fotolia
CANTONE / SVIZZERA
26.09.18 - 08:360
Aggiornamento : 27.09.18 - 10:15

Accordo quadro con l'Ue, il Ticino non ne vuol sapere

I negoziati con Bruxelles trovano sostegno in Romandia e in Svizzera interna, ma non a sud delle Alpi

BERNA - La maggioranza della popolazione ticinese (55%) non vuole negoziare un accordo quadro fra Svizzera e Unione europea: è quanto emerge da un sondaggio diffuso oggi dai media SRG SSR, che mette in luce invece un sostegno in Romandia (66%) e nella Svizzera tedesca (59%).

I partecipanti al rilevamento online dovevano rispondere alla domanda: ritiene giusto che il Consiglio federale cerchi di negoziare un accordo quadro istituzionale con l'Ue? L'istituto di ricerca Sotomo ha elaborato i dati di 12’179 risposte, operando adattamento statistici per tenere conto della composizione del campione.

Dal sondaggio emerge anche che il 53% è favorevole a compromessi e il 40% pensa che le procedure di controllo dei salari potrebbero essere semplificate. Solo il 9% sarebbe però pronto a transigere sulla protezione dei salari e unicamente il 4% è pronto a rivedere al ribasso le misure di accompagnamento che attenuano gli effetti negativi della libera circolazione delle persone.

Gli interpellati sono divisi riguardo alla posizione dell'Unione sindacale svizzera (USS), che ha rifiutato di trattare con il Consiglio federale su un ammorbidimento delle misure di accompagnamento: per il 34% l'USS ha fatto bene, mentre il 45% ritiene che non dovrebbero esserci tabù.

La posizione verso l'accordo quadro è logicamente determinata dalla propria posizione politica: i più favorevoli a trattare un'intesa che leghi istituzionalmente Berna a Bruxelles sono i sostenitori del PS (86%), mentre maggiormente contrari sono i simpatizzanti UDC (81%).

Commenti
 
TOP NEWS Ticino
BIASCA
18 min
Allarme su Fb: «Rapitori di bimbi in paese». La scuola: «È un fake»
Un post su Facebook mette in ansia i genitori. All’origine ci sarebbe un fatto reale, un automobilista che ha avvicinato una bimba chiedendole il nome e poi è ripartito
CANTONE
1 ora
Solo un distretto risparmiato dai radar
La prossima settimana niente controlli mobili a Blenio. Ben 15 le località controllate nel Luganese
LOCARNO
2 ore
Lettere anonime a Dadò: «È la 150esima. Un'ossessione»
Da anni uno stalker l'avrebbe preso di mira. «Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno»
LUGANO
3 ore
Morta dopo la liposuzione, il medico non operava in Ticino
Arriva a distanza di un anno e mezzo la risposta del Consiglio di Stato sul dottor M.C. «Non ha mai ricevuto l'autorizzazione a esercitare»
FOTO E VIDEO
CANTONE / NEPAL
5 ore
Le mani ticinesi nella ricostruzione post terremoto
Oltre 600 case, due scuole e un ambulatorio medico grazie alla generosità. Kam For Sud ha concluso il lavoro di ricostruzione del villaggio di Saipu
LUGANO
7 ore
Chi conosce l’agente di quartiere, si sente più sicuro
Sono stati presentati stamani i risultati del sondaggio sulla sicurezza. I cittadini più soddisfatti della qualità di vita sono quelli di Castagnola, Carona e Cureggia
LUGANO
7 ore
Lago Ceresio, è allerta piena
Il rischio "marcato" è previsto tra le 11 di oggi e le 18 di lunedì. Anche la Tresa, l'emissario del lago di Lugano, si è alzata
LUGANO
9 ore
«Me la sono cavata con una giacca rotta e qualche "pattone" in faccia»
Parla la vittima dell'aggressione al posteggio di Campo Marzio: «Devo ringraziare la mamma che mi ha aiutato e la polizia cantonale che è stata gentilissima»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile