Keystone
CANTONE / SVIZZERA
25.09.18 - 09:210
Aggiornamento : 10:08

Salari minimi ai lavoratori distaccati: c'è l'ok del Consiglio degli Stati

L'obiettivo della mozione presentata da Fabio Abate è di evitare una concorrenza sleale con i lavoratori locali. Il dossier va al Nazionale

BERNA - Le aziende estere che distaccano lavoratori in Ticino dovrebbero essere obbligate a rispettare i salari minimi proposti dal consiglio di Stato, e non ancora entrati in vigore, in applicazione dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino!", approvata il 14 giugno 2015.

È quanto chiede una mozione approvata oggi dal Consiglio degli Stati per 33 voti a 9 inoltrata dal "senatore" Fabio Abate (PLR/TI), nonostante la raccomandazione contraria del ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann e del Consiglio federale. Il dossier va al Nazionale.

Col suo atto parlamentare, il "senatore" ticinese chiedeva se non fosse il caso di completare la Legge federale sui lavoratori distaccati (LDist), prevedendo anche il rispetto dei salari minimi adottati a livello cantonale, e ciò per evitare una concorrenza sleale da parte degli operai esteri rispetto ai lavoratori locali.

Un argomento ripreso anche da Filippo Lombardi (PPD/TI) nel suo intervento e dal consigliere agli Stati socialista Paul Rechsteiner (SG). A detta dei due "senatori" si tratta di proteggere i lavoratori delle zone di frontiera, non solo il Ticino ma anche il Giura e Neuchâtel che hanno adottato il salario minimo a livello cantonale, dal dumping salariale, evitando in questo modo distorsioni alla concorrenza.

Nel suo intervento, il ministro dell'economia Schneider-Ammann ha ricordato una sentenza del Tribunale federale secondo cui, diversamente dalle misure collaterali in vigore a livello nazionale, l'introduzione di salari minimi da parte dei Cantoni serve a lottare contro la povertà.

Solo in questo modo, ha aggiunto il ministro dell'economia che oggi ha annunciato le sue dimissioni per la fine dell'anno, il salario minimo è conforme al principio di libertà economica sancito dalla Costituzione e al diritto federale.

L'inserimento nella LDist di una disposizione relativa ai minimi salariali, ha spiegato l'esponente PLR nell'esecutivo, sarebbe inoltre in contraddizione con il campo d'applicazione delle leggi cantonali.

Un'argomentazione che non ha convinto Fabio Abate, secondo cui il salario minimo è una misura volta a proteggere il mercato del lavoro e che il Consiglio federale dispone del margine di manovra per agire di conseguenza.

Per Abate è chiaro: qualora la legge d'applicazione ticinese sui salari minimi dovesse entrare in vigore, sarà fondamentale - tenuto conto della particolare situazione del mercato del lavoro del Cantone Ticino - poter rendere obbligatorio il rispetto di questi salari anche da parte delle ditte estere che distaccano lavoratori in Ticino.

Attualmente, infatti, l'articolo 2 della LDist prevede che il datore di lavoro debba garantire "ai lavoratori distaccati almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro...".

Secondo Abate, si tratta quindi di completare questo articolo obbligando i datori di lavoro esteri a rispettare anche i salari minimi stabiliti a livello cantonale, dal momento che a livello federale il popolo non ha voluto saperne. Egli ha ricordato, assieme ad altri suoi colleghi, che oltre al Ticino, anche il Giura e Neuchâtel hanno adottato il salario minimo, e che forse altri Cantoni seguiranno. Non si tratta insomma solo di una misura a favore del cantone a Sud delle Alpi.

Commenti
 
VISIO 1 anno fa su tio
Abate, basta con ...., apri la porta e chiudila dall’esterno
TOP NEWS Ticino
LUGANO
58 min
Lara e Valon, la coppia più “antipatica” della Svizzera?
La sciatrice e il calciatore nell’occhio del ciclone. Francesco Lurati, esperto di gestione della comunicazione: «Nell’era dei social, è problematico non avere una strategia chiara»  
TESSERETE
1 ora
Ticinesi in crisi d'identità? «Riscoprite il dialetto»
È il consiglio che dà Gabriele Quadri, dialettologo e scrittore che spiega perché l’idioma locale è «ricchezza da salvaguardare», magari anche con l’aiuto della scuola
FOTOGALLERY
QUARTINO
13 ore
Fanno un video con la Ferrari, fermati tre giovani
È successo oggi pomeriggio nei posteggi del centro Luserte. Sequestrate delle armi finte. "Trapper" nei guai
CANTONE
15 ore
«Il collegamento con Milano è un grosso problema»
In occasione del battesimo del Giruno “Ceneri 2020”, oggi il sindaco di Lugano ha sottolineato l’importanza di sviluppare la ferrovia verso sud
FOTO, VIDEO E SONDAGGIO
CANTONE
16 ore
Al tunnel del Ceneri mancano 365 giorni… anzi no, sono 363
È scattato oggi il conto alla rovescia in vista della messa in esercizio della galleria. Battezzato un altro treno Giruno
ITALIA-CANTONE
16 ore
Un tesoro da 27 milioni "naufragato" in Ticino
In una banca luganese i presunti fondi sottratti dal mega-fallimento di un armatore campano
CANTONE
18 ore
Pioggia, pioggia e ancora pioggia
Il bollettino di MeteoSvizzera per la prossima settimana ci lascia una sola certezza: servirà l’ombrello almeno fino a venerdì
AIROLO
18 ore
L’Hotel Alpina potrà passare nelle mani del Comune
Il 61,9% dei cittadini ha approvato l’acquisto della struttura che per una decina di anni ospiterà gli operai del Gottardo. Ma c'è ancora un ricorso da evadere
LUGANO
19 ore
Un "pacchetto" di sinistra sotto l'albero
PS, PC e Verdi hanno presentato tre emendamenti e sei mozioni al Municipio di Lugano. Eccole
LUGANO
20 ore
Un'isola artificiale a Lugano? «Ma è un plagio»
Il progetto commissionato dal Municipio. Ma assomiglia a un'idea lanciata pochi mesi fa da due consiglieri comunali
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile