Tipress
CANTONE
28.08.18 - 07:180

Rimborsi, Matteo Pronzini ci riprova

Dopo i due decreti d'abbandono firmati da Noseda, il deputato Mps si è rivolto al nuovo Procuratore generale Pagani

BELLINZONA - Con l’arrivo del nuovo Procuratore generale, Matteo Pronzini non si è lasciato sfuggire l’occasione di riproporre il tema dei rimborsi spese dei Consiglieri di Stato. L’ex Procuratore generale John Noseda, lo ricordiamo, aveva firmato ad inizio 2018 due decreti d’abbandono, non avendo riscontrato nessun reato di natura penale nei riguardi delle persone coinvolte.

Pronzini scrive al nuovo Procuratore generale Andrea Pagani, insistendo sul rimborso forfettario per le spese telefoniche, che «risulta privo di base legale, dal momento che non è mai stato approvato dall’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, e non è minimamente in correlazione plausibile con spese realmente sostenute dagli interessati».

Nel frattempo la proposta di revisione del regime forfettario sottoposta dall’Esecutivo all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio non ha trovato terreno fertile.

Ora, dato «il mancato ravvedimento da parte dei diretti interessati (con l’eccezione di Manuele Bertoli)» Pronzini chiede al nuovo Procuratore generale Andrea Pagani di verificare se i rilievi e le conclusioni «concernenti l’elemento soggettivo contenuti in particolare nel secondo decreto d’abbandono adottato dal predecessore» rimangano validi, oppure se ritenga «che debba essere promossa l’accusa di reato di abuso d’autorità (o altri eventuali reati) contro i Consiglieri di Stato attualmente in carica».

1 anno fa Rimborsopoli, niente ricorsi né commissioni
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
1 ora

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
3 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
4 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

LUGANO
12 ore

Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto

Sconosciuto l'autore del folle gesto. Il proprietario del veicolo: «Sono sconcertato e rattristato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile