni di aprile sono a tiro e di dare un voto al capo del territorio non entra più nel mio idolo !!!
Donatofiorella 1 anno fa su tio
Forse è arrivata l'ora alle nuove elezioni di cambiare radicalmente queste politica, naturalmente i politicanti !!!!!
F/A-18 1 anno fa su tio
@Donatofiorella Dovresti proporti, farti votare e dopo potresti cambiare le cose però arrivare lassù non è facile, la trafila passa in mezzo a tanti compromessi, impegno, conoscenza, promesse e quant'altro, dopo di che il popolo ti vota, prova.
ugobos 1 anno fa su tio
bravo pronzini alla fine ti sei rilevato per quello che sei. mi hai deluso. uno che sostiene leggi illegali va mandato a lavorare. era ora che toglievano sta menata. in ticino sempre più posto per giovani in assitenza e chi ha voglia di fare se ne va per i troppi problemi creati dal cantone.
albertolupo 1 anno fa su tio
@ugobos Guarda che Pronzini ha dato a Zali dell'incapace, proprio perché è Zali che ha creato la LIA. Poi non so se a sua tempo l'avesse votata pure lui (in aula del Gran Consiglio mancavano almeno una trentina di Granconsiglieri…).
noci 1 anno fa su tio
In aprile chi dobbiamo eleggere?
Biagio 1 anno fa su tio
Prendersi la responsabilità di una norma che ha creato problemi ecc... cosa vuol dire? Sicuramente non dimettersi, ci mancherebbe. Scommetto che lo stesso verrà fatto per la tassa di collegamento. Zali è stato e sicuramente sarà un ottimo giudice, ma forse la politica è altra cosa.
Bandito976 1 anno fa su tio
Libidine.....doppia libidine..... libidine coi fiocchi
Amina Domeniconi 1 anno fa su fb
Ci saranno dei rimborsi alle persone che hanno dovuto chiudere la propria attività e verranno rimborsate le tasse incassate ingiustamente? Non credo proprio!
Iron 883 1 anno fa su tio
E adesso vediamo di far sparire la tassa di collegamento. Altra mostruosità del Consigliere di Stato già giudice avv. Zali!
Lore62 1 anno fa su tio
@Iron 883 Esatto! E ce ne sono altre da far sparire, ad esempio la precedenza assoluta ai pedoni introdotta da qualche inetto, infatti ne schiacciano più di prima! Il genio invece di tornare sui suoi passi (vecchio e buon sistema) ha reso obbligatorio i fari accesi di giorno...si vedono i risultati XD
Tarok 1 anno fa su tio
godo
curzio 1 anno fa su tio
La solita paciugata alla ticinese. Invece di imparare la lezione, volete inventarvi un nuovo albo? Ma possibile che in Ticino al posto di snellire la burocrazia ci si intestardisce per crearne della nuova?
patrick28 1 anno fa su tio
FINALMENTE ! ECONOMIA LIBERA !!!!!!!!!!!!!!!!
gabola 1 anno fa su tio
@patrick28 E via a riempire i cantieri di furgoni targati i
albertolupo 1 anno fa su tio
@gabola Le imprese serie "targate" ( I ), pagacano ed erano tranquillamente iscritte alla LIA. Gli unici a perderci sono stati i ticinesi. Chi ha pagato per una roba inutile (da cui gli svizzero tedeschi sono stati da subito esentati…) e chi ha dovuto smettere di lavorare per un qualche cavillo.
gabola 1 anno fa su tio
@albertolupo Dici bene,le imprese serie,uguale da noi,daccordo che cosi non era perfetta,ma la si poteva sistemare,ora...terra bruciata e quelli seri la prenderanno dove non batte il sole(anche se spero di no,da padroncino e conoscente di parecchi padroncini che la Lia l'avevano)
KilBill65 1 anno fa su tio
Il tendone cambia ma il circo e' sempre quello!!!....
skorpio 1 anno fa su tio
Giusto o sbagliato che sia settimana prossima arriva il circo. Cari consiglieri , so che cercano dei pagliacci...
BillieJoe 1 anno fa su tio
@skorpio Hahahahahahahahaha, se facessero Notre Dame, il GOBB è perfetto...
albertolupo 1 anno fa su tio
@BillieJoe Gobb tropp smagrit per essere divertent
TOP NEWS Ticino
CANTONE
27 min
Emirati Arabi Uniti: grande interesse da parte degli imprenditori ticinesi
Il mercato è stato analizzato in una serata organizzata dalla Camera di commercio Cantone Ticino
CANTONE / CONFINE
1 ora
Aggredita a Lugano: «Mi ha salvata una mamma»
Paura al parcheggio di Cassarate: «Voleva il cellulare. Poi è scappato»
CANTONE
2 ore
La Federazione cacciatori boicotta la battuta tardo autunnale
Critiche al Dipartimento del territorio che ha «ignorato il loro parere», non dando il giusto peso ai problemi di sicurezza
CANTONE
3 ore
Isolato dal mondo per 18 giorni, Andrea ce l’ha fatta
Il ticinese Andrea Pawlotzki è riuscito nell'impresa di attraversare in solitaria l'Oceano Atlantico : «Non sono mai stato così ricco in tutta la mia vita, perché ero libero»
MASSAGNO
4 ore
«Ma quale polmone verde, si costruirà in modo eccessivo»
Il progetto per coprire la trincea a nord della stazione di Lugano non fa l’unanimità. E violerebbe addirittura la Legge sulla pianificazione del territorio
BELLINZONA
6 ore
Se la plastica serve per incenerire i rifiuti... ma anche no
Per il Municipio di Lugano il composto sintetico contribuisce a far funzionare il termovalorizzatore. Ma dall’impianto spiegano che non è così. La replica della Città che difende le scelte fatte.
LUGANO
13 ore
Tramonta il posto fisso, decolla l'interinale
I dati sono incoraggianti e il mondo del lavoro interinale è in continua espansione, tanto che fino al 20% delle persone che (ri)trovano un posto fisso vengono proposte dalle agenzie specializzate
CANTONE
15 ore
Caccia sì, ma non stressiamo gli animali al gelo
Si apre la caccia tardo autunnale. Cervi, caprioli e cinghiali sono le prede. Ma con dei limiti: «Le condizioni sono estreme, bisogna evitare che gli animali disperdano le loro energie»
CANTONE
16 ore
La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»
Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile