Tipress
CANTONE
03.11.18 - 19:420

Una cittadina interroga il Governo sui radar

Pamini e Morisoli danno voce ad una donna del Mendrisiotto che ha voluto porre dodici domande al Consiglio di Stato sul tema dei radar fissi e dei radar mobili

BELLINZONA - Un'interrogazione scritta da una privata cittadina del Mendrisiotto finisce sui banchi del Consiglio di Stato. Paolo Pamini e Sergio Morisoli (AreaLiberale) hanno infatti deciso di dare voce alla donna firmando l'atto che riguarda il tema legato ai radar fissi e ai radar mobili presenti sul territorio ticinese.

I due politici hanno voluto mettere in pratica «lo spirito di civismo e sussidiarietà di AreaLiberale» fornendo ai cittadini gli strumenti parlamentari «laddove le domande siano ritenute fondate e di principio in linea con i valori del nostro laboratorio di idee politiche».

E allora andiamo a scoprire le dodici domande poste dalla cittadina momò, «la cui identità è nota ai firmatari» che hanno solleticato l'interesse dei due parlamentari riguardo ai «dati sull’evoluzione delle multe provenienti dai radar» e «sul relativo ammontare dell'incasso».

Domande: 

1) Da quando nel Canton Ticino sono stati posati i radar fissi e mobili?
2) Quanti sono tali apparecchi e dove sono ubicati? Si prega di fornire i dati annuali dal 2015 ad oggi.
3) Quanti scatti di fotografie sono stati realizzati dalla posa di ogni apparecchio? Si prega di fornire dati annuali dal 2015 ad oggi.
4) Quanti scatti sono risultati nella detezione di un’infrazione?
5) Quanti sono i veicoli immatricolati nel Canton Ticino dal 2015 fino ad oggi? Si prega di fornire dati annuali.
6) A quanto ammontano gli incassi da multe comminate grazie all’uso di radar durante il medesimo periodo? Si prega di fornire dati annuali dal 2015 ad oggi.
7) Quanto sono costati i suddetti radar? Si prega di fornire dati annuali dal 2015 ad oggi.
8) In quanti anni vengono mediamente ammortizzati i suddetti radar?
9) Chi sono i fornitori di questi radar?
10) Se i radar hanno scopo di prevenzione, perché i proventi delle multe costituiscono una voce di ricavo del Cantone anziché finire per esempio in un fondo dedicato al finanziamento di misure preventive e dissuasive di ulteriori contravvenzioni?
11) Come sono stati impiegati i proventi delle infrazioni e con quali risultati? Si prega di menzionare le fonti di documentazione accessibile al pubblico.
12) Esiste una puntuale statistica sull’evoluzione delle infrazioni e se no perché non viene allestita?

Commenti
 
curzio 1 anno fa su tio
Se i radar non fossero messi per far cassetta, gli incassi delle multe andrebbero a favore di un fondo per l'aiuto alle vittime di incidenti.
F.Netri 1 anno fa su tio
Trovo opportuno che il popolo sia finalmente informato su come funziona, e quanto frutta, il "pizzo" allo Stato.
vulpus 1 anno fa su tio
Gira e rigira la questione è sempre e solo una sola: si fa prevenzione o cassetta? Educazione o infingardia? Al momento soltanto le seconde opzioni sembrano essere dimostrate.
mago62 1 anno fa su tio
i nostri cari funzionari sono furbi a bilancio hanno una voce "incassi da multe" ma nascondono sempre le spese di giudizio e le spese accessorie che sono ammontano almeno all'importo incassato per le multe se non, addirittura, sono di gran lunga superiori
Pier 1 anno fa su tio
La velocità trova dei limiti solo superiori, ma quando uno (come il sottoscritto) deve fare il Gottardo 3 o 4 volte a settimana e si ritrova l'imbranato di turno che fa rallentare fino a 40/50 km/h e quando accelera, se va bene, arriva a 65/70 km/h cosa deve dire? Le infrazioni per intralcio al traffico esistono ma non vengono mai applicate, ... perché? Quando non ci sono possibilità di sorpasso la lentezza esaspera e provoca incidenti ben più gravi di quelli dell'alta velocità!
Tato50 1 anno fa su tio
Questa mi sa che l'ha beccato ed è incavolata !!! Per " «lo spirito di civismo e sussidiarietà di AreaLiberale» , faccio 40 domande ai due per dirmi cosa hanno fatto dal 2015 a oggi con tutti i dettagli senza tanti giri di parole ;-((
Equalizer 1 anno fa su tio
@Tato50 Potresti anche avere ragione, ma concordo con le domande 10,11 e 12 che da sole valgono 100 punti. :-)
centauro 1 anno fa su tio
@Tato50 Ormai è appurato che le multe sono una direttiva istituzionale per fare cassa, lo sanno anche i sassi!!!! forse non si sono ancora accorti che spesso non è la velocità a fare vittime ma il rincoglionimento di certi automobilisti da segregare sul divano di casa!!!!!!
Tato50 1 anno fa su tio
@centauro Ho contribuito anch'io per semplice distrazione, ben due volte nel medesimo posto, in un luogo dove c'era il "deserto" e la segnaletica era sbagliata tanto che c'è rimasto un Avvocato, ha fatto ricorso e ha vinto. Segnaletica cambiata ma gli altri 3 o 4000 che sono stati fotografati non sono stati rimborsati ;-(( È evidente che ci sono troppe restrizioni ma in molte occasioni sono i Comuni a volerle, come pure i controlli. In certi luoghi va benissimo in altri siamo fuori di testa e se non vogliamo che la direttiva cantonale per fare cassa non sia tale dobbiamo per forza di cose adattare la velocità anche se a volte è un controsenso. Viviamo nei controsensi; mi consola il fatto che molti altri stanno peggio ;-((
centauro 1 anno fa su tio
@Tato50 Ma i rincoglioniti rimangono purtroppo!!!
centauro 1 anno fa su tio
@Tato50 Mi rendo conto che essere avvocati si è avvantaggiati!!!!! prossima vita lo diventerò!!!
Tato50 1 anno fa su tio
@centauro Ah quelli non mancano, anche occupando posti dirigenziali ;-((
Tato50 1 anno fa su tio
@Equalizer Hai ragione; vedremo le risposte se saranno convincenti o meno. La logica direbbe che gli incassi dovuti a infrazioni stradali dovrebbero essere utilizzati per il miglioramento della mobilità, ciclopiste e altro. Basta però con vasi di fiori con il diametro di un metro messi talmente bene che uno può "tirar diritto" e l'altro in attesa di poter circolare ha il tempo di bagnare le piante in essi contenute ;-))
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Equalizer A me piace particolarmente la 10, se le strade sono troppo pericolose per andare a 100 km/h come mai non sono ancora stati fatti dei progetti per adattarle? Io penso in particolar modo alle strade nelle valli che sono lunghe e spesso isolate. Io vivo in Vallemaggia e oggi fra radar e rotonde il viaggio è più uno stress che altro, con i soldi che fanno dovrebbero alzare la sicurezza delle strade e i limiti, non abbassarli tutti a 60.
cacos 1 anno fa su tio
@Mattiatr ciao , quando ho fatto la patente mi hanno insegnato come evitare incidenti tipo sorpassa il più veloce che puoi e togliti dalla corsia opposta ad esempio e altre. Allora le strade venivano allargate e tolti ostacoli pericolosi su di esse, oggi si fa il contrario malgrado la sicurezza delle auto é molto migliorata e capita che ti trovi un paletto o vaso di fiori dopo una curva l'auto postale in piena carreggiata (prima avevano le loro aree di sosta) sarà solo per l'aumento del traffico? poi esiste un organo che controlla i comuni o sono liberi di fare quello che vogliono?.
chiodone50 1 anno fa su tio
la trasparenza non guasta mai
VISIO 1 anno fa su tio
Ha perso definitivamente lo smalto....
F/A-18 1 anno fa su tio
Concordo su tutta la linea!
giova70 1 anno fa su tio
poverina! non ha nient'altro da fare?
Tato50 1 anno fa su tio
Non so quanti anni ha ma con tutte queste domande riceveranno una risposta gli eredi ;-(( Non bastava Pronzini ;-))
franco1951 1 anno fa su tio
È interessante notare come vi siano due visioni: di chi corre veloce e ha preso qualche multa e perciò, frustrato, plaude a questa iniziativa tacciando la polizia di voler fare cassetta e chi invece guida seguendo le regole e trova il tutto uno sfogo per aver preso una multa, magari con il ritiro del permesso.
centauro 1 anno fa su tio
@franco1951 Perché ancora ci credi alla favola che le multe non sono fatte per fare cassa? giusto rispettare le regole ma non è giusto essere ostaggi dei rincoglioniti che viaggiano davanti a te non meno di 10 km per eccesso di prudenza.......fatevi un mesetto sulle tangenziali di Milano per imparare a disciolarvi!!!!!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@franco1951 Io trovo giusto pubblicare i dati dei radar, sono cose pagate da noi. Si tratta di trasparenza nei nostri confronti. Non so se sul sito del cantone c'è una pagina dedicata ma dovrebbe esserci. In fondo sono soldi che prendono da noi, abbiamo il diritto di sapere.
Evry 1 anno fa su tio
Sicuramente si tratta di una (s)parlamenmtare che ha poco da fare o dedica il tempo per inventare l'acqua calda...
dan007 1 anno fa su tio
Se conosci i luoghi dove c’è un radar freni poi acceleri, peggio io abito zona 30 ma mi faccio sempre paura con tipi che sfrecciano a 60 in una stradina del centro la verità è che il radar non e la soluzione ma nel futuro sarà nelle auto con il rilievo automatico dei pannelli di circolazione le auto elettricamente potranno bloccare la velocità ho allertare di un incrocio ho stop ho frenare al semaforo rosso
centauro 1 anno fa su tio
@dan007 Ma un futuro infinitamente prossimo!!!!!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@dan007 Io trovo che una persona con le mai sul volante e con le capacità di usarle sia meglio di un computer.
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Che gli incidenti siano dovuti alla velocita`é ancora da provare:per me gli incidenti sono dovuti al guidar male Gli incidenti sono anche dovuti al guidar male.
robyk 1 anno fa su tio
Ben fatto.Ribellarsi allo stato di polizia.
centauro 1 anno fa su tio
@robyk Io ci sono!!!!!
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Hahah figuriamoci se rispondono...
Pier 1 anno fa su tio
La prevenzione si manifesta negli apparecchi che vengono piazzati vicino a scuole ecc., ..., altra prevenzione non ne vedo! Prima di giudicare la signora momò, bisognerebbe sapere come userà eventuali (e poco probabili) risposte. Mi permetto di ricordare che gli stessi limiti di velocità (esclusi quelli al di sotto dei 50 km/h) non sono cambiati da diversi decenni quando le automobili non erano ancora così sofisticate. A questo punto altra domanda: perché i veicoli devono adeguarsi a qualsiasi norma nuova mentre i limiti di velocità no (v/autostrade, ecc., ...)? I radar, secondo la mia personale esperienza, servono solo a fare "cassetta"; dimostrazione Pollegio dove mettono il radar a ca 18 metri prima della fine dei 50 km/h e Bodio a circa 100 metri dalla fine dei 50 km/h. I limiti vanno rispettati, ma anche i conducenti!
centauro 1 anno fa su tio
@Pier Pienamente d'accordo.....ribelliamoci allo stato di polizia!!! vedi robyk
egg_71 1 anno fa su tio
Quante persone sono decedute o hanno riportato lesioni gravi, a seguito di incidenti dovuti alla velocità? Quali sono i costi per la società, dovuti a coloro che non rispettano i limiti? Quanto tempo dovranno perdere gli addetti ai lavori, per rispondere alle domande formulate e di conseguenza non potranno fare prevenzione? Se ci sono dei limiti di legge, delle regole, perché è così difficile rispettarle? Lo specchio della società di oggi, ognuno può fare quello che vuole e se sbaglia, ha ancora il diritto di reclamare difendendo la propria libertà. Impariamo ad insegnare il rispetto degli altri, anche evitando di andare troppo velocemente in auto.
Orsettina 1 anno fa su tio
@egg_71 Sono D’ACCORDO IN TUTTO E PER TUTTO CON TE E KEVLAR. Inoltre,proprio vero,la cara”concittadina”del Mendrisiotto la ga propri nagott da fa???
Lore62 1 anno fa su tio
@egg_71 ...parliamo allora di quanti casi sociali ha provocato "cassa sicura", o quanti cittadini sono stati CRIMINALIZZATI per infrazioni che un tempo erano lievi (come ancora oggi in altri paesi). Oppure parliamo di chi riesce a cappottare l'auto a velocità ridicole sui rettilinei, a fare incidenti in rotonda, o schiacciare gatti a 30 orari ( il mio) con riflessi da bradipo... Oggi anche i giovani ( terrorizzati e lobotomizzati da cassa sicura) viaggiano come i nostri nonni degli anni 80! Oggi si circola talmente a rilento che non c'è più attenzione che richiede una guida ATTIVA, ma rimbambiti da distrazioni varie per rompere la noia, riescono perfino a centrare i muri e piloni all'ingresso delle gallerie, infilarsi in qualche scarpata o a spianare gente sui passaggi pedonali, anche con i fari accesi ! XD Quest'ultima altra legge stupida, quella di dare la precedenza assoluta ai pedoni!
F/A-18 1 anno fa su tio
@egg_71 Cosa intendi per troppo velocemente? Andare a 35 dove c'è il 30 e dove fino a ieri si andava a 50?
centauro 1 anno fa su tio
@egg_71 Quanti rincoglioniti infestano le strade bloccando la fluidità del traffico? quanti rincoglioniti riescono a provocare incidenti anche gravi a velocità bassissime? a quanti rincoglioniti dovrebbero ritirare la patente?
centauro 1 anno fa su tio
@Lore62 Totalmente d'accordo con te.....ribelliamoci allo stato di polizia!
centauro 1 anno fa su tio
@Orsettina La propri nagott da fa, ma almen la fa quaicos per tucc!!!
Equalizer 1 anno fa su tio
Gentile Consigliere di Stato Gobbi, questa è la sua buona occasione di mostrare la vera trasparenza della politica al servizio del cittadino. E lo stesso vale per i vari capi dicastero delle città ticinesi. Preparatevi.
Jenaplynski 1 anno fa su tio
Domandomi da far accapponare la pelle... ???????
MrBlack 1 anno fa su tio
Io aggiungerei una domanda 13) Quante multe ha preso la cittadina del mendrisiotto per essere così frustrata? :-))))
sedelin 1 anno fa su tio
e dopo le numerose risposte alle infinite domande che cosa se ne fa la signora? a me sembra che abbia intenzione di rompere le palle a chi si deve occupare di problemi veri.
centauro 1 anno fa su tio
@sedelin Ma fa benissimo......ribelliamoci allo stato di polizia!
lügan81 1 anno fa su tio
Bravissima cittadina momó! Speriamo solo che non fanno orecchie di mercanti... Che non mi stupirebbe...
Gus 1 anno fa su tio
Limitiamo il potere dello stato poliziesco!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LAVENA PONTE TRESA
4 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
LUGANO
6 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
7 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
7 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
LUGANO
8 ore
«Faccio fatica a definire genitori queste due persone»
Processo contro la coppia horror del Bellinzonese: la procuratrice pubblica Marisa Alfier chiede una pena di 15 anni di carcere per l'uomo e di 14 anni e 6 mesi per l'ormai ex moglie
VIDEO
GAMBAROGNO
10 ore
L’inferno alle 7 di mattina: al lavoro coi nervi a pezzi
Chiuso il nucleo di Quartino. Tutto il traffico si riversa sulla strada cantonale. Il test video di Tio/20minuti. E la rabbia degli automobilisti: «Vergognoso»
LOCARNO
10 ore
Delta Resort: «Il Municipio di Locarno fa il necessario?»
Interpellanza di Pier Mellini al Municipio sul suo operato e sull’ordine di vigilare affinché gli appartamento non siano utilizzati come residenza
CANTONE
12 ore
La rivelazione shock del padre: «Toccarmi con mia figlia era diventata un'esclusiva»
Processo alla coppia dell'orrore. Il 50enne, che abbelliva i filmati hard con effetti speciali e colonne sonore, gioca a nascondino col giudice. Intanto emerge che la madre era gelosa della ragazza
FOTO E VIDEO
CHIASSO
12 ore
Tamponamento in via Rampa, conducente ferita
L'incidente è avvenuto attorno alle 10 di questa mattina. Sul posto soccorsi e polizia
LUGANO
13 ore
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni shock da parte della mamma
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile