Keystone
CANTONE / SVIZZERA
25.09.18 - 09:210
Aggiornamento : 10:08

Salari minimi ai lavoratori distaccati: c'è l'ok del Consiglio degli Stati

L'obiettivo della mozione presentata da Fabio Abate è di evitare una concorrenza sleale con i lavoratori locali. Il dossier va al Nazionale

BERNA - Le aziende estere che distaccano lavoratori in Ticino dovrebbero essere obbligate a rispettare i salari minimi proposti dal consiglio di Stato, e non ancora entrati in vigore, in applicazione dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino!", approvata il 14 giugno 2015.

È quanto chiede una mozione approvata oggi dal Consiglio degli Stati per 33 voti a 9 inoltrata dal "senatore" Fabio Abate (PLR/TI), nonostante la raccomandazione contraria del ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann e del Consiglio federale. Il dossier va al Nazionale.

Col suo atto parlamentare, il "senatore" ticinese chiedeva se non fosse il caso di completare la Legge federale sui lavoratori distaccati (LDist), prevedendo anche il rispetto dei salari minimi adottati a livello cantonale, e ciò per evitare una concorrenza sleale da parte degli operai esteri rispetto ai lavoratori locali.

Un argomento ripreso anche da Filippo Lombardi (PPD/TI) nel suo intervento e dal consigliere agli Stati socialista Paul Rechsteiner (SG). A detta dei due "senatori" si tratta di proteggere i lavoratori delle zone di frontiera, non solo il Ticino ma anche il Giura e Neuchâtel che hanno adottato il salario minimo a livello cantonale, dal dumping salariale, evitando in questo modo distorsioni alla concorrenza.

Nel suo intervento, il ministro dell'economia Schneider-Ammann ha ricordato una sentenza del Tribunale federale secondo cui, diversamente dalle misure collaterali in vigore a livello nazionale, l'introduzione di salari minimi da parte dei Cantoni serve a lottare contro la povertà.

Solo in questo modo, ha aggiunto il ministro dell'economia che oggi ha annunciato le sue dimissioni per la fine dell'anno, il salario minimo è conforme al principio di libertà economica sancito dalla Costituzione e al diritto federale.

L'inserimento nella LDist di una disposizione relativa ai minimi salariali, ha spiegato l'esponente PLR nell'esecutivo, sarebbe inoltre in contraddizione con il campo d'applicazione delle leggi cantonali.

Un'argomentazione che non ha convinto Fabio Abate, secondo cui il salario minimo è una misura volta a proteggere il mercato del lavoro e che il Consiglio federale dispone del margine di manovra per agire di conseguenza.

Per Abate è chiaro: qualora la legge d'applicazione ticinese sui salari minimi dovesse entrare in vigore, sarà fondamentale - tenuto conto della particolare situazione del mercato del lavoro del Cantone Ticino - poter rendere obbligatorio il rispetto di questi salari anche da parte delle ditte estere che distaccano lavoratori in Ticino.

Attualmente, infatti, l'articolo 2 della LDist prevede che il datore di lavoro debba garantire "ai lavoratori distaccati almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro...".

Secondo Abate, si tratta quindi di completare questo articolo obbligando i datori di lavoro esteri a rispettare anche i salari minimi stabiliti a livello cantonale, dal momento che a livello federale il popolo non ha voluto saperne. Egli ha ricordato, assieme ad altri suoi colleghi, che oltre al Ticino, anche il Giura e Neuchâtel hanno adottato il salario minimo, e che forse altri Cantoni seguiranno. Non si tratta insomma solo di una misura a favore del cantone a Sud delle Alpi.

Commenti
 
VISIO 1 anno fa su tio
Abate, basta con ...., apri la porta e chiudila dall’esterno
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore

«Trattamenti da ambulatorio africano e nessuna privacy»

Nuova stilettata dell'avvocato Tuto Rossi contro il medico del traffico Mariangela De Cesare

CANTONE
6 ore

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
6 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
8 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
10 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
12 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

LUGANO
14 ore

L'impresa di Nicole: campionessa del mondo a 50 anni

Trionfo di una ticinese ai Mondiali Master di judo in Marocco: «Che emozione il salmo svizzero per me»

LUGANO
15 ore

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

FOTO E VIDEO
LUGANO
17 ore

Auto in fiamme nella notte

La vettura è andata completamente distrutta nei pressi della pompa di benzina di Pazzallo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile